Fandom

Scratchpad

1936 La II Guerra Mondiale

216,259pages on
this wiki
Add New Page
Discuss this page1 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.


La II Guerra Mondiale

Capitolo I – 1936, punto di divergenza

Questa storia fatta coi "se" ha il suo punto di divergenza nel 1936.

All'inizio dell'anno inizia uno sfruttamento razionale ed intensivo, del petrolio che Ardito Desio aveva scoperto in Libia nel 1932 (foto 1).


Foto 1 – La bottiglia contenente petrolio, riportata in Italia da Ardito Desio

Durante gli ultimi mesi della campagna d'Etiopia e nei mesi immediatamente successivi alla proclamazione dell’Impero, la Monarchia, temendo un colpo di stato fascista, tendente ad instaurare un regime totalitario col Duce presidente a vita, e avendone in seguito la certezza, organizza, con l'appoggio di parte delle forze armate e dei movimenti d'opposizione più moderati (nonché delle frange filo-monarchiche interne al fascismo stesso), un golpe che si concretizza il 25/07/36.

Mussolini, sull’onda del consenso causato dalla conquista dell’impero, aveva deciso di rompere gli indugi e porre in pratica fine alla diarchia con la monarchia, adottando decisioni che andavano in quella direzione:

• La nomina a 1° Maresciallo dell’Impero (24/05/36) • L’assunzione di Comandante supremo delle FF.AA. in sostituzione del Re(06/06/36) • Lo scioglimento della Camera e l’annuncio della sua sostituzione con la Camera dei Fasci e delle Corporazioni, con funzioni anche costituenti visto il contemporaneo annuncio dell’abrogazione dello Statuto Albertino (18/06/36) • La trasformazione del Gran Consiglio del Fascismo in organo di Governo nazionale (27/06/36) • La nomina a Ministro dello Stato del Segretario del PNF (05/07/36) • L’inglobamento delle FF.AA. nella MVSN (deciso durante il GCF del 19/07/36, ma non ufficializzato) • Lo scioglimento del Senato di nomina regia e sostituzione di un senato con nomina a cura del “Duce della Nazione” (deciso nello stesso GCF, non ufficializzato) • L’approvazione delle “Leggi Razziali” non sottoposte alla firma Regia (deciso sempre nel GCF del 19/07, ma non ufficializzato, mentre sui giornali, “addomesticati” dal regime, infuria la polemica antisemita).

Il fascismo si scioglie come neve al sole (Balbo resta governatore in Libia, avendo appoggiato il golpe, Graziani dopo alcuni giorni d’indecisione si adegua, ma viene sostituito ai primi d’agosto) e Mussolini ripara in Germania (era convinto di parlare correntemente il tedesco!!!) con Farinacci e alcuni afficionados.

Badoglio viene nominato Presidente del Consiglio e forma un governo tecnico composto di militari e tecnici di area fascista e conservatrice; l’indirizzo del governo è di tipo paternalista, fortemente conservatore, con ampi poteri alle forze armate.

Uno dei primi atti è quello di sciogliere il PNF e far confluire la MVSN nelle FF.AA..

La situazione sfugge di mano ai golpisti (un attentato, messo in atto da Ettore Muti, ferisce gravemente Vittorio Emanuele III) e in data 08/09/36 il potere passa nelle mani del Comitato di Bari (nome dato all'alleanza dei partiti antifascisti che si erano riuniti in quella città) con la formazione del governo Bonomi di unità nazionale (formato da Popolari, Socialisti, Azionisti, Repubblicani, Comunisti e Liberali) e l'annunzio di elezioni per un'assemblea costituente.

Vittorio Emanuele è costretto ad abdicare e De Nicola viene nominato reggente (ai primi di maggio '37 la corona passa a Umberto II).

Le elezioni per l’assemblea costituente e il referendum istituzionale del 02/06/37 hanno i segg. risultati:

• DC 25%, PSU 18%, PCI 17%, PLI 6%, i 4 partiti neofascisti PFR (repubblicano e populista, con a capo Pavolini, col 5%), DN (monarchico e ultra-conservatore, con a capo De Vecchi, col 4%), MSI (monarchico e corporativista, con a capo Bottai, col 9%) e AN (monarchico, liberaleggiante e nazionalista, con a capo Federzoni e Grandi, col 6%) il 24%, PRI-PdA 5%, altri il 5%. • La monarchia viene confermata col 58% dei voti validi.

Viene formato il Governo Parri, sempre di unità nazionale (con l’esclusione dei post-fascisti), che governa il paese sino alle elezioni del 38.

La nuova costituzione entra in vigore il 01/01/38 e le conseguenti elezioni del 18/04/38 danno i segg. risultati: DC 33%, PSU 22%, PCI 18%, PLI 8%, i tre partiti neofascisti (l’MSI si è sciolto, confluendo nella DC) PFR (3,5%), DN (2,5%) e AN (4%) il 10%, PRI-PdA 6%, altri il 3%.

In politica estera si ha un timido riavvicinamento a Francia e RU nonché una serie di accordi commerciali con l'URSS, vengono forniti aiuti alla repubblica spagnola ma non avviene alcun intervento in quella guerra.

Il nuovo regime democratico, ritiene imminente (nell'arco di 3-5 anni) un conflitto mondiale e crede probabile che gli schieramenti saranno i seguenti: RU e III Reich da una parte, contro Francia e URSS dall'altra; non essendo possibile l'alleanza con la Germania hitleriana, si decide un ampio piano di riarmo in funzione anti inglese e tedesca, questo comporta un rinforzo di tutte le 3 armi (marina ed aviazione in funzione anti inglese, esercito ed aviazione in funzione anti tedesca).

Il centro-sinistra che governa il paese (DC-PSI e PRI-PdA), prosegue nella congiuntura favorevole, con la bilancia dei pagamenti in attivo visto che dall'inizio del ‘38 diventiamo esportatori di petrolio, oltre al potenziamento diretto delle FF.AA., si realizzano infrastrutture che permettono l'inizio del boom economico che vedrà la sua maturazione nei primi anni '40 (vengono sfruttate in modo razionale ed intensivo le miniere d’oro e di platino dell’AOI e vengono trovati nuovi filoni auriferi nelle miniere del Monte Rosa).

Vengono migliorati i porti libici, eritrei e si iniziano opere portuali anche a Mogadiscio, Dante e Chisimaio (purtroppo ancora in fase non avanzata allo scoppio delle ostilità nel 40), vengono ampliate le ferrovie nelle colonie: la "Balbia ferrata" allo scoppio delle ostilità parte dal confine tunisino giungendo a Sirte e da Agebaia a Derna; la Massaua-Cheren (migliorata) giunge al confine sudanese, dall'Asmara una linea che dovrebbe raggiungere Gondar arriva oltre Axum, sempre dall'Asmara una linea diretta a Dessiè raggiunge quasi Maccallè, da Assab due linee dovrebbero raggiungere Dessiè e Addis Abeba, ma vengono solo realizzati poche decine di km, da Mogadiscio una linea avrebbe dovuto raggiungere Harar e Dire Daua ( con prosecuzione sulla Assab-Addis Abeba) e giunge sino a Belet Uen, un'altra diretta ad Addis Abeba supera Iscia Baidoa e una costiera (che dovrebbe giungere a Chisimaio viene fermata dagli eventi bellici nei pressi di Brava.


Cartina 1 – Lo sviluppo (previsto in colore blu) della rete ferroviaria nell’AOI

Tra marzo ed aprile del 39 avvengono una serie di fatti che modificano notevolmente lo scacchiere politico europeo e determineranno gli schieramenti nel conflitto che sta per deflagrare.

23/03/39, mentre è in navigazione verso Memel, Hitler viene ucciso da esponenti di una congiura militare, in pochi giorni (anche se non senza colpo ferire, come in Italia) il regime Nazista viene sostituito da un regime militare fortemente conservatore che però toglie le leggi più infami e antidemocratiche naziste pur mantenendo (anche se viene dichiarato che si tratta di un fatto temporaneo) lo scioglimento di partiti e sindacati (compreso quello nazista).

31/03/39, cade Madrid e i nazionalisti vincono la guerra civile, migliaia di oppositori e parte dell'esercito repubblicano, riparano in Sardegna (con il fattivo aiuto della ns. flotta) dove viene formato un governo in esilio.

06/04/39, un colpo di stato filo inglese abbatte re Zog d'Albania (che si era molto avvicinato all'Italia, ritenendo, a torto, che i governanti democratici non avessero mire espansionistiche nei Balcani e si accontentassero di una penetrazione economica e di un allineamento in politica estera), chiedendo il protettorato inglese, l'Italia interviene e dopo un'invasione lampo, proclama (il 12/04) l'unione personale trai due regni; ciò provoca un forte raffreddamento nei rapporti col RU e un riavvicinamento alla Germania. Va ricordato che l'Italia aveva ritirato l'ambasciatore dopo l'Anschluss, aveva definitivamente rotto i rapporti dopo gli accordi di Monaco a cui non aveva partecipato, pur non mancando foto di Mussolini, in borghese, che si intratteneva con Hitler, Daladier e Chamberlain, e aveva proclamato la mobilitazione generale il 15/03/39 all'entrata dei tedeschi a Praga, non seguita dalle altre potenze occidentali.

Sul piano militare il paese prosegue in un forte piano di ammodernamento delle forze armate (la situazione era comunque meno catastrofica visto il non intervento in Spagna e la quasi totale pacificazione dell'Abissinia, dove nell'agosto del 36 era stato mandato il Duca d'Aosta che con una politica conciliante aveva isolato e ridotto al minimo il banditismo), per quanto riguarda la RM, in particolare con l'impostazione di: • 1 corazzata della nuova cl. Colombo • incrociatori moderni (1 della cl. La Marmora, sulla base del progetto “Ciano”, un “Garibaldi” lievemente modificato, soprattutto nella componente antiaerea con 8 cannoni da 90/50, 2 della classe Bragadin, relativamente simili al Garibaldi ma con 12 cannoni da 152/57 e 12 da 90; 2+2 in seguito terminati come Np leggere, della Classe Firenze simili ai Bragadin ma con 12 cannoni 135/55 aventi alzo di 80° e 12 da 90, 12 della classe Capitani Romani, con consegne previste nell’arco di 4 anni a partire dal 1941, 1 della Classe Spalato con 9 cannoni da 203/57 di nuova concezione e 12 da 135 mod. 38) • cacciatorpediniere vari (tra cui i Maestrale potenziati, finalmente in grado di fronteggiare alla pari o quasi i super-caccia francesi, i Navigatori II, supercaccia derivati dal Tashkent e i Soldati III, potenziati) • torpediniere varie (tra cui la Cl. Dodecanneso da 1300 t con 1 idrovolante imbarcato) • vengono trasformate in Np le Mn Roma (Aquila) ed Augustus (Sparviero).

Al 10/06/40 solo il La Marmora, i Bragadin, alcuni Ct e Tp e la Np Aquila saranno in linea, ma, quantomeno, parecchie navi sono in produzione e in considerazione di una guerra di lunga durata si può far conto su nuovi mezzi per sostituire quelli persi.

Nel campo della ricerca scientifica grazie agli studi di Ugo Tiberio, sin dall'inizio del 39 si iniziano a provare radar sui ns. mezzi navali e nella tarda primavera del 40 si inizia a realizzare una rete d'avvistamento radar nella penisola; nello stesso periodo iniziano ad essere istallati sui mezzi navali i nuovi ecogoniometri.

Nel maggio '39 Nenni e Von Hassel, ministri degli esteri italo-tedeschi, firmano un patto di non aggressione e di alleanza difensiva (passato alla storia come Patto d'Acciaio).

La politica estera tedesca tende ad un riavvicinamento con gli occidentali, facendo concessioni verso una futura evacuazione della Cechia (il protettorato di Boemia e Moravia viene rinominato, nel luglio ’39, Repubblica Ceca, formalmente indipendente) e ad un ammorbidimento delle posizioni nei confronti dell'URSS (firmando al più presto un patto commerciale).

La Germania cerca un approccio (sopratutto con il RU) chiedendo un'ultima revisione di Versailles, per esigenze di politica interna (il nuovo governo ha bisogno di un grosso successo in politica estera per neutralizzare i nazisti, dimostrando che non c'era alcun bisogno dei metodi hitleriani per riottenere il maltolto): la restituzione di una colonia (Togoland o Camerun) e un plebiscito a Danzica (dove i nazisti sono ancora al potere) per l'annessione al Reich con la conseguente costruzione di un autostrada e una ferrovia "extra-territoriale" nel corridoio.

Francia e RU ritengono invece che la situazione sia ottimale per ridimensionare la Germania (instabilità interna, ecc.) e spingono la Polonia verso un'attività aggressiva nei confronti di Danzica, appoggiando nel contempo le attività di Forster (Gaulaiter di Danzica) sia contro la Polonia che contro il governo "debosciato" tedesco; cercano inoltre un accordo militare con l'URSS.

Capitolo II – 01/09/1939, scoppia la II G.M.

La situazione precipita ad Agosto e la Germania è costretta ad aggredire la Polonia con una guerra preventiva la mattina del 1 settembre 1939 (saranno scoperti in seguito piani anglo-polacchi per una attacco polacco a Danzica che avrebbe dovuto aver luogo verso fine ottobre).

A fine Agosto i tedeschi si erano assicurati la neutralità Sovietica (viaggio lampo di Von Hassel a Mosca e conseguente patto con Molotov), acconsentendo ad una spartizione della Polonia e un disinteressamento per gli stati baltici; ma a parte accordi commerciali, politici e militari, entrambe le parti si guardano bene dal firmare patti di non aggressione.

Gli eventi bellici in Polonia non divergono essenzialmente da quelli storici; l'Italia annuncia la propria neutralità ed inizia un giro di valzer per cercare di ottenere il solito "parecchio" restando se possibile alla finestra, prosegue e viene intensificato il riarmo.


Cartina 1 – Atto 1°, Polonia

Entro giugno 40 sono impostate: • 1 ulteriore corazzata della cl. Colombo (in teoria ne vengono previste 4 ma 2 vengono annullate prima dell’inizio delle ostilità e 1, che avrebbe dovuto essere trasformata in una Np, poco dopo) con 9 x 406 - 16 x 135 - 24 x 90 (verrà notevolmente modificata in corso d'opera e sarà una corazzata quasi tuttoponte antelitteram, con un ponte tipo Vittorio Veneto [l’incrociatore della ns. LT] per permettere l'appontaggio e l'involo di aerei vstol quali il Fiesler-Fiat CR45 e il Fiesler Fi-167 che necessitano di pochissimi metri per tali operazioni e che entreranno in azione nel 41-42) • 1 Np della cl. Grifone da 39.500 (pieno carico) • 2 Np "tascabili" da 14.000 t (pieno carico) della cl. Nibbio • 1 Np da scorta (Mn Virgilio), una 2a (Mn Marco Polo) verrà trasformata a partire dal luglio ‘40 • 1 Il A.A. della cl. Nizza (armato con 16 x 135 e 12 x 90) • una nuova tipologia di Ct pesanti della cl. Medaglie d'oro (unica variante è il cannone 135 mod. 38 con alzo a 80°) • altro naviglio minore.

Anche aviazione ed esercito iniziano a ricevere mezzi degni di questo nome [ipotizzo che i ns. aerei più moderni entrino in produzione con alcuni mesi d'anticipo, mentre per i mezzi corazzati lo scarto con la realtà ipotizzato è di almeno 12 mesi] sia pure ancora non in grande numero.

I tentativi di giungere alla pace da parte tedesca (con l'appoggio italo-americano) cadono nel vuoto.

L'Italia cerca comunque un accordo con gli Alleati garantendo quantomeno la propria benevolente neutralità (assieme a quella Ungherese che ha firmato con l'Italia un'alleanza militare), in cambio di qualche modesta concessione territoriale (Somaliland, Gibuti e un accordo su Suez, Tunisia e Malta), ma gli occidentali, certi della loro vittoria, rispondono che qualcosa potrebbe essere preso in considerazione solo in caso di entrata in guerra al loro fianco.

Nel tentativo di costringere l'Italia a passare armi e bagagli dalla loro parte, gli Alleati pongono in pratica, a partire da febbraio, un blocco navale impedendo in parte alle navi italiane e neutrali di raggiungere il Mediterraneo con le materie prime che tanto ci necessitano; si tratta di un tentativo di strangolamento della ns. economia che riesce fortunatamente solo in minima parte ma, spinge sempre più l'Italia verso la Germania.

Durante un incontro tra De Gasperi e Goerdeler (capi dei rispettivi governi) il 18/03/40 al Brennero, viene deciso che l'Italia entrerà in guerra a fianco della Germania 30-40 gg. dopo che questa avrà lanciato un attacco decisivo sul fronte occidentale.

Ai primi d'aprile il RU inizia una serie di atti ostili contro la Norvegia (minamento dei porti, ecc.) e prepara un'invasione, malgrado ciò il debole governo norvegese si limita a qualche timida protesta; il 09/04 ha inizio l'operazione Weserubung che segue indicativamente il tracciato storico della ns. linea temporale.


Cartina 2 – Guerra in Scandinavia

Ai primi di maggio iniziano trattative tra i governi alleati e quelli del Benelux per permettere il passaggio delle truppe anglo-francesi e lo spionaggio tedesco riesce a fotografare l'8 maggio degli ufficiali inglesi nei pressi di Liegi; la mattina del 10 scatta il "piano falce" e anche in questo caso l'andamento dei fatti segue quello della ns. linea temporale [mica è facile spiegare la follia tedesca a Dunquerque, con Hitler nella tomba], con la sola eccezione del mancato bombardamento di Rotterdam.


Cartina 3 - Francia 1940, la fase finale

L'URSS aveva nel frattempo vinto la sua guerra in Finlandia, occupato i paesi baltici e a fine giugno la Bucovina e la Bessarabia strappandole alla Romania.

Dopo il 10/05/40 inizia il richiamo dei mezzi della Marina Mercantile verso i porti nazionali (oltre l'85% della ns. flotta commerciale si troverà nei porti Italiani il 10/06/40 e molte unità raggiungeranno Germania, Giappone, Argentina e AOI, solo una piccola parte (meno del 5%) cadrà più o meno velocemente nelle mani degli alleati.

E' probabile, ma le fonti non sono certe, che il RU gradisse un intervento avverso italiano, ritenendo che l'Italia fosse il ventre molle dell'Asse (nome dato all'alleanza italo-tedesca) e visto il procedere negativo della campagna di Francia può essere che il nuovo governo inglese, presieduto da W. Churchill, abbia spinto l'acceleratore negli atti di pirateria contro i mezzi italiani, fatto sta che ai primi di giugno alcune navi italiane furono proditoriamente attaccate da mezzi inglesi e si giunse l'8 ad uno scontro vero e proprio tra Ct italiani e inglesi al largo delle Baleari dove gli inglesi avevano attaccato la Mn Rex danneggiandola gravemente.

Il 29/05/40 dopo che il parlamento aveva concesso i pieni poteri al governo (con l'entrata di alcuni influenti membri dell'opposizione in qualità di ministri) si tiene il consiglio supremo di difesa dove vengono prese le principali decisioni sulle modalità dell'intervento italiano.

Si decide (salvo un accordo dell'ultima ora con la Francia che concedesse senza colpo ferire l'occupazione di una certa parte del suo territorio metropolitano e coloniale, e i contatti nella sera e nella notte del 10/06, per giungere ad un accordo che rendesse indolore la ns. guerra contro tale paese, saranno febbrili) che:

1. Il RE avrebbe tenuto un atteggiamento aggressivo nei confronti della Francia, passando all'attacco sul fronte alpino, organizzando azioni in Corsica in collaborazione con la RM e la RA, penetrando il più possibile in Tunisia ed occupando la Somalia Francese; nessuna azione doveva essere presa nei possibili fronti contro il CW (in ottemperanza di una specifica richiesta tedesca mirante a chiudere la partita subito dopo la sconfitta francese dando la possibilità agli inglesi di uscire dal conflitto senza aver subito alcuna occupazione ne sul territorio nazionale che nelle colonie e Dominions [infatti le isole Anglo-Normanne vennero occupate solo dopo il 12/07/40 dopo il rifiuto inglese ad accedere ad un accordo di pace]).

2. La RM e la sua forza aerea avrebbe operato in concerto ed in supporto alle operazioni dell'esercito; avrebbe inoltre posto un blocco navale attorno a Malta e avrebbe dovuto proteggere coste e trasporti. Le forze subacquee avrebbero dovuto operare contro i mezzi militari e non su tutti i fronti marittimi (Mediterraneo, Atlantico e Indiano). Un discorso a parte deve essere fatto per gli incrociatori ausiliari italiani: i due Ramb (già armati) raggiunsero Massaua nel Maggio, i 3 Monginevro, Monviso e Monreale (non del tutto allestiti, come mezzi civili, erano al 99, 96 e 92%) furono inviati in Atlantico con l'ordine di raggiungere un porto Francese non appena fosse passato sotto controllo tedesco. La forza aerea assegnata alla marina era composta dagli aerei e idrovolanti imbarcati, da parecchi idrovolanti e da un centinaio di siluranti SM79S e SM79GA, nonché qualche caccia Re.2000GA e qualche altro aereo.

3. La RA avrebbe dovuto fornire il supporto all'esercito e se richiesto alla RM (negli ultimi mesi erano stati predisposti tutta una serie d'accordi tra le 2 armi con precise, ma non troppo, sopratutto perché non rodate, procedure di collaborazione). In particolare avrebbe dovuto cooperare con la RM nella realizzazione del blocco di Malta.

Capitolo III – 10/06/1940, l’Italia scende in campo

La mattina del 10/06/40 l'Italia presenta un ultimatum a Francia e RU nel quale veniva richiesto:

1. L'immediato abbandono del Mediterraneo a tutti i mezzi navali militari di queste nazioni (un analoga richiesta inoltrata nella stessa giornata, in modo non ultimativo alla Germania aveva ricevuto una risposta completamente positiva, in tutto il MM non c'era alcun mezzo tedesco!) onde evitare scontri in tale mare e la cessazione di atti ostili contro i ns. mezzi civili e militari, portando alla totale neutralizzazione del Med. con l'Italia come garante.

2. L'occupazione a garanzia del rispetto della neutralità italiana di Malta e Corsica, dei porti di Tunisi, Biserta, Porto Said, Suez, e Famagosta e la formazione di una zona smilitarizzata di 50 Km sul confine italo-francese e libico-tunisino e di 10 Km attorno a tutti i porti occupati.

L'ultimatum sarebbe scaduto alle 22 del 10 stesso e nessuna risposta soddisfacente giunge entro tale ora, SAReI Umberto II in un caldo discorso alla radio (passato alla storia come il II grido di dolore, visti i numerosi accenni agli italiani soggetti a Francia e Inghilterra) annuncia l'inizio delle ostilità.

La composizione del RE è la segg. (non c’è stata alcuna riforma Pariani):

• N. 4 div. Corazzate (di cui solo 2 discretamente attrezzate con carri medi, largamente incomplete di mezzi di trasporto cingolati o semicingolati) - Ariete, Italia, Centauro, Istria; • N. 4 div. Meccanizzate (dotate solo di carri ultra-leggeri e leggeri, quasi del tutto incomplete di automezzi e semicingolati) - Granatieri di Sardegna, Granatieri di Savoia, Trento, Trieste; • N. 10 div. Motorizzate (o spesso motorizzabili vista la penuria solo in parte colmata) • N. 44 div. di Fanteria (molte in fase di completamento con pochissimi effettivi) • N. 16 div. Costiere (spesso a ranghi incompleti) • N. 3 div. Celeri (di cavalleria in corso di trasformazione in meccanizzate) • N. 1 div. Aviotrasportata (più in teoria che in pratica) - La Spezia • N. 2 div. Paracadutisti – Folgore, Nembo (largamente incomplete) • N. 2 div. Lagunari (in corso di trasformazione in meccanizzate, pressoché prive di mezzi) • N. 1 div. Fanteria di montagna – Cacciatori delle Alpi • N. 6 div. Alpine (con sistema binario)

Le truppe coloniali e/o dei paesi associati sono così composte:

• Albania, 44.000 uomini • Libia, 38.000 uomini • A.O.I., 180.000 uomini regolarmente inquadrati e 80-90.000 in bande in corso di regolarizzazione.

La RM dispone dei segg. mezzi:

• N. 4 Nb - (2 rimodernate cl. Cavour e 2 “superdreadnought” della cl. Vittorio Veneto ancora in fase di addestramento, al momento probabilmente tra le migliori corazzate al mondo) con 2 rimodernate della cl. Duilio pressoché pronte a rientrare in linea (rientreranno tra fine giugno ed agosto terminando l’addestramento nell’autunno) • N. 1 Np – Aquila (praticamente priva della componente aerea), decisamente moderna e ben eseguita • N. 1 Portaidrovolanti – Miraglia, utilizzata più come nave appoggio • N. 1 incrociatore corazzato obsoleto – San Giorgio (la San Marco era utilizzata come nave bersaglio sin dal 1935) posto a difesa stazionaria della base di Tobruk in Libia • N. 1 incrociatore obsoleto – Ancona (rimodernato ed inviato in AOI) • N. 7 incrociatori pesanti - (2 cl. Trento, 4 cl. Zara, decisamente meglio concepiti e il Bolzano, simile ai “Trento”, definito un “errore magnificamente eseguito”) • N. 11 incrociatori leggeri - (2 cl. Cadorna, 2 cl. Montecuccoli, 2 cl. Duca d’Aosta, 2 cl. Duca d’Abruzzi, 1 cl. La Marmora e 2 cl. Bragadin) che ad eccezione dei “Cadorna” sono decisamente moderni e adeguati ai compiti assegnatigli, non è azzardato ritenere i “Bragadin” trai migliori Il in assoluto a livello mondiale • N. 4 incrociatori di scorta AA - (si tratta dei relativamente vecchi Il della cl. Giussano in corso di trasformazione, che stanno progressivamente rientrando in linea, entro il mese d’agosto) • N. 75 Ct di cui 46 moderni - (12 cl. Navigatori di cui 10 rimodernati, 4 cl. Maestrale, 4 cl. Oriani, 12 cl. Soldati I, 5 cl. Soldati II, 3 supercaccia della cl. Navigatori II e 6 caccia “pesanti” della cl. Venti) in particolare i “Navigatori II” sono trai più potenti supercaccia tra le flotte mondiali e i “Venti” sono decisamente in linea con i caccia pesanti concorrenti • N. 87 Tp di cui 50 moderne - (32 cl. Spica, 4 cl. Orsa, denominate Tp di scorta, 8 cl. Dodecanneso e 6 cl. Pegaso, simili alle “Orsa”) • N. 11 tra corvette ed esploratori vari - (compresi incrociatori obsoleti declassati e moderni avvisi-esploratori coloniali) • N. 131 Sommergibili - compresi alcuni “tascabili” ed altri obsoleti, in linea di massima ben realizzati e complessivamente robusti, purtroppo assai lenti nell’immersione “rapida” e con sovrastrutture (false-torri) troppo sviluppate • Vario naviglio minore • 48 caccia Re.2000GA • 44 caccia imbarcabili Re 2000I (con ali ripiegabili e gancio d’atterraggio) • 12 caccia d’assalto SAI S.S.4 • 6 bombardieri/aerosiluranti strategici Piaggio P.108A • 30 bombardieri/aerosiluranti SIAI SM.79GA • 111 aerosiluranti SIAI SM.79S • 12 bombardieri Cant Z:1008° • 1 bombardiere in picchiata imbarcabile Breda Ba.69I (con ali ripiegabili e gancio d’atterraggio) • Vari idrovolanti

Va rilevato che a differenza della ns. LT le 2 Tp della cl. Spica, le 2 della cl. Poerio, le 2 della cl. Fasana, i 2 Ct della cl. Aquila non sono stati ceduti o messi in disarmo, come neppure gli esploratori Brindisi, Venezia e Quarto che leggermente rinnovati sono stati inviati in AOI

La RA dispone dei segg. mezzi efficienti:

• 2700 caccia di cui 1000 moderni e con prestazioni accettabili tra cui il Re.2000, il Re.2000GA (grande autonomia, l’unico caccia italiano con un notevole raggio d’azione, acquistato per lo più dalla RM), il MC.201 (una versione potenziata del già ottimo MC.200), il S.107 (supereconomico, padre del S.207) e il SS.4 (un fallimento come caccia convenzionale ma ottimo come caccia d’assalto); • 2500 bombardieri, ricognitori e trasporti di cui 500 moderni e con prestazioni accettabili, tra cui il P.108 (in quel momento il più moderno bombardiere strategico esistente al mondo), il S.82 (discreto bombardiere, ottimo aereo di trasporto), il S. 82GA (basilare per i rifornimenti verso l’AOI, che saranno molto più cospicui), il Z.1007bis, il Z.1018A e il Ba 201 (un bombardiere in picchiata con ottime prestazioni, superiore come doti di manovrabilità e di velocità allo Stuka tedesco).

Nel complesso la situazione e il grado d’approntamento delle infrastrutture quali porti, ferrovie, strade e aeroporti non è catastrofica, nel campo della cantieristica navale il bacino di carenaggio per battelli con lunghezza superiore ai 250 m è stato ultimato nel mese di maggio e il secondo è previsto per la fine del 41.

Il sistema di rilevazione radar è in fase d’approntamento ma sino al 41 inoltrato non potrà essere considerato sufficiente e conseguentemente efficiente; l’artiglieria contraerea (sia quella dell’esercito per la difesa degli obiettivi sensibili, che quella della marina) è in fase embrionale anche se oltre agli 88 tedeschi iniziano ad essere consegnati i 90 italiani.

Alcune delle navi maggiori sono dotate di sonar (ecogoniometro) e radar (entrambi di buona qualità), anche alcuni mezzi minori (Tp e corvette, queste ultime in costruzione) sono dotati quantomeno di sonar.

L’artiglieria in dotazione all’esercito è forse la nota più dolente, tuttavia la produzione di cannoni moderni, di semoventi e di “autocannoni” (montati sull’ottimo autocarro “Dovunque”) è iniziata e con consegne degne di questo nome.

Il regio esercito ha iniziato a sostituire il 91/38 con un fucile semiautomatico (solo 350.000 sono però stati consegnati), mentre si stanno ripianando le croniche deficienze di fucili automatici e mitragliatori.

Fronte tunisino 11-25/06/40

Prevale il piano del gen. Gandin, che (tra lo stupore e l’opposizione di tutti gli alti papaveri) prevede di inviare contro la linea del Mareth (dove è posizionato il fior fiore dello scarso esercito francese posto a difesa della Tunisia) solo truppe di fanteria per attirare l’attenzione dei difensori, mentre le forze mobili del ns. esercito, con 1 div. corazzata, 1 meccanizzata e 1 motorizzata s’inoltra nel deserto piombando alle spalle della linea stessa.

Il piano funziona perfettamente e già il 14 le ns. truppe raggiungono il mare nei pressi di Gabes, entro sera i 45.000 difensori della linea si arrendono e a parte un tentativo di resistenza sull’Uadi Akarit (tra il 15 e il 16) la marcia trionfale del ns. esercito prosegue sino all’occupazione di Tunisi il 24 e il raggiungimento di Biserta la sera dello stesso giorno.


Cartina 4 – Occupazione della Tunisia

Fronte Somalo 12-17/06/40

L’attacco di ns. unità contro le piccole forze francesi poste a difesa della Somalia francese inizia il 12 e porta all’occupazione di Gibuti il 16 e alla resa della colonia il 17.

Fronte alpino 11-25/06/40

Superate forti resistenze nei pressi della frontiera (alcune vallate alpine resteranno in mano francese stante la forte resistenza opposta e la buona rete di fortificazioni, unita all’assenza o quasi da parte ns. di un serio parco d’artiglieria d’assedio) il 14 inizia una progressiva penetrazione in territorio francese che porta all’occupazione di Nizza il 17; a quel punto i francesi iniziano una ritirata che rassomiglia molto ad una rotta. Solo grazie ad accordi intervenuti durante la giornata del 22, viene evitata l’occupazione di Tolone che avrebbe causato il conseguente allontanamento della flotta francese; nella stessa giornata forze italiane e tedesche s’incontrano in Savoia e il 23 nei pressi di Grenoble. Al momento dell’entrata in vigore dell’armistizio (25/06) le ns. forze hanno raggiunto la linea Ginevra, Grenoble, Gap, Aix en Provence, Aubagne, Hyères.


Cartina 5 – Limiti dell’avanzata in Francia

Fronte corso 14-25/06/40

Le ns. forze sbarcano il 14 nei pressi di Bastia e completano l’occupazione della città e dell’immediato circondario il 15; sino al 19 le ns. azioni si limitano all’allargamento della testa di sbarco con una certa penetrazione lungo la costa in direzione sud (Vescovato viene occupata il 19 e la penisola di Capo Corso viene isolata nella stessa data). Il 20, piccole unità italiane sbarcano nei pressi di Bonifacio e inizia un forte ripiegamento verso Ajaccio delle forze francesi (decisamente più veloci in ritirata dei ns. in attacco); il 23 le forze provenienti da Bastia e da Ajaccio s’incontrano ma non viene tentata alcuna seria penetrazione verso l’interno montuoso dell’isola.

Il 25 entra in vigore l’armistizio le cui clausole principali sono le seguenti:

• Occupazione dei 2 dipartimenti della Savoia e del dipartimento delle Alpi Marittime, nonché di una striscia di 50 Km lungo tutto il fronte alpino • Occupazione della Corsica • Occupazione della Tunisia • Occupazione della Somalia Francese • Consegna c/o il porto di Bordeaux di alcuni incrociatori ausiliari francesi • Consegna di 50.000 t d’acciaio • Fornitura di motori e altri semilavorati

Tra fine giugno e i primi di luglio la Germania si dichiara pubblicamente disponibile a trovare un accordo che ponga termine al conflitto, precisando gli obiettivi e i termini di un possibile accordo:

• Riconoscimento del fatto compiuto in Polonia (viene comunque assicurata la rinascita di uno stato indipendente, quantomeno nella parte sotto controllo tedesco) • Progressivo sgombero della Cechia (con accordi politici, commerciali e militari che ne garantiscano la permanenza nella sfera d’influenza tedesca) • Sgombero da parte tedesca dei paesi scandinavi (e corrispettivo sgombero da parte alleata dei domini norvegesi e danesi da essi occupati) • Sgombero in occidente di Francia e Benelux (con annessione di Eupen e Malmedy, Lussemburgo e Alsazia-Lorena) con la creazione di una vasta zona smilitarizzata tra il Reno e la linea Abbeville-Pontarlier • Restituzione delle ex-colonie tedesche (con possibile contropartita in caso di rinuncia al Tanganica e alla Papuasia) • Riconoscimento dei preminenti interessi tedeschi nell’area danubiano-balcanica (in particolare Cechia, Romania e Slovacchia dovranno essere considerate nella sfera d’interesse tedesca, mentre l’Ungheria sarà considerata in una sfera comune italo-tedesca) • Cessione all’Italia di Nizza e Corsica • Cessione all’Italia di Tunisia e Somalia francese • Cessione all’Italia del Somaliland • Subentro dell’Italia al RU nel condominio con l’Egitto del Sudan • Condominio anglo-italiano su Malta e Suez • Neutralizzazione totale dell’Egitto • Riconoscimento dei preminenti interessi italiani nell’area balcanica (in particolare Jugoslavia e Grecia dovranno essere considerate nella sfera d’interesse esclusiva italiana)

W. Churchill ovviamente rifiuta in toto queste proposte annunciando che nessun accordo potrà mai essere raggiunto se la Germania non rientrerà nei confini del 1937 (al massimo del 1938, ma questo non viene detto pubblicamente) e l’Italia in quelli del 1935.

In data 11/07/40 Germania e Italia decidono di passare all’azione contro il RU, e le operazioni della battaglia d’Inghilterra ricalcano indicativamente quelle storiche (che vede la presenza molto più massiccia del CAI su questo fronte e che non è caratterizzato, nella seconda fase, dal bombardamento terroristico delle città inglesi).

Una serie di piccoli scontri avvengono tra giugno ed inizio luglio nel Mediterraneo, ai primi di luglio gli inglesi, resisi conto dell’imminente caduta di Malta (totalmente isolata e quotidianamente soggetta a forti bombardamenti italiani), decidono di rompere il blocco e di inviare sull’isola dei rifornimenti; partono da Alessandria molti natanti suddivisi in 3 gruppi, la battaglia aeronavale che ne segue (battaglia di Punta Stilo) vede il fallimento del piano di soccorso all’isola ma denuncia l’immaturità delle procedure di cooperazione tra marina ed aviazione e la mancanza di una Np.

I risultati da parte italiana furono:

• Affondamento dell’incr. Gloucester • Affondamento di 2 cacciatorpediniere • Danneggiamento grave della Nb Hood, della Np Ark Royal, dell’incr. Neptune e di 3 Ct • Danneggiamento lieve di altre unità

Da parte italiana riportarono lievi danni la Nb Giulio Cesare e l’incr. Bolzano (più pesanti).

In AOI il 6 luglio erano stati respinti attacchi inglesi contro Gibuti e durante i combattimenti ns. forze penetrano nel Somaliland occupando Zeila, l’11 luglio vengono occupate alcune località sul confine Sudanese e Moyale in Kenia.

Il 12 luglio vengono intensificati i bombardamenti su Malta (che erano iniziati l’11/06) e iniziano le operazioni che dovranno portare allo sbarco (e aviosbarco) previsto per il 14 (nei porti siculi sono stati raggruppati una vasta genia di natanti più o meno atti a trasportare il corpo d’invasione; negli aeroporti vengono posizionati aerei da trasporto con truppe della Folgore e della La Spezia che dovrebbero partecipare all’aviosbarco).

Il 14, all’alba, inizia il cannoneggiamento da parte delle ns. unità contro le (sovrastimate) difese dell’isola e il bombardamento da parte di caccia d’assalto SS.4 e bombardieri in picchiata Ba.201 (i cui primi esemplari sono entrati in linea nello scorso maggio).

Mentre le prime truppe sbarcano (foto 2, 3, 4, 5 e 6) il comandante inglese della piazzaforte chiede la resa che viene velocemente concessa (l’aviosbarco viene trasformato in un trasporto aereo e le truppe proseguono a sbarcare direttamente nei porti dell’arcipelago maltese).


Foto 2 – Lo sbarco nei pressi de La Valletta


Foto 3 – Lo sbarco di mezzi corazzati a Gozo dopo l’annuncio del cessate il fuoco


Foto 4 – Altri momenti delle prime fasi di sbarco


Foto 5 – Non tutti i mezzi da sbarco fanno parte degli ultimi ritrovati della tecnica


Foto 6 – La Cavour fa fuoco sulle difese maltesi

Il 19 luglio durante il trasferimento da Tripoli al Dodecanneso, 2 incr. della cl. Condottieri (Colleoni e Bande Nere appena rientrati in linea ma non dotati di radar) si scontrano al largo di Creta (Battaglia di Capo Spada) con una squadra inglese; l’esito è sfavorevole, il Colleoni viene affondato e il Bande Nere lievemente danneggiato, gli inglesi perdono il Ct Havock.


Foto 7 – Il Colleoni, colpito dall’incr. Sydney, affonda

Per il prosieguo della guerra in Africa (unico fronte possibile contro il RU) viene decisa l’operazione tenaglia: si prevede un attacco dalla Libia verso il Delta del Nilo e Suez mentre dall’AOI partirà un attacco per risalire il Nilo e congiungersi con le truppe provenienti dall’Egitto.

Al comando delle forze in Libia e Tunisia (in sostituzione di Italo Balbo, tragicamente caduto il 28/06) viene posto il Gen. Graziani, mentre al comando del settore Nord dell’AOI viene posto il Gen. Gandin (che giunge attorno al 10/08).

Tra il 3 e il 19 agosto forze italiane occupano il Somaliland (foto 7), togliendo una potenziale base di conquista dell’Impero ai britannici; nelle giornate precedenti veniva lanciata un’offensiva contro il Kenia che si fermava nei pressi di Marsabit.



Foto 7 – L’entrata italiana a Berbera

Graziani, rinvia continuamente l’inizio dell’offensiva e lascia il grosso delle forze corazzate e motorizzate in Tunisia in vista di una ripresa delle ostilità contro la Francia.

La situazione in AOI è decisamente migliore rispetto a quella storica, sia le scorte che i mezzi a disposizione delle ns. truppe e di quelle coloniali, sono decisamente superiori; l’aviazione è dotata di alcuni aerei semi-moderni e la flotta a disposizione è sufficientemente consistente [4 Esploratori di cui uno moderno, 2 Tp e 1 Incr. obsoleto in più, rispetto alla ns. LT]. La situazione interna è decisamente più sotto controllo e il banditismo è generalmente isolato e senza quasi alcun seguito.

Il 1° settembre le forze italiane dello scacchiere Nord dell’AOI, lanciano l’offensiva con un doppio obiettivo: raggiungere Khartoum tagliando la linea di comunicazioni tra il Nord e il Sud Africa e conquistare Porto Sudan.

L’attacco coglie di sorpresa i britannici e con una serie di rapide puntate con le pur esigue forze corazzate e motorizzate, in pochi giorni la ritirata inglese si trasforma in una rotta e l’11 ottobre gli italiani entrano a Khartoum; il 14 vengono bloccati dal perimetro difensivo di Porto Sudan e entro inizio novembre raggiungono al Nord Barbera e al Sud Kosti. Non hanno successo gli attacchi a Porto Sudan e i tentativi effettuati di penetrare nell’interno verso il Kordufan e il Darfur, in pratica, esclusa una piccola testa di ponte a Ondurman, gli italiani hanno occupato solo la riva destra del Nilo (cart. 1).


Cart. 6 – L’offensiva in Sudan

L’attacco dalla Libia ha durata più breve e va dal 13 al 16 settembre portando all’occupazione di alcune località egiziane, sino a Sidi el-Barrani.

Nei giorni tra il 12 e il 14 ottobre avviene la battaglia aeronavale di Capo Passero, l’assenza di radar sui ns. Ct impegnati (incrociatori, Nb e Np, riceveranno i radar entro il giugno del 41, Ct e Tp maggiori entro il febbraio 42, Tp minori, corvette e somm. oceanici entro la fine del 42) fa si che lo scontro notturno ci veda nettamente soccombere: perdiamo le Tp Ariel e Airone e il Ct Artigliere; gli inglesi perdono l’incr. Liverpool affondato da ns. aerosiluranti.

Il 28 ottobre dopo l’invio di un ultimatum con scadenza pressoché immediata, la Grecia entra in guerra contro l’Italia; alle sue spalle sta il RU che ha creato ad arte vari casus belli (affondamento dell’incrociatore Heli, attribuito ad un sommergibile italiano ma effettuato da uno inglese con ns. siluri acquistati nell’anteguerra a Fiume presso la Whitehead, attentati di matrice “albanese” nell’Epiro effettuati da commando inglesi); in Albania non ci sono che 45.000 soldati italiani e 40.000 albanesi.

Malgrado la strenua difesa opposta dalle truppe nazionali e in parte da quelle locali, sin dai primi giorni le truppe greche iniziano una penetrazione all’interno dell’Albania; l’afflusso delle ns. truppe è limitato dalle esigue capacità dei porti albanesi (che dalle 3.500 t giornaliere di materiale sbarcato di novembre arriveranno alle 5.000 di marzo) e il maltempo ostacola il trasporto aereo.

L’offensiva greca viene fermata solo attorno al 9 dicembre, gli attacchi proseguiranno con risultati di poco conto sino a febbraio ma l’iniziativa non passerà nelle nostre mani se non a inizio marzo.


Cartina 7 – L’offensiva greca in Albania

La notte tra l’11 e il 12 novembre due ondate di siluranti e bombardieri inglesi, partiti dalla Np Illustrious (che si trovava al largo di Cefalonia), attaccano le ns. navi alla fonda nel porto di Taranto; il radar d’avvistamento di Gagliano del Capo e quello di San Cesareo sono fuori servizio per guasti, cosicché gli aerei inglesi vengono avvistati molto in ritardo. Come se non bastasse, la contraerea della RM, che aveva appena ricevuto 8 cannoni da 90 e 12 da75, 16 cannoncini binati da 37 e parecchie mitragliatrici binate e quadrinate da 20 mm, non ha ancora provveduto al suo piazzamento (parecchie teste cadranno, visto che i pezzi erano stati consegnati da almeno 10÷15 giorni).

L’esito è purtroppo infausto: sono gravemente danneggiate le Nb Cavour (che, riportata a galla avrebbe dovuto essere sottoposta a Trieste a grandi lavori e non rientrerà in linea), Duilio (che rientrerà in linea il 16/05/41) e Italia (che rientrerà in linea il 09/03/41) e l’Ip Trento, lievissimi danni riporteranno i Ct Pessagno e Libeccio.

Nel contempo un’altra squadra inglese attacca i ns. convogli, diretti in Albania, nello stretto d’Otranto; nello scontro che ne consegue verranno affondati (e con loro i ns. soldati) i trasporti Locatelli, Premuda, Capo Vado, Calatani, malgrado il comportamento eroico della Tp Fabrizzi (il cui comandante riceverà la Med. d’Oro al V.M.).

Per ns. fortuna in quel frangente la Np Aquila si trova nel basso Adriatico (avendo quasi completato l’imbarco della componente aerea, può, finalmente, entrare effettivamente in linea) immediatamente si alzano in volo sia i caccia Re.2000 che i siluranti leggeri (che possono trasportare solo i silurotti da 450 kg) Re.2001 e i bombardieri in picchiata Ba.69.

I ns. aerei individuano alle prime luci dell’alba del 12 la squadra inglese e l’attaccano: con la perdita di soli 3 aerei otteniamo un successo che almeno in parte ci ripaga delle gravi perdite di quella notte, vengono affondati 2 Ct e l’incr. Sydney e danneggiati gli incr. Ajax e Orion.

Nella stessa giornata, siluranti SM.79S della RM e bombardieri P.108B della RA, partiti dalla Puglia e scortati da caccia della RM e della RA, individuano e attaccano la flotta principale britannica; perdiamo 4 arerei a fronte dell’affondamento dell’incr Glasgow e di un Ct e danneggiati seriamente 2 altri Ct, danni più lievi subisce la Np Illustrious.


Foto 8 – La corazzata Cavour semiaffondata nel porto di Taranto

Il 27 novembre, cercando di sfruttare la temporanea debolezza della ns. flotta, gli inglesi escono da Gibilterra nel tentativo di bloccare i ns. convogli diretti in Nord Africa, ne segue lo scontro di Capo Teulada (una mancata occasione di colpire duramente la Mediterranean Fleet) che si conclude con l’affondamento dell’Ip Berwick e il danneggiamento del ns. Ct Lanciere.

Visto il ristagno della situazione in Egitto, il gen. Gandin chiede il permesso di una parziale ritirata in Sudan, adducendo il motivo che le linee sono troppo allungate e non possono essere efficacemente difese in caso di attacco britannico; il permesso viene stoltamente negato.

Gli inglesi, approfittando della tregua concessa da Graziani con la mancata occupazione dell’Egitto (il meglio delle ns. forze corazzate sono in Tunisia a 2000 km dal fronte) si stanno rinforzando in Egitto, pur essendo costretti a far giungere tali rinforzi col periplo dell’Africa, stante la ns. occupazione di Malta e il conseguente controllo quasi totale del Med. centrale; la ns. flotta del Mar Rosso riesce comunque a mettere a segno qualche risultato degno di nota nella battaglia dei convogli diretti in Egitto.

Il 10/12/40 gli inglesi attaccano i ns. presidi in Egitto e, grazie alla pessima disposizione delle ns. truppe, li travolgono; gli italiani hanno disperso i mezzi corazzati (dispongono di carri medi quantomeno decenti e di carri leggeri con discrete caratteristiche tecniche) suddividendoli tra le varie unità e guarnigioni, e vengono sopraffatti da un nemico numericamente inferiore (a livello globale) che ottiene continuamente delle superiorità locali.

La sera dell’17 non restano in Egitto truppe italiane se non quelle cadute prigioniere; una dopo l’altra cadono tutte le ns. piazzeforti in Marmarica ed in Cirenaica, consegnando ai britannici un immenso bottino di prigionieri e mezzi.


Cartina 8 – Campagna britannica di Cirenaica, dic. 40 – feb. 41

L’11/02/41 al termine dell’offensiva, tutta la Cirenaica (escluse alcune oasi dell’interno, parzialmente o totalmente isolate, come Giarabub) è occupata dai Britannici e le perdite italiane ammontano a:

• 130.000 prigionieri, morti e dispersi • 850 cannoni di medio e grosso calibro • 400 carri medi e leggeri • migliaia di autocarri e automezzi vari

Per di più gli inglesi sono alle porte di Sirte dove raggiungono il mare gli oleodotti così importanti per il prosieguo della guerra; a parte la grossa forza corazzata e motorizzata, lasciata inspiegabilmente da Graziani in Tunisia (è ancora lì l’11 febbraio), niente può impedire agli inglesi di occupare quantomeno anche la Tripolitania.

La paralisi che aveva colpito il ns. esercito in Nord Africa sembra trasmettersi a tutte le ns. forze armate; tra il 16 e il 24 dicembre 1940 la flotta inglese compie incontrastata una serie di scorrerie nel Med. centrale affondando i ns. trasporti anche nel basso Adriatico e arrivando a bombardare, pressoché indisturbata, il porto di Valona.

A fine dicembre si tirano le somme del primo semestre di guerra (che si prevedeva durare 3 mesi al massimo); il RU non solo non è stato occupato, ma neppure fiaccato e la sua flotta ci minaccia ed ha la totale iniziativa nel Mediterraneo:

• Sul fronte greco-albanese l’offensiva nemica è stata quasi completamente arginata, ma oltre 1/3 dell’Albania è in mano nemica, le prospettive non sono rosee e non si pensa di poter prendere l’iniziativa di una seria offensiva sino a marzo/aprile • Sul fronte libico, è in pieno corso l’offensiva inglese, le prospettive sono pessime e qualcuno nello Stato Maggiore Italiano pensa all’evacuazione di tutto il Nord Africa con la possibile eccezione della Tunisia • Sul fronte sudanese, le ns. forze sono ferme avendo quasi completamente esaurito le risorse disponibili non sono in grado di proseguire l’offensiva, meglio sarebbe una ritirata strategica che non le lasciasse esposte al prossimo contrattacco nemico in posizioni pressoché indifendibili • Sul fronte keniota-somalo, le ns. forze sono in una fase di stallo e sarebbe più prudente (non potendo seriamente prevedere di lanciare offensive, vista la penuria di mezzi a disposizione) una ritirata dietro il Giuba e sui primi contrafforti dell’acrocoro abissino • La RM ha subito alcuni duri colpi e soprattutto ha perso l’iniziativa nel Mediterraneo e nel Mar Rosso, un poco meglio vanno le cose per la flotta subacquea dell’Atlantico con base principale a Bordeaux (Betasom), a fronte della perdita di 1 Nb (Cavour, riportata a galla ma non riarmata), di 1 Il (Colleoni), di 10 Ct, 6 Tp e 20 Sm, sono entrati in linea 1 Np di scorta (Sparviero), 1 Il A.A. (Genova), 9 Ct (4 “pesanti” della cl. Venti, 4 “super” o “conduttori” della cl. Navigatori II e 1 della cl. Soldati III), 2 Tp (della cl. Ciclone) e 12 Sm (6 minisub della cl. CB, 2 da trasporto e rifornimento della cl. R, 2 oceanici della cl. Ammiragli, 1 costiero della cl. Platino e 1 da trasporto della cl. T) • La RA si è generalmente ben comportata e nei primi 6 mesi di guerra ha visto aggiungersi ai suoi mezzi alcuni modelli veramente moderni e in grado di confrontarsi alla pari (o quasi) con i corrispettivi britannici: il G.51 (una versione potenziata del pessimo G.50, meglio armata, più veloce di oltre 70 km e priva dei difetti che lo rendevano decisamente difficile da pilotare), Re.2001 (un caccia pesantemente armato e con prestazioni non molto inferiori a quelle degli Spitfire inglesi), Re.2001 GV (una versione caccia-bombardiere del 2001, con maggiore autonomia, disponibile anche nella versione imbarcabile sulle Np), Re.2002 (un caccia-bombardiere e aerosilurante di discrete caratteristiche, del quale a gennaio verrà fornita alla RM una versione imbarcabile sulle Np), SAI.207 (un caccia ultraeconomico, con ottime caratteristiche, l’unico neo è l’armamento, che verrà potenziato nella versione B, disponibile dall’aprile 41), MC.202 (un caccia che, se non fosse per l’armamento, non avrebbe nulla da invidiare agli Spitfire), Ca.331B (un caccia d’assalto pesante, bimotore), SM.84 (un bombardiere trimotore che non si dimostrerà all’altezza dei suoi predecessori SM.79). Vengono acquistati in Germania alcuni aerei (trai quali il Fi167, famoso per essere un antesignano dei moderni VSTOL) ed in particolare il He-100I1 (rifiutato incredibilmente dalla Luftwaffe, ma dimostratosi un caccia eccezionale che non avrà rivali sino al 42, purtroppo prodotto col contagocce dalla Henkel) e il caccia pesante bimotore FW-187 (un multiruolo con caratteristiche molto avanzate che, con varie serie giungerà sino al 45, anch’esso rifiutato dai tedeschi che gli preferiranno il mediocre Me-110) • Il RE ha ottenuto discreti successi ma sta subendo la bruciante sconfitta in Nord Africa; la produzione di mezzi, corazzati, blindati, cingolati e semicingolati è quasi sufficiente (malgrado le catastrofiche perdite in Libia), buone anche le consegne di automezzi, solo discrete quelle di artiglierie ed armamenti in generale.

Capitolo IV - 1941

Le prospettive per l’Asse per il 1941 dipendono soprattutto dalle scelte tedesche:

1. Proseguire la campagna aerea e sottomarina contro la Gran Bretagna sino al suo strangolamento (in questo caso la Germania dovrebbe intensificare il suo programma d’armamenti navali ed aerei) 2. Come sopra ma con un’appendice terrestre, l’operazione “Felix” con l’occupazione della Spagna e conseguentemente di Gibilterra, che avrebbe permesso a parte della flotta di superficie italiana di entrare nell’Atlantico, rendendo ancora più difficoltoso il rifornimento delle isole britanniche 3. Come sopra ma con l’ulteriore occupazione della Francia di Vichy, del Nord Africa francese (si spiegherebbe così la permanenza sino al febbraio 1941 di consistenti forze italiane in Tunisia e nel Nord Italia sul confine francese) 4. Un piano Mediorientale (propugnato da Raeder, Guderian e altri) con l’invio di 4 div. Corazzate e 2 div. Motorizzate in Libia a dar manforte agli italiani e (con una superiorità schiacciante di mezzi e uomini) conseguentemente occupando dapprima l’Egitto e sullo slancio tutto il Medio Oriente (ciò avrebbe provocato l’allineamento con l’Asse di Iraq, Iran e probabilmente Turchia (portando alla resa la Grecia anche senza un attacco diretto) che avrebbe permesso di mettere le mani sui più consistenti giacimenti petroliferi mondiali e, nel 1942, avrebbe permesso un eventuale operazione “Barbarossa” partendo anche dal Medio Oriente, contro la quale nessun esercito sovietico avrebbe potuto alcunché 5. Lasciare che gli italiani se la sbrighino in Libia (dandogli al massimo una piccola mano sia in uomini che in mezzi), eliminare la “testa di ponte” greca nel continente e attaccare frontalmente l’Unione Sovietica

Le maggiori preoccupazione dei politici e dei militari tedeschi sono rivolte all’URSS, che da mesi sta facendo una politica (in linea di collisione con quella dell’Asse) di penetrazione economico-politico-militare verso la Bulgaria e la Turchia.

L’offerta tedesca di inviare aiuti all’Italia viene rifiutata da quest’ultima, che chiede ed ottiene una maggiore collaborazione tecnologica e produttiva (scambio d’informazione sui ritrovati tecnici bellici quali radar, sonar ecc.), ma nella serie d’incontri non viene ben chiarito quale delle 5 opzioni adottare (nei primi mesi del 41 l’Asse sarà ondivaga tra la 1 e la 5); l’Italia in cambio fornirà mezzi aerei per supportare la guerra dei convogli nell’Atlantico.

Tra l’8 e il 12 gennaio 1941 le flotte britanniche (operazione Excess) nel Mediterraneo cercano di forzare il blocco attuato dagli italiani nello Canale di Sicilia, ne conseguono una serie di scontri navali e aereo-navali che danno i seguenti risultati: da parte italiana vengono perduti la Tp Vega e alcuni aerei (perlopiù Ba.201 della RA e Ba.70 della RM); da parte britannica vengono perduti la Np Illustrious, l’inc. Southampton, il Ct Galland e alcune navi di trasporto dirette ad Alessandria, e vengono gravemente danneggiati la Nb Warspite e alcuni trasporti.

Prima di proseguire con gli eventi bellici, bisogna ricordare che il relativamente mite e corretto comportamento delle truppe d’occupazione delle truppe tedesche (non esistevano SS, Gestapo e similari), non aveva prodotto la nascita di significativi fenomeni di resistenza, in particolare in Francia stava nascendo (e sarebbe sempre più cresciuto) un movimento favorevole all’Asse (Mers el Kebir, Dakar e altri gravi soprusi britannici, non avevano lasciata indifferente l’opinione pubblica francese) o quantomeno fortemente contrario al RU.

Gia a fine Gennaio viene decisa, a Roma, la sostituzione del gen. Graziani e la scelta cade sul gen. Tavoni, uno dei pochi teorici italiani della guerra meccanizzata di movimento.

Il 9 febbraio i britannici cercano con una mossa a sorpresa di minare ancor più il morale degli italiani (si sono tra l’altro convinti che gli italiani non posseggano il radar): bombardando il porto e la città di Genova.

Il bombardamento ha successo e la città subisce vari danni ma, questa volta, la coordinazione tra RM e RA funziona perfettamente e la flotta inglese paga il fio delle sue azioni: negli scontri navali e aeronavali che ne seguono la RN perde 3 Ct e vede danneggiati seriamente la Nb Malaya, la Np Ark Royal, l’inc. Shieffield e 2 Ct.

Ai primi di febbraio la tanto temuta offensiva inglese in AOI ha inizio con l’attacco alla guarnigione italiana di Afmadu nell’Oltregiuba e occupando tutta la regione entro il 15; ha così inizio la battaglia del Giuba che viene vinta dai britannici il 23 e con una avanzata prodigiosa occupano Mogadiscio la sera del 25, ha inizio una rotta che appare incontrollabile.

Il gen. Gandin che onde evitare i rischi che l’immobilismo forzato comportava, attacca le forze inglesi del Sudan nei pressi di Kosti il 15/02/41 e ottiene alcuni successi (il suo piano è quello di riprendere l’offensiva interrotta nel novembre 40, ma nella direzione meno attesa dai britannici, non a Nord verso l’Egitto ma a Ovest verso il Darfur e il Kordufan); il 26 viene nominato comandante in capo di tutte le forze dell’AOI e riceve l’ordine di arginare la penetrazione in Somalia.

Abbandonata a malincuore l’offensiva in Sudan (proprio a Kosti, avrà inizio a marzo la controffensiva britannica), il gen. Gandin prende il comando diretto delle truppe in ritirata (gli inglesi erano giunti gia il 29 ai vecchi confini etiopici e dal Kenia avevano occupato Mega il 18/02 e minacciavano Neghelli) le riorganizza e lancia una controffensiva che giunge alle porte di Mogadiscio e al confine keniota presso Moyale; vista l’impossibilità di rioccupare tutta la Somalia, infischiandosene degli ordini di Roma, abbandona gran parte della stessa, ritirandosi su postazioni meglio difendibili, visto che nel frattempo (siamo giunti al 15/03) gli inglesi hanno scatenato l’offensiva in Sudan.

Ai primi di marzo le ns. forze in Albania lanciano una prima controffensiva, che permette di rioccupare parte del territorio perduto, riportando il fronte sulle linee raggiunte dai Greci a dicembre; l’offensiva è duramente contrastata dai greci che esauriscono così le loro forze nell’arrestare la ns. avanzata.

Per contrastare il continuo afflusso di truppe e materiali britannici in Grecia, viene decisa l’operazione Gaudo con l’invio di 1 Nb, 1 Np, 8 inc. e 13 Ct nell’Egeo meridionale; il piano fallisce miseramente e l’Italia subisce una sconfitta che, a confronto, fa impallidire la notte di Taranto.

Le cause della sconfitta sono 3:

• I ns. messaggi e ancor più quelli tedeschi, vengono decrittati dai britannici (ULTRA contro ENIGMA); proprio a causa di questa sconfitta i servizi segreti dell’Asse si insospettiscono e decidono di cambiare sistema di decrittazione (vedi sotto) • L’assenza dei radar sugli incrociatori e sui Ct che compongono la seconda squadra (proprio per aprile erano previsti i lavori di manutenzione e di trasformazione con il montaggio di un sistema radar su Fiume, Pola e Zara) • L’assenza della Np Aquila che, all’ultimo istante, dovette restare a Taranto per un banale guasto, togliendo la copertura aerea necessaria per un’azione all’interno di acque controllate dal nemico

Nella notte del 28 marzo perdiamo, al largo di Capo Matapan, gli Ip Fiume, Pola e Zara, i Ct Alfieri e Carducci mentre viene danneggiata la Nb Vittorio Veneto, senza contare i 2303 marinai finiti in fondo al mare; il tutto senza che alla flotta inglese venga torto un capello.

Il sospetto che i britannici fossero in grado di decrittare i messaggi dell’Asse, porta, durante la seconda metà del 1941, alla progressiva introduzione di macchine decrittatici Z3 (basate sugli studi di Konrad Zuse), che saranno completamente operative a partire dall’inizio 42, in quel periodo, tale tecnologia viene fornita anche ai giapponesi che la adotteranno pienamente nei giorni precedenti alla battaglia di Midway; il sistema viene ulteriormente migliorato verso la fine del 42 con l’introduzione del computer Z4, che rende del tutto indecifrabili le comunicazioni dell’Asse e permette di decrittare quelle del nemico.

Tra il 24/03 e il 25/04/41 le truppe italiane al comando del gen. Tavoni, dopo essersi riorganizzate ed aver ottenuto rifornimenti dalla madre patria e aver inglobato le forze corazzate e motorizzate lasciate precedentemente in Tunisia, sferrano una grande offensiva che porta al recupero della Cirenaica (esclusa Tobruch che, isolata, resisterà sino all’offensiva inglese del dicembre 1941) e di alcune località di frontiera in territorio egiziano.



Cartina 9 e 10 – Avanzata italiana in Cirenaica nella primavera del 1941

Nel frattempo dal 15/03 nel Sudan i britannici scatenano la loro offensiva sfondando le ns. linee nei pressi di Atbara e di Kosti, il gen. Gandin riportatosi immediatamente al Nord contrasta efficacemente l’avanzata, contendendo in modo dinamico il possesso dell’immensa pianura (egli intuisce che una ritirata tout court si sarebbe trasformata in una rotta inarrestabile) e riportandosi sulle linee di partenza, sul vecchio confine, solo a fine ottobre dopo una battaglia ininterrotta di 8 mesi.

La resistenza attiva e l’uso intelligente dei pochi mezzi meccanizzati rimasti, permette di far pagare ai britannici assai cara la riconquista del Sudan e di guadagnare del tempo prezioso nell’approntamento delle opere di difesa, obbligatoriamente statica, sui contrafforti dell’acrocoro etiope ed eritreo.

Durante l’autunno i britannici ottengono alcuni successi, sul fronte somalo senza, peraltro, modificare in modo sensibile la situazione.

Il principale problema per le ns. forze in AOI è l’isolamento dalla madre patria: i rifornimenti che giungono per via aerea dalla Libia (parecchi S.82GA e P.108C sono impegnati dal giugno 1940 in questa operazione e un grosso aeroporto viene realizzato all’uopo nel deserto libico non lontano dal confine con l’Egitto e il Sudan) e per via mare dalla madrepatria e, sporadicamente, dal Giappone (utilizzando i sommergibili della classe R e T che partendo dall’Italia sbarcano discrete quantità di materiali prima di proseguire per l’estremo oriente dove caricano materiali strategici destinati all’Italia e alla Germania, in particolare dopo il giugno 1941 con la chiusura della ferrovia Transiberiana al traffico commerciale dell’Asse).


Cartina 11 – Andamento del fronte in AOI nel 1941

Per porre fine alla presenza di forze alleate sul continente europeo la Germania aveva pensato di dare soccorso all’Italia attaccando la Grecia dalla Bulgaria e dalla Jugoslavia, all’uopo, dopo aver inviato truppe in Romania (agosto 1940) e Bulgaria (inizio marzo 1941), aveva iniziato dei colloqui trilaterali con Italia e Jugoslavia per ottenere il permesso di passaggio di truppe attraverso il territorio jugoslavo e la conseguente sua adesione all’Asse (chiamato anche Patto Tripartito, dopo gli accordi che avevano legato in alleanza Italia, Germania e Giappone).

La Jugoslavia aderisce al Patto Tripartito il 25 marzo 1941, il 27 un golpe filo-britannico rovescia il governo e pone sul trono il giovane Pietro II; trai primi atti del governo c’è la firma di un patto di Mutua assistenza con l’URSS e la presa di contatti ufficiali col RU.

La situazione interna si fa drammatica: mentre i serbi sono a stragrande maggioranza filo-inglesi, i croati (seconda etnia di quel crogiolo di razze che era la Jugoslavia) sono profondamente filo-tedeschi e (obtorto collo, vista la situazione internazionale e gli aiuti dati all’indipendentismo croato dal regime fascista) filo-italiani.

A fine marzo, imponenti schieramenti di truppe tedesche (che erano già state poste sul futuro fronte russo) si trasferiscono in Ungheria e in Romania; anche l’Italia invia truppe (prelevate dalle riserve strategiche e dal confine italo-francese) e le invia sul fronte giuliano (in Albania viene posticipata l’offensiva generale, prevista per il 2 aprile e parte delle truppe destinate alla stessa vengono inviate sui confini jugoslavo-albanesi).

La sera del 5 aprile, mentre a Zagabria esplode la rivolta anti-serba, i governi tedesco, italiano e ungherese inviano un ultimatum alla Jugoslavia, intimando il rispetto del patto siglato a Vienna solo 10 giorni prima, che prevedeva il libero passaggio attraverso il territorio jugoslavo delle truppe dell’Asse.

La mattina del 6 le truppe dell’Asse invadono la Jugoslavia (la quale ha ereditato dall’impero asburgico il sistema della leva territoriale delle sue divisioni) incontrando la resistenza delle sole divisioni d’origine serba (sloveni, croati, bosniaci, macedoni, albanesi, ungheresi e dalmati, fanno a gara per chi si arrende prima).

Entro il 17 aprile ogni resistenza è cessata e l’occupazione della ex-Jugoslavia è completata, la II armata italiana e il suo comandante gen. Scattini si è brillantemente distinta; la suddivisione politica viene rinviata ad una conferenza che si terrà a metà giugno a Venezia, al termine dell’occupazione della Grecia, Creta compresa.





Cartina 12, 13 e 14 – La campagna di Jugoslavia nell’aprile 1941

Lo stato maggiore italiano aveva previsto un’offensiva a partire dal 2 aprile 1941, si prevedeva l’occupazione dell’Epiro in 10-15 giorni, da lì risarebbe puntato all’occupazione della Tessaglia, prevista in ulteriori 10 giorni, qualora la Grecia non si fosse arresa si sarebbe proceduto all’occupazione dell’Attica e del Peloponneso; nel caso Creta fosse stata occupata nel frattempo dai britannici si prevedeva uno sbarco da realizzarsi entro 15 giorni dalla caduta della Grecia continentale.

Lo spostamento di unità sul fronte albanese-jugoslavo, fa ritardare l’inizio dell’attacco e ridimensionarne gli obiettivi; truppe tedesche stanno penetrando nella Tracia e Macedonia greca, conseguentemente il ns. obiettivo resta quello dell’occupazione dell’Epiro e della partecipazione all’attacco tedesco contro Tessaglia, Attica e Peloponneso.

Dopo che attorno al 9 aprile vengono sfondate le linee greche in Albania, le ns. forze penetrano nell’Epiro, nella Macedonia occidentale e in Tessaglia e ottengono la resa dell’Armata greca il 20; nel contempo ns. truppe sono sbarcate a Cefalonia il 14 aprile.


Cartina 15 – La campagna di Grecia dell’aprile 1941

Congiuntamente alle truppe tedesche le ns. forze raggiungono Atene il 26 aprile e nella stessa data (mentre i tedeschi lanciano attacchi paracadutistici su Patrasso e Corinto) le ns. truppe sbarcano a Patrasso, entro fine mese tutta la Grecia continentale è nelle mani dell’Asse, restano in mano inglese Creta ed alcune isole dell’Egeo (che vengono occupate dagli italo tedeschi nei primi giorni di maggio); la ns. flotta è più volte intervenuta per impedire l’evacuazione degli inglesi e ha ottenuto alcuni successi, senza subire alcuna perdita.

Resta da occupare Creta dove i britannici hanno inviato un grosso corpo di spedizione sotto il comando del gen. Freyberg, per questo sbarco vengono mobilitate da parte tedesca 2 fliegerkorps e una div. Alpina (che dovrà essere in parte sbarcata da naviglio italiano e in parte aviotrasportata), da parte italiana vengono inviati in Grecia alcuni reparti della div. Folgore (per essere paracadutati insieme ai reparti tedeschi), alcuni reparti della div. La Spezia (che dovranno essere aviotrasportati coi loro mezzi corazzati e le loro artiglierie), alcuni reparti di fanteria di marina (per sbarcare unitamente alle truppe di montagna tedesche) e alcuni reparti di fanteria (che, in un secondo tempo, partendo dal Dodecanneso, dovrebbero essere sbarcati nella parte orientale di Creta).

Gli aviosbarchi hanno luogo il 20/05/41 e vengono duramente contrastati dalle forze del CW, mentre 2 squadre italiane si pongono tra l’isola e la Grecia la prima (1 Nb, 1 Np, 4 inc., 12 Ct e 6 Tp oltre a vari navi da trasporto e alcuni mezzi da sbarco) e tra l’isola e la Cirenaica la seconda (1 Nb, 1 Np, 2 inc., 8 Ct e 4 Tp), sia per appoggiare gli sbarchi che per interdire il traffico navale inglese da e per Creta.

La notte tra il 21 e il 22 avvengono i primi sbarchi, seguiti da altri la notte seguente, la situazione si fa drammatica per i britannici la cui resistenza si protrae sino al 30 maggio quando si ha la resa generale (gli italiani erano inoltre sbarcati il 27 nell’estremità orientale dell’isola); tutti i difensori sono caduti nelle mani dell’Asse e parecchie navi sono state perse nel tentativo di evacuare l’isola, tra cui la Np Formidabile e 2 inc..


Cartina 16 – Creta

Il 15 giugno si riuniscono a Venezia i capi di governo dei paesi aderenti al Tripartito e viene ufficializzata la nuova situazione nei Balcani:

• L’Italia annette la prov. di Lubiana, alcuni territori attorno a Fiume, la Dalmazia (dove vengono create le prov. di Sebenico, Spalato e Cattaro) e le isole Ionie • Passano sotto il controllo italiano la Croazia (Regno sotto Tomislavo I, che altri non è che Aimone di Savoia), il Montenegro (sotto la dinastia dei Petrovic) e la Grecia (per il momento sotto controllo militare, con l’esclusione della Macedonia Greca, di gran parte di Creta e di Alcune isole dell’Egeo che erano sottoposte al controllo militare congiunto italo-tedesco). • La Germania annetteva la Slovenia ad eccezione della regione di Lubiana • Passavano sotto controllo tedesco la Serbia e il Banato serbo (amministrato dalla maggioranza linguistica tedesca) • L’Ungheria annetteva la Backa e alcuni altri territori di confine con la Croazia (dopo essersi ripresa parte della Transilvania nel 40 grazie all’arbitrato italo-tedesco) • La Bulgaria annetteva la Macedonia (ad esclusione delle regioni a maggioranza albanese), gran parte della Tracia greca e una parte della Macedonia greca (nel 1940 aveva ottenuto la Dobrugia meridionale dalla Romania) • L’Albania annetteva il Kossovo, l’Eptaneso (Epiro del Nord), la parte della Macedonia ex-jugoslava a maggioranza albanese e alcune centri al confine col Montenegro.


Cartina 17 – La “spartizione” della Jugoslavia e della Grecia nel Giugno 1941

Sempre a Venezia i capi di governo e militari italo-tedeschi affrontano le problematiche legate al prosieguo della guerra; da parte tedesca si svelano agli italiani le prove circa la mobilitazione dell’esercito sovietico (l’attacco sovietico è previsto per il 6 luglio), e si comunica la volontà di lanciare al più presto un attacco preventivo. Da parte italiana si cerca di spingere i tedeschi a partecipare ad un’azione verso il medio oriente, attaccando sia dalla Libia che attraverso Cipro o occupando la Turchia.

Non va dimenticato che tra il 29 aprile e il 31 maggio 1941 si consuma la rivolta anti-britannica in Iraq; troppo impegnati nelle “faccende” greche, Italia e Germania si erano limitate all’invio di aerei, consiglieri militari e poco altro, con la connivenza dei francesi di Vichy della Siria.

L’8 giugno forze britanniche e della Francia “Libera” (Gollisti) attaccano la Siria, senza alcuna dichiarazione di guerra (cosa abituale per le aggressioni britanniche, in particolare contro gli ancora formalmente alleati francesi), la resistenza francese si protrae sino all’11 luglio 1941; oramai col pensiero e dal 22 giugno non solo con quello, all’URSS Germania e Italia si limitano ad inviare alcuni aerei e pochi altri mezzi in aiuto ai francesi.


Cartina 18 – Aggressione britannica alla Siria

Durante i mesi di luglio ed agosto, RU e URSS premono sull’Iran per ottenere il permesso di transito per le loro forze sul territorio iraniano e l’arresto di tutti i cittadini dei paesi dell’Asse residenti in Persia (si tratta di richieste inaccettabili per un qualsiasi paese e che contrastano con tutte le leggi e gli usi internazionali); il 25 agosto dopo la presentazione di un ultimatum oltraggioso, con brevissima scadenza, le forze alleate aggrediscono il paese che è costretto alla resa il 16/09/41 (Lo Scià è condotto in cattività a Mauritius e in seguito in Sudafrica).


Cartina 19/20/21 – Aggressione anglo-russa all’Iran

Il 10 giugno ricorre il primo anno dal ns. intervento, la situazione è ben diversa dallo scenario che si immaginava nel 40: la guerra non è affatto terminata in 3 mesi, anzi con il sempre più probabile attacco all’URSS, diventa impossibile prevederne la durata.

Le ns. forze hanno subito parecchi rovesci (sia sul mare che su terra), sono peraltro riuscite ad infliggere alcuni colpi pesanti ai britannici; anche da un punto di vista territoriale le acquisizioni sono ben superiori rispetto alle perdite.

Purtroppo nell’AOI la situazione sta prendendo una piega che non fa ben sperare, le riserve si stanno esaurendo, si prevedeva al massimo 12 mesi d’autonomia, entro il quale le forze dell’AOI dovevano congiungersi con le forze provenienti dalla Libia, passati i quali bisognava passare sulla difensiva praticamente passiva; le forze dell’Impero hanno assolto la loro parte di compito (spendendo quasi tutte le risorse disponibili), non altrettanto le forze in Nord Africa.

Il 21/06/41 in tarda serata la Germania invia un ultimatum all’URSS, intimando l’arretramento delle forze sovietiche dalle frontiere e chiedendo assicurazioni sul mantenimento della neutralità sovietica nel conflitto in corso, scaduti i termini dell’ultimatum, alle prime luci del 22 si da inizio all’operazione “Barbarossa”.

L’andamento della campagna russa del 1941 non è dissimile da quello della ns. linea temporale (cercando di raggiungere tutti i possibili obiettivi e cambiandoli in continuazione durante la campagna, si finisce per non raggiungerne nessuno), pur giungendo alle porte di Leningrado, Mosca e occupando sia pur temporaneamente Rostov, le forze dell’Asse saranno colte dal “generale inverno” in una situazione che le vede incredibilmente sbilanciate ed esposte alla controffensiva sovietica.


Cartina 22/23/24 – I vari piani della campagna di Russia; ovvero, chi troppo vuole nulla stringe

La grande differenza sta nel comportamento delle truppe d’occupazione, che evitando inutili brutalità si presentano come liberatori dal giogo russo-sovietico, presso le popolazioni non russe, e come liberatori dallo stalinismo presso i russi stessi; questo provoca una serie di reazioni nelle zone occupate i cui risultati determineranno l’andamento della campagna del 1942 e del 1943: viene quasi completamente a mancare il fenomeno della resistenza, anzi, tra i popoli baltici e tra gli ucraini c’è una corsa alla collaborazione con gli occupanti, questo determina:

• La formazione di milizie territoriali indigene che assicurano il controllo delle retrovie, liberando le forze tedesche da questo compito • La creazione di eserciti nazionali (sia grazie alla leva che pescando trai prigionieri di guerra) di discreta consistenza che collaboreranno coi tedeschi • Un grosso bacino di lavoratori da inviare in Germania in modo non coatto • Una minor resistenza delle truppe sovietiche, specie dove i componenti delle etnie non russe sono preponderanti • Una maggiore difficoltà dei sovietici in ritirata a smantellare industrie e miniere • Una più rapida ripresa delle attività produttive nelle zone occupate.

Il fenomeno partigiano nell’Europa pur esistendo, ha caratteristiche numeriche e qualitative molto inferiori rispetto alla ns. LT:

• In Francia, è pressoché inesistente anzi, è sempre più forte il risentimento contro il RU accusato di essere stato l’artefice dell’intervento francese, di aver abbandonato la Francia al suo destino senza alcun serio impegno nella sua difesa, di aver aggredito la Francia e il suo impero coloniale; i bombardamenti alleati sulla Francia, che aumentano sempre più col passare del tempo e le conseguenti perdite trai civili, fomentano sempre più l’avversione al RU • Nel Benelux il fenomeno è molto limitato, tra i fiamminghi c’è anzi un forte movimento pro-tedesco • In Danimarca, dove teoricamente non esiste l’occupazione e tutte le autorità locali sono rimaste in funzione, non esiste alcuna resistenza • In Norvegia esistono gruppi di resistenza passiva, talvolta vengono scoperti covi e stamperie clandestine, ma le punizioni sono generalmente lievi; anche nel caso di uccisioni di soldati tedeschi (non sempre legate a fenomeni partigiani) non hanno mai luogo rappresaglie incontrollate e del tutto spropositate rispetto all’offesa subita • In Polonia il fenomeno ha una certa rilevanza (qui l’occupante ha la mano più pesante e gran parte del territorio polacco è stato annesso alla Germania), ma scemerà sempre più dopo la scoperta nel maggio del 42 delle “Fosse di Katyn” • In Cechia la resistenza passiva è molto forte ma raramente si trasforma in un fenomeno armato • La Jugoslavia è un caso a parte, qui avvengono fenomeni impossibili in tutto il resto del mondo, con guerre trasversali e parallele (ad esempio: i Cetnici serbi combattono i tedeschi ma anche contro i Titini e contro gli Ustascia croati); comunque il fenomeno è assai inferiore a quello della ns. linea temporale, anche per l’effetto moderatore esercitato dagli italiani sui croati (all’inizio del 42 Ante Pavelic sarà allontanato dal potere e sostituito da elementi moderati) • Nella parte di URSS occupata, il fenomeno è molto ridotto e praticamente limitato alle zone dove i russi (e in parte i bielorussi) sono in netta maggioranza

Bisogna rilevare che semmai il fenomeno è presente nelle zone occupate dai britannici (colonie francesi, italiane, Iran, Iraq, Egitto ecc.), dove l’atteggiamento dell’occupante inglese è fazioso, spesso ingiustificatamente violento, facente ricorso ad esecuzioni sommarie e rappresaglie spropositate (sintomatico è il Fronte di Resistenza in A.O.I., nato nel 1942, che, dopo aver liberato varie zone dal giogo britannico e arrecati notevoli danni all’apparato militare inglese, visto l’atteggiamento dell’occupante inglese, anche nei confronti degli abissini “liberati”, arrivò nel ’43 a collaborare coi “negussiti”).

La ns. partecipazione alla campagna di Russia ha inizio nel mese di luglio con la formazione e il progressivo invio dello CSIR al comando del gen. Messe composto da 2 div. di fanteria, 1 div. motorizzata, 1 div. celere e 1 div. corazzata.


Cartina 25/26 – L’avanzata in Russia: dal 22/06/41 al 25/08/41 e dal 26/08/41 al 05/12/41

Il RE ha inquadrati (a fine luglio) 1.630.000 uomini, di questi (escluse le div. costiere e di milizia territoriale e le divisioni incomplete e in formazione) circa 1.100.000 uomini sono la reale forza combattente (che si spera di portare a 1.250.000 entro un anno) e sono così disposti:

• Territorio nazionale 450.000 (di cui oltre 200.000 sul confine francese) • Nord Africa 150.000 in buona parte schierate sul fronte egiziano • Africa orientale 75.000 • Balcania 325.000 • URSS 100.000

In AOI prosegue la lenta e manovrata ritirata dal Sudan e vengono cedute al nemico anche ulteriori porzioni di Somalia.

In Nord Africa, i combattimenti proseguono con fasi alterne tra il 18/11 e il 17/12/41 in quella che passerà alla storia come la Battaglia della Marmarica, che viene vinta dagli inglesi costringendo gli italiani ad evacuare, per la seconda volta, la Cirenaica, il ripiegamento si conclude a fine dicembre in modo ordinato e lasciando 2 presidi a Sollum e a Bardia isolati (saranno evacuati a gennaio con la collaborazione della marina, che ha il controllo assoluto del Mediterraneo in questo frangente, lasciando in mano nemica pochissimi prigionieri e poco materiale riutilizzabile). Purtroppo durante i combattimenti il 18/12 il gen. Tavoni muore in combattimento.

Il 5 dicembre i sovietici lanciano la controffensiva che potrà dirsi arrestata solo a fine maggio 1942, le ns. truppe si comportano molto bene resistendo nella zona di Stalino ad attacchi lanciati da forze avversarie superiori in numero ed armamenti.


Cartina 27 – La controffensiva sovietica nell’inverno 1941

Il 7 dicembre 1941 una rivolta militare anti-franchista scoppia alle Baleari (i ns. servizi segreti ne erano a conoscenza e certamente il ns. governo, unitamente al “Governo d’Alghero” spagnolo in esilio), in poche ore aerei e navi italiane fanno affluire truppe spagnole repubblicane e ns. reparti, prendendo il controllo dell’arcipelago; la Spagna franchista (che non ha rapporti diplomatici col Regno d’Italia) protesta lungamente ma non accede alla richiesta britannica di permettere agli alleati di utilizzare basi nel territorio spagnolo e nelle sue colonie (i rapporti di Franco con la Germania sono tutto sommato buoni e la presenza di grosse forze tedesche in Francia funge da deterrente).

Lo stesso giorno, con l’attacco a Pearl Harbor (avvenuto oltre un’ora dopo la consegna al governo americano della dichiarazione di guerra), ha inizio la guerra nel Pacifico; l’11/12/41 Italia e Germania, viste le continue violazioni della neutralità e gl’innumerevoli atti ostili, dichiarano guerra agli Stati Uniti.


Cartina 28 – L’attacco nipponico a Pearl Harbor

Sino al maggio 1942 l’andamento della Guerra in estremo oriente segue quasi esattamente quello della ns. linea temporale.

La notte tra il 18 e il 19 dicembre i ns. mezzi d’assalto SLC (i famosi “maiali”) mettono a segno un colpo strabiliante nel porto d’Alessandria; vengono messe fuori combattimento (resteranno fuori linea per oltre un anno) le Nb Valiant e Queen Elizabeth, oltre ad un Ct e una petroliera: Taranto è stata vendicata!

Ancora una volta, a fine dicembre si fa un analisi sull’andamento bellico e sulle prospettive italiane e dell’Asse più in generale.

L’intervento americano complica notevolmente la situazione dell’Asse, è chiaro che il Giappone, finito l’effetto sorpresa, non ha il potenziale bellico ed industriale per poter sconfiggere gli USA: è improbabile che costringa gli alleati ad una pace di compromesso; la sua sola speranza sta nei successi che gli alleati europei possono ottenere e nel parziale disimpegno degli Alleati in estremo oriente.

Il potenziale industriale americano è immenso come il suo avanzamento tecnologico, qualche riserva (almeno così si spera all’interno dell’Asse) viene nutrita sullo spirito combattivo delle sue truppe (entro un anno gli inglesi li chiameranno “i nostri italiani”).

La RM ha perso nel 1941 3 Ip, 3 Il, 8 Ct, 15 Tp e 17 sommergibili, sono entrate in linea: • 1 Nb (Roma consegnata a novembre) • 1 Np leggera (Nibbio) • 3 Il (Venezia e 2 della Cl. Capitani Romani) • 17 Ct (di cui 3 ex-jugoslavi) • 15 Tp • 7 incr. ausiliari (navi “corsare” trasformate nel porto di Bordeaux) • 41 corvette (di cui 12 tra ex-jugoslave ed ex-francesi) • 3 esploratori o avvisi (chiamati in molte marine cacciatorpediniere di scorta) • 36 somm. (di cui 6 tascabili)

Come si può ben vedere il piano di riarmo iniziato nel 1937 inizia a dare i suoi frutti. I danni arrecati alla RN sono superiori a quelli subiti ma, stante la sproporzione tra le 2 marine, insufficienti a bilanciare il rapporto di forze (non va dimenticato che durante il 1941 gli alleati hanno affondato la Bismark, perdendo in compenso molte Nb e alcune Np, in particolare dopo l’intervento giapponese).

La produzione di aerei ha raggiunto le 6.900 unità che sono decisamente adeguate ai compiti assegnati alla ns. RA, che ha mediamente ben svolto i compiti assegnatigli. Sono entrati in produzione alcuni nuovi aerei: SIAI SM.86 e SM.87 (due cacciabombardieri bimotori simili al P.38 americano), Fiat BR.25 (un bombardiere strategico bimotore, che sostituisce, a fine anno l’attempato BR.20)

Il RE ha vissuto fasi alternate e ha subito alcuni pesanti rovesci, specialmente nei primi mesi dell’anno, i mezzi corazzati, blindati, cingolati e motorizzati ricevuti sono qualitativamente e quantitativamente quasi adeguati (purtroppo in Nord Africa e in Somalia molti mezzi sono stati lasciati in mano al nemico); resta dolente la situazione delle artiglierie, l’ottimo cannone anticarro da 90 sta però venendo distribuito in buone quantità, come altri pezzi d’artiglieria, pur non colmando che in parte le deficienze.

Capitolo V - 1942

Per il 1942 diviene imperativo chiudere la partita con l’URSS, o militarmente e con una pace separata (possibilità divenuta remota dopo l’intervento americano), in quanto si ritiene che dopo aver raddrizzato la situazione nel Pacifico (si stima che ci vorranno dai 6 ai 12 mesi per arrestare l’avanzata giapponese), gli USA getteranno tutto il loro potenziale sul fronte europeo, sia con un intervento diretto che con forniture pantagrueliche di materiali e mezzi a RU e URSS; è altrettanto importante infliggere duri colpi ai britannici nel Mediterraneo (è basilare la presa del canale di Suez e/o di Gibilterra) prima che il peso degli americani si faccia sentire su questa zona. Purtroppo questa parte del piano non può che essere assolta dagli italiani, vista l’impossibilità germanica di distogliere forze dal teatro russo.

Il 01/01/42, il gen. Gandin viene richiamato dall’AOI e viene posto a capo di tutte le ns. forze in Libia e in Tunisia; appena assunto il comando, predispone un piano per la riconquista della Cirenaica, il 21/01/42 le ns. forze passano improvvisamente all’offensiva in Nord Africa, cogliendo di sorpresa i britannici e, in pochi giorni si portano sulla linea di Gazala (al confine tra Cirenaica e Marmarica) dove si fermano il 4 febbraio. La situazione resta stazionaria sino a fine maggio.


Cartina 29 – Offensiva britannica del dic. 1941 e controffensiva italiana del feb./lug. 1942

In AOI dopo un periodo di calma relativa, ai primi di febbraio riprende l’offensiva inglese sia sul fronte eritreo che su quello somalo, le ns. truppe resistono in modo eroico e fortemente in contrasto con le “rese lampo” del Nord Africa e Somalia dell’inverno 40-41; il 17/03/41 forze britanniche sbarcano nei pressi di Berbera nel Somaliland, dirigendosi verso l’interno e congiungendosi nei pressi di Giggiga con le truppe provenienti dalla Somalia il 21 marzo.


Cartina 30 – Caduta dell’AOI (ad eccezione delle zone di Gondar e del Galla e Sidamo)

Il 26/03/41 termina la battaglia di Cheren (la più sanguinosa di tutta la campagna), che durava con fasi alterne dal 31/01/41, con la vittoria dei britannici: il 1 aprile cade Asmara e il giorno 8 Massaua dove la flotta di esploratori coloniali, Ct e Tp ancora in grado di prendere il mare si lanciava in una serie di missioni “suicide” controre basi inglesi nel Mar Rosso (purtroppo con risultati pressoché nulli); a fine marzo gli esploratori coloniali Eritrea e Somalia e i 2 incr. ausiliari della cl. Ramb (unici mezzi dotati di sufficiente autonomia), avevano lasciato Massaua alla volta del Giappone, dove erano giunti tutti tranne il Ramb I (affondato nell’oceano indiano); negli stessi giorni alcuni ns. sommergibili, lasciavano Massaua alla volta dell’Italia (riuscendoci incredibilmente tutti).



Cartina 31/32 - Battaglia di Cheren e Caduta dell’Eritrea

Il 6 aprile i britannici occupano Addis Abeba dove, pochi giorni dopo si reinsedia il Negus; dopo una serie di combattimenti le ns. forze perdono anche Dessiè il 17/05 e il 19 giugno le unità rimaste col Viceré Amedeo d’Aosta s’arrendono nei pressi dell’Amba Alagi; a quel punto restano in mano italiana:

• Gondar e una parte del Goggiam a nord del lago Tana con circa 80.000 difensori (la cui metà è composta da truppe nazionali e il rimanente essenzialmente da eritrei) • Gimma e una vasta porzione dello stato di Galla e Sidamo con circa 80.000 difensori • Assab e una parte della Dancalia, con meno di 10.000 difensori, che cadrà il 2 agosto dopo una serie di bombardamenti navali

A questo punto il grosso delle forze britanniche abbandona l’AOI per dar manforte alle forze del RU impegnate in Egitto (che si stavano ritirando su El Alamein), lasciando l’onere di “finire” le sacche italiane in gran parte dal ricostituito esercito etiope; Hailé Sellassié mantiene invece un atteggiamento assai prudente (proteggendo i civili italiani nelle zone da lui controllate e adottando un non dichiarato cessate il fuoco sul fronte delle sacche italiane in AOI). Si ritiene che questo atteggiamento fosse in parte dovuto all’atteggiamento dei liberatori inglesi che avevano sostituito di fatto l’occupazione italiana con un regime assai similare di “protezione”, annettendo in pratica vaste regioni dell’Abissinia al Sudan.

Va ricordato che sin dal gennaio 1942 gli inglesi avevano affiancato al loro regime d’occupazione della Somalia italiana, un amministrazione affidata al governo in esilio della Repubblica Sociale Italiana (che era stato proclamato il 13/09/41 a Londra e prontamente riconosciuto dai britannici) formato da fanatici fascisti ma senza alcun seguito ne in patria ne tanto meno trai ns. prigionieri di guerra; non bisogna scordare che anche nella ns. LT Churchill era stato un ammiratore di Mussolini, almeno fino al ns. intervento i guerra. Il 21 giugno 1942 il Duca d’Aosta viene consegnato dagli inglesi ai fascisti di Mogadiscio che, dopo un processo sommario, lo fucilano il 25 dello stesso mese.

Mentre si consuma la ritirata in AOI le forze in Cirenaica passano all’attacco il 26 maggio e danno inizio ad una violentissima battaglia che si conclude il 14/06 con un grosso successo italiano; il 20 l’attacco alla piazzaforte di Tobruk (che aveva resistito per un anno intero nel 1941) ha pienamente successo e porta alla cattura di 25.000 prigionieri e di grandi quantità di mezzi e materiali. L’attacco prosegue in territorio egiziano e viene fermato solo a El Alamein a 80 km da Alessandria; qui i tentativi italiani di sfondare l’estrema di linea di difesa britannica vengono frustrati dalla tenace resistenza inglese (i ns. attacchi cessano il 27 luglio e il fronte resta essenzialmente inattivo sino a fine agosto).

Il 28 maggio, dopo aver rintuzzato l’attacco primaverile russo in Ucraina, viene lanciata la grande offensiva tedesca; il fronte sud (l’unico interessato dall’attacco) è formato dalle seguenti forze:

• Germania con 6 armate per un totale di circa 1.250.000 uomini. • Romania con 2 armate con 350.000 uomini circa • Ungheria con 1 armata composta da 200.000 uomini circa • Italia con 1 armata (l’ottava, composta da 2 div. Corazzate, 2 Meccanizzate, 1 Celere, 4 Motorizzate, 1 Alpina e 4 di Fanteria) con circa 300.000 uomini, sotto il comando del gen. Scattini • Croazia, Albania con 2 brigate aggregate all’armata italiana • Slovacchia e altri paesi minori con forze aggregate alle forze armate tedesche • Ucraina con 150.000 uomini che formano la I armata

Con poche eccezioni queste forze dovranno sostenere l’attacco per tutto il 1942 senza poter contare su consistenti rinforzi; l’URSS contrappone circa 1.700.000 uomini che però riceveranno rinforzi per oltre 900.000 uomini durante l’anno.

Il 6 giugno le forze tedesche raggiungono Voronez (lasciando nella totale incertezza i sovietici in quanto da quella località si poteva marciare anche su Mosca), piegano invece verso sud e seguendo il fiume Don si collegano con le truppe provenienti da sud, chiudendo in una sacca un discreto numero di Russi (comunque molti meno di quanto sperato, in quanto Stalin, dopo le batoste del 1941 si era reso conto che l’ordine di non arretrare a nessun costo, aveva un prezzo troppo caro, anche per l’URSS che pure poteva contare su un bacino di uomini quasi inesauribile); il 23 giugno, veniva lanciato l’attacco a Stalingrado (sul Volga) col chiaro scopo di chiudere la grande via di comunicazione fluviale, che cade il 1° luglio.

Le truppe dell’Asse piegano a sud puntando sul Caucaso conquistando il monte Elbruz il 6 agosto e raggiungendo il Mar Caspio il giorno seguente (le forze sovietiche nel Caucaso sono virtualmente isolate e possono essere rifornite solo via mare o attraverso l’Iran).


Cartina 33 – Il fronte meridionale russo al 11/08/42

Bisogna aprire una parentesi riguardante la Turchia: nel 1940-41 aveva avuto luogo un cambiamento epocale nella politica interna turca; i Curdi avevano cessato di essere chiamati turchi orientali e avevano ottenuto una certa autonomia da Ankara, questo era dettato dal desiderio turco d’espansione ad est (vista l’impossibilità di tornare parte attiva nella politica europea) anche profittando del vuoto di potere determinato dai fatti europei. I turchi erano anche profondamente preoccupati dalla politica d’aggressioni adottata dagli anglo-russi (occupazione tra aprile e settembre 1941 di Iraq, Siria e Iran); a partire dal mese di maggio 1942 URSS e RU avevano chiesto in modo pressante al governo d’Ankara il permesso d’utilizzare strade e ferrovie dell’Anatolia orientale per il passaggio di mezzi e truppe Alleate.

Il dilemma per i turchi era drammatico: accedere alle richieste Alleate avrebbe significato l’attacco da parte italo-tedesca e la trasformazione della Turchia in un campo di battaglia per gli opposti schieramenti; respingendole ci si sarebbe quasi certamente trovati a dover fronteggiare un’aggressione sovietico-britannica.

Visti i clamorosi successi di fine giugno e inizio luglio sia in Egitto che nella Russia meridionale da parte delle forze dell’Asse, i Turchi decidono di ribaltare la situazione e di non attendere l’aggressione da parte degli Alleati; vengono stretti accordi con Germania e Italia (convenzione di Edirne, siglata il 3 agosto 1942) che prevedono l’alleanza con l’Asse e il permesso di transito alle forze italo-tedesche a partire dal 15/08/42, a carico di queste forze è il fronte dal Mar Nero al confine iraniano e dal Mediterraneo all’Eufrate, il resto deve essere sostenuto dall’esercito turco (fortemente impreparato e male armato) che adotterà un atteggiamento difensivo.

Unità italiane (75.000 uomini, agli ordini del gen. Gandin, che comanda tutte le forze italiane i Nord Africa e Medio Oriente), bulgare (45.000 uomini) e tedesche (25.000 uomini) si dirigono verso la frontiera siriana: unità tedesche (175.000 uomini) e italiane (3 div. Alpine con circa 45.000 unità) si dirigono verso la frontiera con l’URSS; 300.000 turchi sono destinati alla difesa del fronte dall’Eufrate al confine sovietico e 100.000 sul confine turco-sovietico.

Sovietici e britannici hanno più che sentore di questi movimenti ma non hanno nella regione grandi unità per cui non possono far altro che prepararsi a contrastare queste forze con quanto disponibili in zona: 200.000 sovietici in Georgia e Armenia e 100.000 in Iran, 50.000 britannici in Iraq e altrettanti in Siria, supportati da 30.000 francesi “Liberi”; soprattutto le truppe sovietiche sono generalmente forze di seconda fila (territoriale e guardie di frontiera), neppure le truppe britanniche sono generalmente di prim’ordine.

Il 16 agosto le forze dell’Asse passano all’attacco e in sole 2 settimane si congiungono, nei pressi di Tiflis con le forze tedesche provenienti da nord; la Georgia resta isolata con oltre 450.000 soldati e resisterà sino a fine gennaio 1943; ciò è dovuto anche al relativo disinteresse tedesco che demanda a truppe dei paesi minori (turchi, rumeni, ucraini) il compito di contenere e conquistare l’immensa sacca.

L’attacco verso la Siria inizia lo stesso giorno e porta all’occupazione d’Aleppo il 19, di Damasco il 1 settembre e di Beirut il 10 dello stesso mese; il contemporaneo attacco italiano a El-Alamein si conclude con un niente di fatto (battaglia di Alam Halfa). Il pericolo della chiusura della tenaglia verso il canale Suez costringe i britannici ad inviare in Palestina alcune brigate e divisioni, distogliendone alcune anche dall’Egitto (specialmente dopo la conclusione positiva della battaglia di Alam Halfa il 6 settembre).

Nel frattempo nell’Oceano Indiano le forze britanniche aggrediscono i francesi del Madagascar a partire dal 04/05/42, la resistenza dei prodi francesi si esaurisce solo a fine novembre.

Nel Mediterraneo la flotta britannica aveva cercato più volte di forzare il blocco italiano tendente ad impedire i rifornimenti diretti all’Egitto: in particolare tra il 12 e il 15/06/42 (battaglia di Mezzo Giugno) il tentativo fallì con perdite da ambo le parti (Ip Trento da parte italiana, incr. Newcastle ed Ermione da parte inglese); tra il 10 e 15 agosto (battaglia di Mezzo Agosto) un altro tentativo fallì con la perdita di 1 Np, 2 Il alcuni Ct e 9 navi mercantili.

In Palestina nel frattempo gli italiani proseguono la marcia verso il canale di Suez (duramente contrastata dai britannici che avevano portato ad oltre 90.000 uomini il loro schieramento difensivo) conquistando il 14 ottobre Gerusalemme e il 27 Gaza; quando tutto fa pensare ad un rallentamento (se non proprio ad un totale arresto) della ns. offensiva ai confini tra Sinai e Palestina, 2 colonne corazzate si lanciano nel deserto del Sinai raggiungendo a sorpresa il canale nei pressi di Ismailia il 9 novembre, attraversandolo e creando una testa di ponte. La situazione si stabilizza solo verso il 15 con l’abbandono della penisola del Sinai da parte britannica (con l’eccezione di 2 piccole teste di ponte a Porto Said e a Suez) e il sopragiungere di forze dal fronte di El-Alamein praticamente sguarnito da entrambi i contendenti.


Cartina 34/35 – L’avanzata italiana in Siria, Palestina e Sinai

In Egitto i britannici cercano di sfondare le linee italiane prima che gli italiani giungano nel Sinai, l’attacco inizia il 23 ottobre e prosegue senza sosta sino al 4 novembre; il contrattacco italiano ha inizio l’8 novembre ma viene sospeso il 9 al sopragiungere della notizia degli sbarchi nel Nord Africa francese.

L’operazione Torch, ossia l’occupazione del Marocco e dell’Algeria, ha inizio l’8 novembre, con una serie di sbarchi che vengono duramente ostacolati dalle forze francesi; Italia e Germania si preparano ad inviare forze sia in Tunisia che in Algeria in aiuto alle forze francesi, quando l’11 l’ammiraglio Darlan (alto commissario francese) firma la resa che ha valore anche per le forze dell’Africa Occidentale francese (negli stessi giorni vengono occupate le ultime colonie nelle mani dei francesi, spesso dopo combattimenti accaniti).


Cartina 36 – L’operazione Torch

La reazione italo-tedesca porta all’occupazione della Francia metropolitana nella stessa giornata con l’eccezione del porto di Tolone dove si trova il grosso della flotta francese cui si stanno aggiungendo unità fuggite dall’Algeria: dopo giornate di tempestose riunioni il governo francese rompe gli indugi e dichiara guerra agli Alleati il 27/11/42; nasce un governo d’unità nazionale con a capo il socialista Blum con l’abbandono della politica paternalistica e ultraconservatrice del Maresciallo Pétain che resta Presidente ad interim, privato di tutti gli altri poteri che vengono restituiti al governo della repubblica.

L’Asse dichiara di considerare la Francia quale paese cobelligerante, dichiarandosi disposta a restituire all’amministrazione francese porzioni sempre più importanti del territorio metropolitano e delle sue colonie sulla base dell’effettiva collaborazione francese.

Il 12/11/42 gli Alleati anticipano di poche ore gli italiani nell’occupazione di Bona, nelle stesse ore una battaglia aeronavale ha luogo al largo della Cabilia vedendo un grosso successo italiano (gli anglo-americani perdono 2 Ct e 6 navi mercantili e vedono gravemente danneggiate una Np e 2 incr., contro la perdita di 1 Tp e il danneggiamento di 1 Ct da parte ns.); tra il 16 novembre e i primi di dicembre si combatte duramente per il controllo della Tunisia, il fronte si assesta e sotto controllo italiano resta solo la fascia costiera con una profondità media di 50-60 km.


Cartina 37 – Fronte tunisino al 31/12/42

Il 9 settembre con una serie di aviosbarchi i tedeschi attraversano il basso corso del Volga nei pressi di Ahtubinsk creando una testa di ponte profonda oltre 30 km; negli stessi giorni viene occupata Grozny e si stabilizzano lungo il corso del Terek.


Cartina 38 – Lo sviluppo dell’offensiva tedesca al 30/08 e al 15/09/42

Il 24/09 viene lanciato un grosso attacco nella regione di Voronez, con l’obiettivo di penetrare in profondità nel dispositivo difensivo russo e, piegando a sud piombando alle spalle dei sovietici sul Volga nei pressi di Stalingrado; all’ottava armata italiana (posizionata sul Don a sud di Voronez) sotto il comando del gen. Scattini, viene chiesto di tenere sotto pressione le forze sovietiche ad esse contrapposte (al ns. comando erano state aggregate le forze ungheresi della II armata e quelle Rumene della IV).

Le ns. forze fanno ben di più e tra il 2 e il 4 ottobre attraversano in più punti il Don, il 5 la pressione italiana è tale da costringere i sovietici ad arretrare sempre più rapidamente, il comando tedesco si rende conto dell’opportunità e aggrega alle forze italiane ben 2 corpi corazzati tedeschi; la ritirata russa si trasforma in una rotta senza precedenti che prosegue sino al 20 novembre comportando la perdita di vaste regioni della Russia meridionale: al 15 ottobre anche le forze tedesche della testa di ponte oltre il Volga passano all’attacco e si spingono a Nord in direzione di Saratov per ricongiungersi con le forze provenienti dal Don.


Cartina 39 – L’ultima grande offensiva dell’asse in URSS nell’autunno 1942

I segni di cedimento sovietici sono sempre più evidenti e solo il sopragiungere dell’inverno impedisce alle forze dell’Asse di porre fine al colosso sovietico; la situazione dell’URSS è comunque molto grave malgrado gli aiuti che gli Usa e il RU cercano di inviargli (attraverso il Nord Atlantico i rifornimenti incontrano un ostacolo quasi insormontabile nella flotta e nell’aviazione tedesca che con 2 Np e 3 Nb rende assai problematico il passaggio dei convogli; attraverso l’Iran i rifornimenti devono fare i conti con l’esiguità della rete viaria di quel paese soprattutto dopo che la via del Caucaso e del Volga è stata bloccata dai tedeschi), l’esercito sovietico da segni inequivocabili di stanchezza e non gode assolutamente del favore delle popolazioni dei territori occupati dall’Asse. Giungono anzi notizie di rivolte tra le popolazioni inviate in Siberia (Tartari di Crimea, Tedeschi del Volga ecc.) e non è raro che intere unità si arrendano non appena isolate e non più sottoposte al controllo del NKV (la saggia politica di comportarsi da liberatori e non da invasori sta dando i frutti sperati).

In Egitto le forze italiane dislocate nella zona di Suez, lanciano un’offensiva generale il 4 dicembre che li porta ad occupare Il Cairo l’11 e a congiungersi con le forze provenienti da El-Alamein nei pressi di Alessandria il 14, entro il 21 dicembre tutte le forze britanniche nel delta del Nilo si arrendono; alcune unità navali riescono a raggiungere Cipro altre (tra cui 2 incr.) vengono affondate nel tentativo di passaggio del canale di Sicilia.


Cartina 40 – Occupazione del Delta del Nilo

Prima di tirare le somme del 1942 è d’obbligo fare un salto in estremo oriente: le forze giapponesi vincono tra il 7 e l’8 maggio la battaglia aeronavale del Mar dei Coralli affondando la Np Lexington e varie altre navi americane, danneggiandone gravemente altre senza alcuna perdita di rilievo; nei giorni seguenti forze giapponesi sbarcano a Port Moresby ed entro fine mese tutta l’isola di Nuova Guinea è saldamente nelle mani dei giapponesi.


Cartina 41 – Pacifico, situazione al 6 maggio 1942

Avendo avuto sentore che gli americani avevano scoperto i codici cifrati giapponesi, i nipponici li cambiano durante lo stesso mese di maggio; tra il 4 e l’8 giugno 1942 ha luogo la grande battaglia aeronavale di Midway con l’occupazione del piccolo ma basilare arcipelago; gli americani perdono 3 Np (Enterprise, Hornet e Yorktown), i nipponici vedono danneggiati gli incr. Mogani e Mikuma.

Ai primi di luglio i nipponici occupano l’importantissima base di Dutch Harbour nelle Aleutine e completano l’occupazione delle isole Salomone; profittando della netta superiorità navale proseguono pianificando una doppia direzione d’espansione nel pacifico: una in direzione delle Nuove Ebridi e della Nuova Caledonia tendente ad isolare l’Australia; l’altra passando dalle isole Ellice e Phoenix in direzione delle Hawaii.

Il 15 luglio hanno luogo gli sbarchi nell’arcipelago di Nuova Cruz che portano alla conquista dell’arcipelago entro fine mese, dal 4 agosto iniziano gli sbarchi nelle Nuove Ebridi che vengono conquistate durante il mese d’agosto e di settembre; il braccio nord vede gli sbarchi alle isole Ellice verso il 20 luglio, con la totale occupazione per il 10 agosto, gli sbarchi nelle isole Phoenix hanno inizio verso il 20 agosto e l’occupazione viene completata verso il 25 settembre.

La spinta dell’offensiva giapponese si è praticamente esaurita e tutti i tentativi di proseguire l’espansione vengono frustrati dalla resistenza degli Alleati e dall’esiguità delle forze giapponesi che possono essere gettate in combattimento; a fine novembre, dopo la conquista delle isole dell’Unione e di alcune isole nelle Aleutine, le forze giapponesi vengono poste alla difesa attiva della zona conquistata.


Cartina 42 – Pacifico, situazione al 31/12/42

Gli obiettivi che l’Asse si era posta all’inizio dell’anno non sono stati del tutto raggiunti:

• L’URSS sta vacillando e gli aiuti ricevuti dagli alleati occidentali sono decisamente inferiori a quelli della ns. linea temporale; l’inverno è comunque un buon alleato dei sovietici che possono cercare di riorganizzare le loro forze sia in vista di limitate offensive invernali che di possibili offensive germaniche nell’estate del 1943 • Nel Mediterraneo il RU ha subito parecchi rovesci sia nel settore navale che terrestre; tutto il settore centrale e orientale (con l’eccezione di Cipro, isolata) è nelle mani dell’Asse; gli sbarchi in Marocco e Algeria hanno aperto un nuovo fronte ma non hanno ottenuto i 2 obiettivi che erano alla base di questa operazione: occupare la Tunisia riaprendo il Med. Centrale alla navigazione alleata e evitare la caduta dell’Egitto • In medio oriente, la posizione degli alleati è piuttosto difficile non potendo ricevere rinforzi tali da far prevedere una ripresa dell’iniziativa in quel settore (la sensazione che le forze del RU e dell’URSS in Iraq e Iran, siano in attesa piuttosto dell’attacco da parte delle forze dell’Asse) • I giapponesi oltre ad occupare Malesia, Filippine, Indonesia e Birmania, si sono spinti nel Pacifico alle porte dell’Alaska, delle Hawaii e dell’Australia, la loro posizione è però assai critica dovendo difendere un fronte vastissimo mentre il grosso del loro esercito sta combattendo in Cina

La battaglia dei convogli dell’Atlantico vede una serie di notevoli successi da parte dei sommergibili tedeschi e italiani (nonché degli aerosiluranti italo-tedeschi) e l’evoluzione delle perdite da ambo le parti è la seguente:

1939 756.000 t 9 somm. 1940 4.092.000 t 22 somm. 1941 4.829.000 t 35 somm. 1942 8.791.000 t 86 somm.

La flotta di superficie tedesca opera essenzialmente nel Mare del Nord e nel Mare Artico per contrastare i convogli di rifornimenti destinati all’URSS; la piccola flotta di superficie italiana con base a Bordeaux (Betasom) opera nell’Atlantico centrale e, oltre che dagli incrociatori ausiliari, è composta da:

• 1 Np da scorta (Rondine, che entrerà in linea a febbraio 1943, con caratteristiche che ne permettono un uso anche come supporto alla flotta subacquea e di superficie), • 4 Ct pesanti “oceanici” (il 4° entrerà in linea a marzo del 43), • 1 Tp, • 5 Corvette • 2 Avviso scorta (ex Classe Bougainville).

La Germania ha abbandonato il faraonico e spropositato “Plan Z” ma ha messo (e sta mettendo) in linea un buon numero di battelli, costringendo i britannici a distogliere forze più cospicue per contrastare la Kriegsmarine (rispetto alla ns. LT); dal 01/09/39 sono entrate in linea:

• 2 Nb (Bismarck e Tirpitz, la prima persa nel maggio 1941) • 2 Np (Graf Zeppelin e Peter Strasser) • 2 Ip (Blücher, Prinz Eugen) • 4 Il • 1 Il antiaereo • 18 Ct • 34 Tp • 5 Corvette e scorte varie • 307 sommergibili

Nel Mediterraneo, oltre alla perdita di mezzi e di basi, gli Alleati devono affrontare la flotta francese, che pur ufficialmente indipendente è posta agli ordini della nostrana SuperMarina; al 31/12/42 la Royale è composta da:

• 1 Nb obsoleta (Provence) • 2 Nb moderne (Dunkerque e Strasbourg che cambia nome in Calais) • 1 Portaidrovolanti (Comm. Teste) • 4 Ip • 4 Il • 31 Ct (di cui molti pesanti, che si potrebbero chiamare super-caccia) • 6 Tp • 2 Avvisi scorta • 31 Sommergibili

Il RE ha tra le sue file 1.700.000 uomini dei quali 1.200.000 in unità di prima linea, così distribuite:

• Russia, 200.000 uomini (parte delle truppe sono state ritirate a partire dal 15/11/42 per far fronte alla situazione creatasi in Africa del Nord, altri ancora saranno ritirati entro febbraio) • Balcani, 75.000 uomini • Medio oriente, 50.000 uomini • Egitto, 100.000 uomini • AOI, 60.000 uomini • Francia meridionale, 150.000 uomini • Italia 225.000 uomini • Tunisia 300.000 uomini • Baleari 40.000 uomini

La preparazione e l’armamento del RE è notevolmente migliorato ed è tutto sommato adeguato e qualitativamente in linea a quanto utilizzato dagli altri eserciti in campo: nel 1942 è entrato in linea l’ottimo carro pesante P.28 (in sostituzione del discreto P.26 del '41) e la disponibilità di semoventi, cingolati, blindati ecc. è buona; resta dolente la situazione dell’artiglieria (comunque assai meno scadente rispetto alla ns. LT).

La RA ha ricevuto circa 8.900 aerei, mediamente di buon livello qualitativo; durante l’anno sono entrati in linea i seguenti nuovi aerei:

• Fiat G.55, un ottimo caccia che si rivelerà altamente competitivo specialmente ad alta quota • Macchi MC.205V, erede del 202 ma meglio armato e molto più veloce, decisamente superiore anche allo Spitfire • Macchi MC.205N, un buon cacciabombardiere leggero • Reggiane Re.2005, un caccia dalle ottime prestazioni che, superati alcuni problemi di gioventù, si dimostra un degno concorrente dello Spitfire • Reggiane Re.2005GA, con grande autonomia (2.100 km) • Reggiane Re.2007, un ottimo cacciabombardiere e silurante con un grande raggio d’azione (aut. di 2.000 km), in grado di difendersi validamente anche contro i migliori caccia avversari • Inam Ro.58, un caccia pesante bimotore, decisamente superiore al Ro.57, su cui vengono montati i primi radar aerei italiani • SIAI SM.201, un eccezionale bombardiere e silurante bimotore • SIAI SM.201GA, la versione a grande autonomia (oltre 4.000 km) del precedente • Breda Ba.402, un ottimo bombardiere strategico quadrimotore, che affianca il P.108 che inizia a denunciare i primi limiti dovuti all’età del progetto • Henkel He100I2, un più che degno successore del caccia He100I1, per un certo periodo il miglior caccia presente su tutti i fronti

La RM ha avuto un anno di discreti successi infliggendo duri colpi alla Mediterranean Fleet, pur subendo alcune gravi perdite (i compiti principali da svolgere sono 2: proteggere i convogli diretti in Africa e interdire il passaggio del Med. centrale alla flotta britannica); in particolare perdiamo 1 Ip, 2 Il, 9 Ct, 6 Tp e 23 sommergibili, entrano in linea durante l’anno:

• 1 Np leggera, Falco • 2 Np di scorta, Gipeto (ex Mn Virgilio) e Rapace (ex Mn Marco Polo) • 1 Ip, Spalato • 5 Incr. A.A., 2 della cl. Etna e 3 della cl. Capitani Romani • 12 Ct, 2 della cl. Soldati III, 3 della cl. Medaglie d’oro I, 1 della cl. Medaglie d’oro II, 1 della cl. Città marinare I, il Pasmano (l’ex-jugoslavo Zagreb, recuperato nell’ante-porto di Spalato), il Parenzo (ex-jugoslavo, impostato a Spalato come Split), 3 della cl. Zara (impostati a Bordeaux dai francesi nel ’39 come Ct della cl. Mogador) • 17 Tp, 2 della cl Ciclone, 4 della cl. Città I, 6 della cl. Orsa III, 4 della cl. Città II e il Corsica (impostato a Bordeaux come Le Breton) • 29 Corvette della cl. Gabbiano • 1 Esploratore AA e AS della cl. Galla e Sidamo • 29 sommergibili, 3 da trasporto della cl. T, 3 costieri della cl. Platino, 11 cost. della cl. Tritone, 12 oceanici della cl. Ammiragli II

Sia la componente aerea imbarcata che quella con base a terra viene notevolmente ringiovanita con l’introduzione dei Re.2005I, Re.2007I, SAI S.S.5I e vari caccia, bombardieri e aerosiluranti di nuova concezione.

Capitolo VI - 1943

Le prospettive per il 1943 sono alquanto incerte e sono legate essenzialmente:

• Alla possibilità tedesca di chiudere al più presto la partita con l’URSS; in particolare se, come si ritiene negli ambienti dell’OKW, i sovietici non fossero in grado di lanciare una grande offensiva invernale, si potrebbe lanciare una grande offensiva primaverile • Alla capacità italiana di respingere, nel più breve tempo possibile, le forze alleate dalla Tunisia e più in generale dal Nord Africa francese (i bombardieri alleati dall’Algeria sono in grado di colpire tutta la penisola); allo stesso tempo va mantenuta l’iniziativa nella valle del Nilo e in Mesopotamia • Alla coesione che il nuovo governo francese saprà dare al popolo, coinvolgendolo in una situazione politica che è esattamente l’antitesi di quella per cui la Francia era scesa in campo; un’incognita è quella legata al conseguente comportamento delle forze armate francesi • Alla capacità nipponica di resistere all’ineluttabile ritorno dell’iniziativa nelle mani degli anglo-americani; allo stesso tempo, un’eventuale scarso impegno da parte alleata, lascerebbe spazio ad una possibile ultima grande offensiva in Cina, mirante a costringere la stessa a cercare un accordo coi giapponesi • Alla reale capacità delle forze armate americane; non si nutrono dubbi sulle capacità produttive e in linea di massima neppure di quelle di USN e USAAF, mentre le capacità combattive dell’esercito sono un incognita come pure quelle degli alti comandi delle varie armi. • Alla capacità di resistenza del RU che è sempre più stretto d’assedio dalle forze sottomarine dell’Asse e dai continui bombardamenti, che sono molto diminuiti rispetto a quelli del 40 ma sono decisamente superiori a quelli della ns. LT • Alla capacità dell’URSS di lanciare una controffensiva invernale di vasta portata e, anche sulla base di quanto ottenuto in questa offensiva, di resistere alla più che probabile offensiva estiva tedesca

Il primo evento dell’anno ha luogo in Tunisia dove il 1° gennaio le forze dell’Asse scatenano un offensiva nel sud del paese mentre sin dalle prime ore dell’alba ha luogo il più grande attacco aereo dall’inizio del conflitto: aerei italiani (e in minima parte tedeschi) lanciano attacchi su porti, aeroporti, linee di comunicazione e truppe nemiche; l’attacco manterrà una notevole intensità per oltre una settimana.

Le forze dell’Asse in Tunisia, con esclusione delle truppe territoriali, costiere e similari (in alcun modo coinvolte nell’offensiva), che si contrappongono agli oltre 350.000 uomini delle forze alleate in Tunisia e in Cabilia, concentrate soprattutto nel nord della Tunisia (con quasi 1.400 aerei), sono le seguenti:

• Italiani, oltre 260.000 uomini, con 2 div. Corazzate, 2 Meccanizzate, 1 Celere, 4 Motorizzate, 4 Fanteria, 1 Fanteria di montagna; oltre 2.000 aerei posizionati in Tunisia, Libia occidentale, Sicilia, Sardegna e Baleari • Tedeschi, circa 35.000 uomini, oltre 250 aerei • Libico-Tunisini, oltre 20.000 uomini • Francesi, circa 5.000 uomini

I ns. servizi segreti (anche grazie alla ricognizione aerea), si erano convinti, durante l’ultima decade di dicembre, che tra il 3 e il 6 gennaio gli Alleati avrebbero lanciato una grande offensiva in direzione di Biserta e Tunisi; il gen. Gandin era persuaso che la striscia di terra rimasta in ns. possesso era troppo stretta per permettere una difesa manovrata, anche utilizzando forze ingenti.

Il piano italiano prevedeva un grande attacco nel sud della Tunisia in direzione di Kasserine, una volta superata la gola presso questa località (tra il 4 e il 5 giorno dall’inizio dell’offensiva), si sarebbe puntato verso Tebessa e mentre una parte delle truppe si sarebbe lanciato verso l’interno dell’Algeria con meta Costantina, il resto avrebbe puntato al mare da raggiungersi presso Bona entro il 10° giorno, chiudendo in una grande sacca gli Alleati destinati all’offensiva dei primi di gennaio; questo piano puntava ad anticipare l’attacco alleato, colpendo nei giorni immediatamente precedenti allo stesso, un avversario sbilanciato nel punto dove era più debole.


Cartina 43 – Il piano del generale Gandin

Sin dal primo giorno le ns. forze penetrano profondamente nello schieramento americano, isolando oltre 20.000 uomini, il 4 gennaio vengono superate le gole di Kasserine e il 5 ha luogo una dura battaglia tra mezzi corazzati nella conca di Tebessa, la mattina del 6 lo scontro si conclude con la totale vittoria italiana; la notte tra l’8 e il 9 gennaio le ns. truppe entrano a Bona e nella stessa giornata viene occupata Costantina: in un’immensa sacca sono isolati oltre 220.000 uomini del corpo del gen. Eisenhower.

La ns. offensiva prosegue con un’ulteriore penetrazione in Algeria sino al 18/01, quando il gen. Gandin, preoccupato dall’inconsistenza delle forze lasciate a contrastare le forze alleate isolate, ordina l’arresto della stessa, facendo ripiegare una parte consistente delle ns. forze verso la sacca tunisina; la ns. offensiva conferma un dato emerso sin dalla campagna di Francia del 1940: gli inglesi (ora anglo-americani) hanno dei tempi di reazione molto lunghi e se presi continuamente alla sprovvista non riescono a reagire in modo adeguato, anche quando godono di una forte superiorità.


Cartina 44 – L’offensiva in Tunisia e Cabilia Tra il 21 e il 30 gennaio gli Alleati lanciano una controffensiva con le poche forze disponibili, effettivamente si scontrano con forze italiane altrettanto esigue e riescono a riguadagnare parte del terreno perso, attorno al 30/31 l’offensiva si sta arenando anche grazie al totale controllo dei cieli da parte della ns. RA; nel tentativo di capovolgere la situazione, Eisenhower decide di fare sbarcare nei pressi di Bona 2 divisioni con l’appoggio di un consistente schieramento navale, ne consegue la più grande battaglia aeronavale del Mediterraneo (battaglia d’inizio febbraio) che si conclude con la più dura sconfitta alleata in questo settore del fronte, gli Alleati perdono: 1 Nb, 2 Np, 1 Ip, 3 Il, 7 Ct, 3 somm. e 18 navi mercantili, contro la perdita da parte ns. di 1 Il, 3 Ct 3 Tp e 2 somm..

Attorno al 5 febbraio le ns. forze riprendono l’offensiva ricacciando gli Alleati ben oltre le loro linee di partenza entro il 12, contemporaneamente il 6 febbraio si arrendono le forze alleate in Tunisia; il bilancio dei 45 giorni di combattimenti in Nord Africa è il seguente: l’Asse perde 35.000 uomini tra morti, feriti gravi e prigionieri, gli Alleati perdono oltre 310.000 uomini e lasciano nelle mani italiane un bottino ingente di mezzi e materiali.


Cartina 44 – Controffensiva alleata e ns. risposta

In Egitto le ns. forze proseguono nella risalita del Nilo, nell’intento di congiungersi con le forze isolate nelle sacche dell’AOI dove gli Etiopi sono passati ad un cessate il fuoco non dichiarato nonostante le insistenze inglesi perché pongano termine alla ns. resistenza (esistono contatti tra il governo del Negus e il ns. per cercare una soluzione di compromesso); in Medio Oriente il fronte è relativamente calmo, mentre in Russia i sovietici lanciano 4 offensive invernali:

• La prima, nel mese di gennaio porta all’apertura di un piccolo corridoio a sud del lago Ladoga che permette di liberare almeno formalmente dall’assedio la città di Leningrado • La seconda, che dura quasi 2 mesi, tra gennaio e marzo, tenta d’aprire un corridoio alle forze sovietiche isolate a Saratov, senza peraltro riuscirvi • La terza, nel mese di febbraio porta all’eliminazione del saliente di Demyansk a sud di Novgorod • La quarta, che si conclude a marzo, elimina il grosso saliente di Rzhev, molto vicino a Mosca

Tutto sommato sono offensive di poco conto, poco contrastate dalle forze dell’Asse (con l’eccezione di quella di Leningrado e di quella di Saratov); nella zona di Rzhev erano schierate le forze dell’Armata Nazionale Russa, al comando del gen. Vlassov, queste forze hanno ben risposto all’attacco dei sovietici, solo per ragioni strategiche l’alto comando tedesco ha deciso di non proseguire nel contrastare l’attacco sovietico.

Al 1° marzo 1943, escludendo le truppe dei 3 paesi baltici, le forze degli eserciti antibolscevici che combattono a fianco dell’Asse sono le seguenti:

• Ucraina, 750.000 uomini dei quali oltre 250.000 di prima linea • Bielorussia, 200.000 uomini di cui 40.000 di prima linea • Russia e popolazioni minori (riuniti nell’Armata Nazionale Russa), 600.000 di cui 150.000 di prima linea • Cosacchi, 100.000 uomini di cui 30.000 di prima linea • Caucasici, 150.000 uomini di cui 40.000 di prima linea • Altri popoli, 100.000 uomini di cui 30.000 di prima linea


Cartina 45 – Offensive invernali russe nel 1943

Tra il 14 e il 24 gennaio si tiene a Trieste la conferenza trai capi di governo dei paesi dell’Asse (ovviamente il Giappone e le nuove nazioni asiatiche sono rappresentati dai loro Ambasciatori in Italia) durante la quale vengono prese importanti decisioni politiche e militari:

• Creazione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite che dovrà gestire tutti i problemi a livello planetario in sostituzione della SdN • Creazione della Comunità Europea che avrà il compito di portare all’unità economica, politica e militare del Vecchio Continente • Creazione del comando interalleato e di vari comitati tecnico-scentifici per coordinare lo sforzo militare e produttivo dei paesi dell’Asse (un comitato segreto italo-tedesco denominato “Piano Mannheim” è gia in funzione per la realizzazione della bomba atomica) • Formula della resa incondizionata da applicarsi a tutti i paesi Alleati • Priorità militare assoluta del fronte orientale, nel quale si prevede un’offensiva primaverile molto anticipata • Priorità secondaria al fronte algerino con coinvolgimento maggiore delle forze francesi in via di formazione • Priorità secondaria alla guerra ai convogli nell’Atlantico • Priorità minore al fronte egiziano, cercando comunque di raggiungere al più presto le forze isolate in AOI al fine anche di poter creare un sistema di convogli che, attraverso l’Oceano Indiano, permetta lo scambio di materiali e mezzi tra le forze dell’Asse europee ed asiatiche • Priorità minore al fronte medio orientale • Restituzione all’amministrazione civile francese dell’ex-zona di Vichy e dell’Ile de France • Prosecuzione dei contatti segreti con il governo Etiope • Prosecuzione dei contatti con alcuni generali spagnoli che stanno studiando un pronunciamento contro Franco (che sta instaurando una dittatura di tipo personalistico); all’uopo verranno potenziate le forze presenti nella Francia meridionale in caso si debba organizzare un intervento

Nel febbraio 1943 avvengono una serie di movimenti nei comandi dell’esercito italiano: il gen. Gandin, nominato Comandante in Capo di tutte le Forze Armate (in sostituzione del gen. Ambrosio, che aveva a sua volta sostituito il gen. Cavallero il 04/12/40), mantiene il comando diretto delle forze dell’Asse in Algeria, composte dal 1° gruppo d’armate; il gen. Scattini, passa dal comando dell’ottava armata a quello delle forze d’occupazione della Francia Meridionale, composte dal 2° gruppo d’armate; il gen. Messe riassume il comando delle forze italiane in Russia, composte dall’ottava armata e dal 1° corpo d’armata alpino; il gen. Bellomo assume il comando delle forze in Egitto, composto dalla prima armata; il gen. Guzzoni assume il comando delle forze in Siria e Turchia, composte dalla terza armata.

I rapporti coi possibili generali rivoltosi spagnoli (in particolare il comandante generale dell’Andalusia e quello della Galizia) si fanno più stringenti e viene deciso il pronunciamento per l’11 marzo; nelle stesse ore forze italo-franco-tedesche attaccheranno sul fronte pirenaico e forze italiane sbarcheranno in Andalusia col duplice scopo di appoggiare i rivoltosi e con quello principale di conquistare sin dalle prime ore Gibilterra.

A questo punto tutte le risorse italiane disponibili vengono indirizzate verso il II gruppo d’armate, procrastinando a tempo indeterminato la prosecuzione dell’offensiva in Algeria (in seguito ci saranno parecchie polemiche su questo fatto in quanto a fine febbraio le ns. forze in Algeria erano decisamente superiori a quelle alleate, pur necessitando di un periodo di riposo, riassetto e riequipaggiamento), sospendendo qualsiasi attività in Medio Oriente e riducendo i rifornimenti alle forze impegnate in Egitto che il 10 febbraio hanno occupato Assuan e il 15 hanno superato il confine col Sudan A.-E..

Le forze del II gruppo d’armate ammontano a 250.000 uomini circa, a queste si aggiungono 120.000 francesi, 100.000 tedeschi, 80.000 tra croati, ucraini e russi; circa 40.000 italiani e 10.000 spagnoli sono invece destinati al supporto in Andalusia (si prevede di sbarcarli a Malaga e nelle immediate vicinanze).

All’alba dell’11 marzo le truppe spagnole in Andalusia proclamano l’insurrezione mentre truppe ispano-italiane sbarcano nei porti tra Malaga e Gibilterra che sin dalla notte è fatta oggetto di pesantissimi attacchi aerei e da un forte cannoneggiamento navale (nell’operazione sono impegnate 3 Nb, 4 Np, 3 Ip, 11 Il, 28 Ct, 32 Tp, 18 Corv. e Avvisi e 24 somm.); dopo essersi organizzate le ns. forze iniziano l’attacco da terra nelle prime ore del pomeriggio incontrando una resistenza disperata, solo nella tarda serata vengono occupati i primi avamposti britannici. L’attacco riprende alle prime ore dell’alba del 12 mentre la flotta britannica si allontana dopo aver subito pesanti perdite e arrecato gravi danni alla ns. flotta (perdiamo un Ip, 1 Il e vario naviglio minore); verso metà pomeriggio i progressi italiani sono piuttosto scarsi, durante le prime ora della serata finalmente la penetrazione aumenta. Dopo accaniti combattimenti per tutta la giornata del 13, il 14 dopo che le ns. forze hanno occupato Signal Hill nella mattinata e si stanno approssimando a Highest Point, alle 18.15 viene ottenuta la resa di tutte le forze del CW in Gibilterra.


Cartina 46 – La presa di Gibilterra 11-14/03/43

Con la presa di Gibilterra il Mediterraneo diviene a tutti gli effetti un “lago italiano”, con il controllo di Suez e degli stretti turchi; le ns. navi non possono ancora uscire impunemente (la costa africana dista soli 14 km ed è controllata dai franchisti e dagli alleati), in compenso molte navi militari e mercantili alleate restano bloccate nel Mediterraneo (si aggiungono a quelle ancorate a Cipro, del tutto isolate).

Le forze dell’Asse attaccano dai Pirenei dal mattino dell’11 marzo, penetrano profondamente in Spagna (la rivolta scoppiata in Andalusia non è stata seguita da quella prevista in Galizia), congiungendosi il 1° aprile con le forze dell’Andalusia e nonostante l’invio di truppe alleate nelle Asturie (oltre 100.000 uomini) e uno sbarco nei pressi di Cadice (75.000 uomini circa), occupano Madrid il 4 aprile; proseguono velocemente verso il confine portoghese e si congiungono con le forze che nel frattempo si sono rivoltate in Galizia. Mentre tra l’8 e il 10 aprile le forze alleate evacuano la Spagna, tra l’11 e il 14 ha luogo una disperata controffensiva spagnola che non modifica comunque l’esito finale della campagna, con la resa generale siglata il 17 aprile dal neo-premier Serrano Suñer che ha sostituito Franco fuggito poche ore prima in Inghilterra.

In Spagna viene istallato un governo democratico che assicura che verranno indette libere elezioni e un referendum istituzionale, capo provvisorio dello stato è confermato Juan Negrin; il 21 aprile il governo spagnolo dichiara guerra a USA e RU e non all’URSS, memore degli aiuti ricevuti da quest’ultima durante la guerra civile. Viene emanato un decreto d’amnistia generale e ha inizio la lenta ricostruzione: l’apporto che darà la Spagna nel prosieguo della guerra all’Asse sarà forzatamente esiguo, tranne che sul mare (il grosso della flotta si era schierato coi rivoltosi, e parte della vecchia flotta repubblicana era internato nel porto di Cagliari sin dal 39) con la costruzione con capitale italo-tedesco di una flotta piuttosto numerosa negli anni a venire.


Cartina 47 – Campagna di Spagna, marzo/aprile 1943

Le truppe italiane risalgono il Nilo passando dalla Nubia conquistando Khartoum e Porto Sudan il 10 marzo, Cassala il 29 e raggiungono il confine Eritreo il 31; il 1° aprile viene stretto un accordo tra il governo etiope e l’Italia per il quale il primo riconosce l’Impero Italiano e il secondo si impegna a concedere forme d’autogoverno all’AOI nell’immediato dopoguerra e il titolo di Re (senza territorio, cosa non nuova per lui) a Hailè Selassiè. Le poche forze inglesi presenti in Etiopia, Eritrea e Somalia sono facilmente sopraffatte dalle forze congiunte italo-etiopi che, dopo aver liberato l’Asmara (06/04/43), superato Addis Abeba (12/04/43), piombano letteralmente su Mogadiscio che viene liberata il 25 aprile (dove i capi della sedicente Repubblica Sociale Italiana vengono arrestati in blocco e tradotti in Italia già il 26), l’offensiva si esaurisce il 5 maggio quando le forze italiane raggiungono il basso corso del fiume Giuba.


Cartina 47 e 48 – Dal Delta del Nilo al Giuba

Dopo le limitate offensive sovietiche terminate ai primi di marzo, i servizi segreti tedeschi riescono a decrittare (grazie al nuovo computer Z4) i piani per un’offensiva generale primaverile, con obiettivo l’isolamento del grosso delle truppe tedesche impegnate su quel fronte.


Cartina 49 – Controffensiva sovietica della primavera 1943: piani

Le forze dell’Asse decidono d’agire d’anticipo, lanciando a loro volta un’offensiva generale entro i primi d’aprile, avente lo scopo d’isolare in un’immensa sacca la regione di Mosca, con un’operazione a tenaglia, concentrata in 2 punti: l’ala Nord, partendo dalla zona di Novgorod, dovrà puntare verso Vologda, Jaroslav e incontrarsi nei pressi di Gorki con l’ala Sud proveniente dalla regione di Saratov.

L’attacco ha inizio il 5 aprile e ottiene la pressoché totale sorpresa (i sovietici stavano concentrando le loro forze in tutt’altre zone e avevano particolarmente sguarnito il fronte tra Leningrado e Novgorod), in particolare il settore nord vede una superiorità locale notevole per le forze dell’Asse; più contrastata è l’avanzata dell’ala sud; negli stessi giorni, dopo un letargo di oltre 16 mesi anche i finlandesi attaccano lungo il fiume Svir (allargando la testa di ponte di Lodejnoe Pole) per congiungersi con le forze tedesche dell’ala nord e nella zona di Maselskaja per raggiungere il nodo ferroviario di Belomorsk e isolare tutta la Carelia settentrionale e il porto di Murmansk.

Fronte russo settentrionale

Il 10 aprile vengono occupate le alture del Valdaj dove nasce il fiume Volga, il 14 vengono interrotte sia la strada che la ferrovia Vologda-Leningrado nei pressi di Tihvin, isolando in pratica nuovamente Leningrado, nella stessa data i finlandesi attraversano in un secondo punto lo Svir nei pressi di Podporozje; gli stessi finlandesi vengono fermati il 16 alle porte di Segeza a non più di 100 km da Belomorsk, occupano Uch’ta il 18 e Kestenga il 20, all’estremo nord, il corpo finno-tedesco, ha finalmente ragione delle forze presenti nella penisola dei Pescatori anche grazie al massiccio intervento della flotta tedesca (le ultime unità si arrendono il 21/04).

Le forze apparentemente dirette verso Mosca arrestano la loro marcia nei pressi di Spirovo il 20/04/43 e dopo aver lasciato forze sufficienti a garantire la tenuta del lato meridionale dell’avanzata, il 24 raggiungono Bezeck e Babajevo nello stesso giorno in cui i finlandesi uniscono le forze al di là dello Svir, creando una testa di ponte larga oltre 50 km e profonda al massimo 15 km; il 29 le forze tedesche si congiungono con quelle finlandesi chiudendo definitivamente Leningrado e una vasta zona a sud del lago La doga in una sacca, con oltre 500.000 militari sovietici isolati.

Attorno al 2 maggio i tedeschi riprendono la marcia verso est, in direzione di Vologda e Jaroslav, il 5 occupano Cerepovec e superano il Volga nei presi della cittadina omonima, il 7 viene occupata Rybinsk e il 10 quasi contemporaneamente cadono Jaroslav e Vologda; lo stesso giorno in Carelia i finnici occupano Segeza e in Lapponia il corpo di spedizione tedesco varca in più punti il fiume Litsa, in direzione di Murmansk.

Le truppe che hanno occupato Jaroslav raggiungono Kostroma il 12 e Ivanovo il 14, il 19 occupano Gorki e il 22 si congiungono con le forze provenienti dal sud nei pressi di Arzamas, chiudendo la regione di Mosca in un’immensa sacca con quasi 1.600.000 soldati sovietici isolati; le forze che hanno occupato Vologda si suddividono in tre direzioni d’avanzata: la prima (unitamente alle forze tedesco-finniche a sud del lago Onega) punta in direzione di Arcangelo, fortemente contrastata; la seconda punta in direzione di Kotlas per chiudere qualsiasi via di rifornimento da e per Arcangelo; la terza punta verso gli Urali in direzione di Kirov e conseguentemente Perm.

In Carelia, le forze finlandesi ottengono il totale controllo del lago Onega incontrandosi nei pressi di Palma, con le forze provenienti da sud, il 20/05/43, più a nord i finnici hanno ragione dei sovietici e raggiungono il Mar Bianco nei pressi di Belomorsk il 25 maggio, interrompendo la ferrovia per Murmansk; negli stessi giorni il Mar Bianco viene raggiunto anche in altre località (Louhi e Kem) lasciando isolate ampie zone della Carelia orientale; sul fronte lappone le forze tedesche vengono fermate a 50 km da Murmansk.

Fronte russo meridionale

Il 7 aprile ha luogo un grosso scontro tra forze corazzate nei pressi di Lopatino che si risolve il 9 con un grosso successo per le forze dell’Asse, il 10 le forze isolate nella sacca di Saratov (dove i tedeschi si erano limitati a mantenere l’assedio rintuzzando gli attacchi provenienti sia dalla sacca che dall’esterno e impedendo l’arrivo di aiuti dal cielo con il dislocamento in zona di un buon numero di caccia) si arrendono dopo una rivolta che ha interessato sia la popolazione affamata che parte delle truppe; questo libera oltre 150.000 uomini che possono così partecipare all’offensiva lasciando solo 50.000 tra ucraini e russi ad effettuare il rastrellamento e l’annichilimento delle forze all’interno della sacca rimaste fedeli al governo di Mosca (in effetti in quei giorni il governo, Stalin escluso, abbandona come nel 41 la città per trasferirsi a Sverdlovsk).

Il 14 aprile cadono Penza (sulla direttrice d’avanzata che deve congiungersi con l’ala nord), Balakovo (sulla direttrice che punta a risalire il Volga verso Kujbysev) e Uralsk sul fiume Ural (lungo la direttrice che punta ad Orenburg e agli Urali meridionali, che dovrebbe tagliare anche l’ultima via di rifornimento dall’Iran); in tutta l’area caucasica il 15 aprile vengono lanciati vari attacchi col chiaro intendimento di occupare Baku e poter conseguentemente puntare alla liberazione dell’Iran.

Gli ordini di Stalin sono nuovamente quelli del 1941 resistere senza cedere terreno (nella fase finale del 41 e nel 42, aveva più saggiamente permesso di perdere terreno in cambio di guadagnare tempo); questo attacco primaverile, non lascia spazio ad una tattica dilatoria in attesa dell’arrivo del maggior alleato russo: l’inverno.

Il 16 aprile, conseguentemente Stalin ordina l’offensiva generale verso l’Ucraina e il Mar Nero per il 21 dello stesso mese, contro il parere dei suoi generali che avrebbero preferito concentrare il meglio delle forze sovietiche nel contrastare le direttrici dell’offensiva dell’Asse; l’offensiva nasce inoltre azzoppata dal fatto che comunque parte delle forze destinatele sono già state assegnate a contrastare l’avanzata nemica e nessuna delle offensive locali secondarie può aver luogo per l’assoluta mancanza di forze valide da impegnare in queste attività (erano previsti attacchi verso Riga, e da Astrakan verso Stalingrado da un lato e verso Baku dall’altro, oltre che attacchi minori nella regione caucasica diretti verso il Mar Nero).

I servizi segreti tedeschi sono parzialmente a conoscenza dei piani sovietici e conseguentemente vengono distolte ingenti forze all’ala sud dell’offensiva per posizionarle lungo le direttrici dell’attacco russo; le forze rimaste proseguono l’offensiva ma in particolare quelle destinate a ricongiungersi con l’ala nord non riescono ad ottenere risultati apprezzabili se non quello di impegnare forze sovietiche che altrimenti si lancerebbero nella grande offensiva.

L’attacco sovietico ha inizio come previsto il 21 aprile e si concentra nella zona di fronte compresa tra Briansk e Voronez; le forze dell’Asse durante la notte hanno arretrato le prime linee di 5-10 km per evitare che venissero investite dall’attacco preventivo dell’artiglieria.

In linea di principio viene permesso alle forze sovietiche di penetrare entro le linee nemiche per alcuni km senza quasi opporre resistenza per poi attaccarle sui fianchi; già dopo 5 giorni appare evidente che l’offensiva non ha sortito alcun risultato: nessuno sfondamento è stato ottenuto, le perdite tra gli attaccanti (sia di uomini che di mezzi) sono decisamente superiori a quelle dei difensori; non esistono riserve da gettare in combattimento (e neppure varchi nei quali inviarle); la zona conquistata varia dai 10 ai 30-40 km.

Inutilmente gli alti comandi sovietici chiedono la sospensione dell’offensiva (cha sta consumando le limitate risorse sovietiche) e la ridistribuzione delle forze a protezione delle zone oggetto dell’offensiva tedesca, Stalin ordina di proseguire ad ogni costo minacciando punizioni esemplari se al più presto non verranno raggiunti gli obiettivi prefissati; bisogna notare che se durante il 41 gli aiuti anglo-americani erano stati pari al 95 % di quelli della ns. LT, nel 42 la percentuale era scesa al 75% e nei primi 4 mesi del 43 era crollata al 45% ed era in ulteriore diminuzione (se si escludevano le forze sovietiche in Caucasia e Iran, tutti gli aiuti all’URSS dovevano passare per le strade, per non chiamarle mulattiere o poco più, dell’Iran orientale, dato che con la presa di Jaroslav e Vologda, gli aiuti provenienti da Murmansk e da Arcangelo potevano solo raggiungere le forze che difendevano questi porti e le aree immediatamente adiacenti).

Nella realtà molti comandanti locali (più o meno con l’accordo degli ufficiali politici) gia dal 27-28 aprile passano ad un atteggiamento se non proprio difensivo, quantomeno attendistico; in pratica per il 1° maggio 1943 l’offensiva è del tutto arenata e inizia velocemente il disimpegno delle forze dell’Asse accorse a contrastarla ed ora necessarie per riprendere celermente l’avanzata dell’ala sud.

Mentre l’ala diretta al congiungimento con le forze provenienti dal nord ha pressoché fermato la sua azione, quella risalente il Volga occupa Syzran il 24 aprile minacciando da vicino Kujbysev, prosegue invece evitando la grande ansa del Volga presso quella città e il 2 maggio occupa Uljanovsk, dopo essersi assestata il 5 maggio parte delle sue forze passano il Volga nei pressi di questa città e si incontrano con le forze provenienti da Uralsk il 18 maggio nei pressi di Pohvistnevo, isolando la zona di Kujbysev; le forze di rette ai bassi Urali ripartono da Uralsk il 1° maggio, da una parte proseguono verso Orenburg lungo l’Ural che viene raggiunta il 16 maggio e conquistata dopo una dura battaglia il 21.

Le forze dell’ala diretta a Gorki riprendono l’attacco attorno al 6 maggio e occupano Saransk il 16, congiungendosi con le forze dell’ala nord il 22/05/43.


Cartina 50 – La Campagna di Russia 1943: dal 5/04 al 22/05

Fronte russo, fase finale

Gia durante lo sviluppo dell’operazione a tenaglia che ha portato all’isolamento di Mosca, le forze dell’Asse avevano lanciato una serie d’attacchi contro le forze sovietiche nel Caucaso che il 22/05/43 controllano solo la penisola di Baku e uno stretto corridoio lungo il Caspio che ne assicura il collegamento col fronte iraniano; il 26 maggio le truppe tedesche raggiungono il Caspio a sud di Baku, isolando la città e la penisola.

Nel nord, la resistenza della regione di Murmansk e di quella di Arcangelo è molto agguerrita anche perché riceve ancora una cospicua quantità di rifornimenti da parte alleata; a Leningrado (dove il perimetro difensivo è tornato quello del 1941-42) una rivolta popolare e un ammutinamento pressoché totale delle truppe sovietiche, costringe il comandante sovietico Govorov a chiedere il cessate il fuoco il 27 maggio (gli ultimi combattimenti, in particolare nella sacca sul litorale baltico in Ingria, cesseranno solo il 30) con la neutralizzazione della flotta del Baltico e la parziale smobilitazione delle forze sovietiche della regione (la città non sarà di fatto occupata dai tedeschi sino alla resa generale del 3 luglio, con la conseguente consegna della flotta del Baltico), in cambio di aiuti umanitari (alimentari e medicinali).

La situazione è chiaramente drammatica, solo una serie di decisioni militari sagge potrebbero ancora far sperare in una seria prosecuzione della resistenza russa; purtroppo più le cose peggiorano, più tutte le decisioni, anche le più piccole devono passare da Stalin (il parallelo con la caduta della Germania nella ns. LT è impressionante) che, è tutto tranne che uno stratega militare: il 28 maggio emana ordini per una controffensiva verso l’Ucraina, anziché raccogliere le forze della sacca e tentare un disperato sfondamento per portare oltre un milione e mezzo di uomini a contatto con le forze che ancora tengono la zona di Kazan.

Nella realtà le forze nella sacca di Mosca resistono solo ed esclusivamente perché l’alto comando tedesco ha deciso di limitarsi a contenerle e ha fissato ben altri obiettivi; il piano dell’Asse prevede che le forze tedesche e dei loro alleati, si spingano ora il più celermente possibile verso est, superando gli Urali ed impedendo che i sovietici abbiano il tempo di riorganizzarsi ( appare evidente agli alti comandi dell’Asse che se si desse priorità alla liquidazione della sacca di Mosca, le forze sovietiche potrebbero cogliere l’occasione per organizzare delle valide linee di difesa).

Partendo da nord, le forze che stanno isolando Arcangelo, raggiungono Kotlas il 5 giugno, Uhta il 16 Pecora il 20, Inta il 24 e Vorkuta il 1° luglio (raggiungendo gli Urali e praticamente il Mare di Kara isolando Arcangelo in modo totale e non solo di fatto); le forze finno-tedesche vengono arrestate nella loro corsa verso Arcangelo attorno a Pleseck il 7 giugno e più a nord sul Mar Bianco nei pressi Onega il 15 giugno, queste posizioni rimarranno pressoché invariate sino al termine delle ostilità. Le forze sovietiche in Carelia restano divise in più tronconi dall’arrivo al Mar Bianco delle varie direttrici d’attacco finniche provenienti da Medvezjegorsk, Kalevala e Kestenga, mentre nella zona di Murmansk i tedeschi si limitano ad interrompere in più punti la ferrovia di Arcangelo a sud della città senza peraltro tentare attacchi diretti alla temibile piazzaforte sovietica.

Più a Sud le forze dell’Asse raggiungono Kirov il 14 giugno e Perm il 30 dello stesso mese, Kazan il 19 e Ufa il 29 giugno, Orsk il 6 giugno e Magnitogorsk il 28, Aktjubinsk il 2 e Aralsk (sul lago d’Aral) il 29 giugno, Gurjev il 30 giugno e Sevcenko il 2 luglio, il 30 giugno si arrendono le forze isolate nella zona di Kujbysev; Baku cade il 10 giugno e le ultime truppe nel Caucaso sovietico si arrendono il 16 dello stesso mese.


Cartina 51 – La Campagna di Russia 1943: dal 23/05 al 3/07

Il governo sovietico che il 28 giugno si era trasferito a Novosibirsk cerca inutilmente di convincere Stalin ad entrare in trattative con le forze dell’Asse vista la piega drammatica presa dagli avvenimenti, la risposta del dittatore non si fa attendere e il 30 giugno tutti i componenti del governo vengono pubblicamente sconfessati e viene impartito l’ordine a Kruscev di procedere all’arresto dei traditori; Kruscev che tra l’altro è ucraino, si guarda bene dal mettere in atto l’ordine ricevuto, anzi si mette a capo del governo chiedendo ufficialmente le condizioni di resa alla Germania il 2 luglio.

Il 3 i plenipotenziari sovietici vengono accolti nel comando generale dell’Asse a Stalingrado dove vengono informati sulle condizioni armistiziali imposte dalle nazioni dell’Asse:

• Resa incondizionata • Cessazione immediata delle ostilità sia nell’URSS che nelle zone dell’Iran sotto controllo sovietico • Consegna di tutto l’armamento le infrastrutture e le installazioni all’Asse, con garanzia che le forze sovietiche avrebbero mantenuto l’ordine e il controllo del territorio sino all’arrivo delle forze dell’Asse • Consegna di tutta la flotta intatta (quella dell’Oceano Pacifico dovrà consegnarsi ai giapponesi), comprese le navi in costruzione • Le truppe sovietiche una volta raggiunte da quelle dell’Asse avrebbero potuto (a discrezione dell’occupante), essere internate, semplicemente disarmate o, dotate del solo armamento personale, aggregate ai comandi dell’Asse per il mantenimento dell’ordine pubblico • Le truppe sovietiche si sarebbero impegnate a respingere ogni attacco all’URSS, alla Mongolia e al Tannu-Tuva proveniente dalle forze Alleate • I criminali di guerra sarebbero stati consegnati ai governi dell’Asse

La sera dello stesso giorno i delegati dei vincitori e dei vinti siglano l’armistizio che entra in vigore alla mezzanotte del 3 luglio 1943; in effetti le ostilità non terminano completamente, sia nella sacca di Mosca che in Siberia alcune unità e qualche guarnigione si ribella alla resa e combattimenti molto violenti si segnalano fino al 10 agosto, da quella data gli scontri diventano sporadici e sono per lo più dovuti a sbandati e ribelli.

Durante la stessa giornata del 3 il governo giapponese (dopo averne dato preventiva comunicazione ai governi d’Italia e Germania), invia un ultimatum al governo sovietico, intimando l’immediato sgombero della parte settentrionale dell’isola di Sahalin, dei territori dell’estremo oriente che facevano parte della Manciuria cinese sino al 1850, della Mongolia e di Tannu-Tuva; il governo dell’URRS, dopo essersi consultato con i delegati dell’Asse, accetta le richieste giapponesi e concorda un graduale sgombero delle zone richieste dai nipponici.

Che fine a fatto Stalin? Il 16 agosto il leader sovietico parla da Londra ai popoli sovietici; fuggito rocambolescamente da Mosca il 5 luglio, mentre truppe aviotrasportate tedesche entravano in città dopo aver occupato i principali aeroporti della regione, su un piccolo aereo civile (condotto da un comunista tedesco, Mathias Rust) dalla Piazza Rossa, raggiungeva quella notte delle unità fedeli a Kaluga, da qui dopo alcuni giorni volava con un bombardiere sino ad una località imprecisata del Kazakistan ancora sotto controllo sovietico, il 28 luglio raggiungeva sempre con un mezzo aereo Ashabad, vicino al confine iraniano, ancora controllata dai sovietici (o meglio non ancora raggiunta dai tedeschi).

Qui veniva momentaneamente arrestato da elementi della polizia politica, che però inspiegabilmente lo liberavano e soprattutto non avvisavano le autorità superiori (va pur detto che in quei giorni le zone dell’URSS non ancora raggiunte dalle forze dell’Asse, erano soggette spesso ad una situazione di totale anarchia); il 4 agosto, Stalin raggiungeva un comando Britannico nei pressi di Bandar-Abbas e, dopo alcuni giorni passati a Bombay, veniva portato in volo a Londra.

La resa sovietica è un duro colpo per gli Alleati occidentali che ora si vedono piombare addosso tutto il peso della potenza tedesca che, per oltre 2 anni era stato concentrato sull’URSS, lasciando all’Italia e al Giappone il compito di contrastare USA e CW.

Per l’Asse al contrario, la situazione determinatasi con la caduta dell’URSS è estremamente favorevole: i tedeschi, oltre a disimpegnare oltre 1.900.000 uomini (per lo più truppe scelte, corazzate o meccanizzate), vedono praticamente raddoppiata la loro capacità industriale (il 65% delle industrie sovietiche cade del tutto integro nelle mani tedesche), più che triplicate le risorse naturali (ferro, carbone, petrolio ecc.) e possono far ricorso ad un bacino pressoché illimitato di manodopera; viene inoltre aperta una linea di comunicazione diretta tra Giappone e alleati occidentali (grazie alla ferrovia Transiberiana) che si affianca a quella che da qualche mese si sta svolgendo nell’oceano Indiano e sostituisce in toto l’utilizzo di sommergibili da trasporto che vengono convertiti al rifornimento in mare dei sommergibili impegnati nell’Atlantico e nell’oceano Indiano.

A far da “guardia” all’ex-Unione Sovietica, restano per lo più truppe rumene, ungheresi, ucraine, russe, finlandesi, turche oltre ovviamente a quelle tedesche e, in estremo oriente, giapponesi; intere aree dell’ex-impero sovietico vengono affidate al controllo diretto di governi e truppe locali (i paesi baltici, l’Ucraina, la Transcaucasia ecc.).

Algeria e Marocco

Nel nord Africa il fronte era rimasto pressoché stazionario dal 12 febbraio se si eccettua la battaglia di Setif che avviene tra il 6 e il 20 marzo 1943, con il successo delle forze dell’Asse che occupano l’importante porto e vaste aree dell’interno dell’Algeria.


Cartina 52 – Algeria, situazione dal 12/02 al 04/05/43

Il 5 maggio le forze che si fronteggiano sono le seguenti: Alleati 250.000 uomini (200.000 anglo-americani e 50.000 francesi) e 1.200 aeromobili; Asse 260.000 uomini (190.000 italiani, 15.000 tedeschi, 15.000 libico-tunisini e 40.000 francesi) e 1.800 aeromobili (compresi quelli posti nella Spagna meridionale).

Circa 100.000 anglo-americani sono di stanza in Marocco per soffocare una rivolta scoppiata nei primi giorni di febbraio del 1943: il governo di Vichy aveva annunciato verso la fine del 42 che avrebbe concesso una maggiore autonomia al protettorato del Marocco, lo stesso era stato assicurato dal governo spagnolo repubblicano il 18/12/42 (chiarendo che i 2 protettorati, francese e spagnolo, sarebbero stati unificati); il governo gollista e gli Alleati avevano invece riconfermato la situazione preesistente negando qualsiasi forma d’autogoverno; questo aveva provocato un pronunciamento da parte di Maometto V che era stato immediatamente arrestato a Casablanca dalle autorità golliste e deposto il 14/02/43.

L’attacco italiano viene lanciato a sud dello Chott el Hodna puntando su Bou Saâda, con un ulteriore attacco diversivo più a sud diretto a Ghardaïa: ancora una volta lo sfondamento italiano avviene a sud e, come nell’offensiva di gennaio, nella zona meno presidiata dagli Alleati; il 7 maggio le ns. truppe occupano sia Bou Saâda e Ghardaïa e iniziano una rapida conversione verso nord nel tentativo di isolare il grosso dell’esercito nemico.

La reazione alleata si fa attendere e solo con notevoli difficoltà e al prezzo di lasciare sul terreno notevoli quantità di mezzi e armamenti, le forze anglo-americane sfuggono al rischio di restare isolate, il 10/05 il fronte si stabilizza temporaneamente su una nuova linea che corre ad est delle città di Boumerdas e Djelfa; il 14 gli attacchi italiani riprendono e ben presto si apre una breccia nel sistema difensivo alleato, il 16 le ns. forze occupano Médéa a sud-ovest d’Algeri fortemente incuneate entro le linee nemiche; la sera stessa l’Alto Comando alleato ordina la ritirata generale sino al raggiungimento di una nuova linea difensiva prevista tra Chlef e Tiaret.

Questo ordine viene dato con almeno un giorno di ritardo e le forze italiane hanno buon gioco nell’annientare intere divisioni alleate tra il 17 e il 19, ponendo il grosso delle artiglierie sulle alture sovrastanti la strada costiera nella regione d’Algeri (l’unica ancora sotto controllo degli Alleati); avendo tra l’altro il totale dominio sia dei cieli che del mare (rendendo suicida un’eventuale tentativo di reimbarco delle forze alleate dal porto d’Algeri) negli stessi giorni costringono le truppe alleate ad arretrare ben oltre la linea prevista, il fronte si stabilisce tra il 22 e il 24 sulla linea Mostaganem-Mascara-Saïda, Algeri viene occupata durante la giornata del 19 maggio.

Mentre le ns. forze si riassestano sulla nuova linea, gli Alleati il 26/05/43 tentano di lanciare una controffensiva in direzione d’Algeri, che viene fermata entro pochi km tra il 27 e il 28 (oramai la proporzione tra le forze alleate e quelle dell’Asse pende sempre più a favore di queste ultime), il 29 gli italiani riprendono l’iniziativa, occupando il 31/05 Orano e fermandosi nei pressi della frontiera marocchina il 3/06/43, solo nel sud l’offensiva si arresta nei pressi di Beni Ounif il 7 giugno.


Cartina 53 – Algeria, situazione dal 05/05 al 07/06/43

Dopo alcuni giorni dedicati al riassestamento delle unità gli italiani riprendono l’iniziativa, mentre in Marocco, la sollevazione popolare, rende sempre più problematica la situazione degli Alleati; l’attacco ha inizio il 12 giugno e dopo alcuni giorni di dura resistenza (che permetteranno a parte delle forze alleate di reimbarcarsi nei porti atlantici del Marocco, il 16 inizia un’inarrestabile avanzata che porta le forze dell’Asse ad occupare Fès il 21, Rabat il 25, Casablanca il 27, Marrakech il 29 (in parte già liberata dagli insorti) e lo stesso giorno Tangeri: i rastrellamenti proseguono sino al 10/07/43 quando le truppe italiane raggiungono il confine col Sahara spagnolo.

Dai primi di maggio gli Alleati hanno perso (tra morti e prigionieri) oltre 150.000 uomini, lasciando nelle mani italiane un bottino di mezzi e armamenti di poco inferiore a quello lasciato in Tunisia a febbraio, il bacino del mediterraneo è ora completamente nelle mani dell’Asse (Cipro, isolata da mesi e lasciata a se stessa si arrende il 20 luglio 1943, vista l’impossibilità di ottenere alcun tipo d’aiuto da parte alleata) che ne controllano tutti gli accessi; la flotta italiana ha quindi libero accesso sia all’oceano Atlantico che a quello Indiano, creando un ulteriore problema ai convogli Alleati (nella realtà anche da parte dell’Asse vengono organizzati convogli nell’oceano Indiano per lo scambio di merci con gli alleati giapponesi e, in minor misura, nell’Atlantico per ottenere rifornimenti da Argentina e Venezuela, che non si sono schierate con gli Alleati).


Cartina 54 – Marocco, situazione dall’08/06 al 10/07/43


Medio Oriente

Also on Fandom

Random wikia