Fandom

Scratchpad

1939 Italia neutrale e postfascista

216,052pages on
this wiki
Add New Page
Discuss this page0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

06.11.’37: l’Italia aderisce al patto anti-Comintern
11.03.’38: Anschluss dell’Austria alla Germania

16.04.’38: Accordi di Pasqua: riavvicinamento tra Italia e Gran Bretagna
5-9.05.’38: visita di Hitler in Italia

Nel 1938 Mussolini, consigliato da Galeazzo Ciano, rifiuta di introdurre in Italia le leggi razziali solo per compiacere Hitler. Vittorio Emanuele III, che nutre una spontanea e sprezzante avversione per il cancelliere tedesco, lo sostiene. Hitler se ne risente.

29-30.09.’38: Conferenza di Monaco: i Sudeti passano alla Germania

Gennaio ’39: Mussolini accoglie Chamberlain a Roma, nel clima degli Accordi di Pasqua. Ciano è avvertito di non procedere a rivendicazioni antifrancesi nel discorso alla Camera dei Fasci e delle Corporazioni, qualche giorno prima dell’incontro. L’Italia si riavvicina a Francia e Gran Bretagna per riequilibrare il peso crescente della Germania nazista sul Brennero. Mussolini limita l’impegno italiano a fianco della Germania ad un allineamento non basato su impegni scritti [aprile ’39: occupazione dell’Albania; maggio ’39: firma del Patto d’Acciaio]

16.03.’39: invasione della Cecoslovacchia
1°.09.’39: invasione della Polonia
02.09.’39: Mussolini dichiara l’Italia “non belligerante”. Chamberlain offre a Mussolini, in cambio della mancata discesa in guerra a fianco di Hitler “adeguate compensazioni territoriali”; in privato, si parla del ritorno all'Italia di Corsica, Nizza e il controllo della Tunisia. Tuttavia, per ora, nulla è messo per iscritto per non pregiudicare i rapporti degli inglesi con De Gaulle.
Mussolini accetta e congiuntamente a Franco dichiara la propria neutralità al conflitto. Nella decisione ha parte la decisa ostilità del delfino Galeazzo Ciano a Hitler.
Con l’appoggio britannico, viene composto un blocco di neutrali che impedisce alla Germania di giungere al Mediterraneo: il Patto di Ferro tra Italia, Jugoslavia, Romania, Bulgaria, contro il revisionismo ungherese e tedesco.

aprile ’40: attacco a Danimarca e Norvegia
maggio ’40: attacco alla Francia
--> 14.06: occupazione di Parigi [10.06: dichiarazione di guerra dell’Italia: apertura del fronte africano e del fronte etiopico]
22.06: l’armistizio tra Germania e Francia prevede il passaggio dell’intera flotta francese ai tedeschi: gran parte della marina si auto-affonda nei porti francesi. Alcune navi sono sequestrate dalle SS prima che i marinai possano agire. Le navi presenti nei porti coloniali si ammutinano e si rifugiano nei porti inglesi. In Provenza, la marina francese si pone sotto la protezione dell’Italia, rifugiandosi nei porti di San Remo e di Imperia. Lo stesso succede in Corsica dove, rifugiatasi la marina francese a Livorno, riprendono respiro i movimenti separatisti e indipendentisti (Flnc). In assenza di un’effettiva sovranità statale, sono i separatisti a governare diverse zone del paese. Hitler accusa Mussolini di dare effettivo appoggio agli inglesi e ai loro alleati francesi rivoltosi, e di non riconoscere la legittima autorità del governo del maresciallo Pétain a Parigi.
1941: De Gaulle occupa, con l’aiuto degli inglesi, i mandati amministrati dal governo di Vichy (Nord Africa, Medio Oriente)
1942: disordini in Corsica. Mussolini decide di intervenire, “a salvaguardia degli interessi delle genti corse, da sempre parte della cultura e della stirpe italica.” La marina italiana occupa i porti di Ajaccio, Aleria, Bastia, mentre l’esercito riporta l’ordine nell’isola. Churchill appoggia in silenzio l’operazione, De Gaulle protesta vivacemente.
L’azione dimostra a Hitler la distanza tra De Gaulle e Mussolini.

- agosto ’40: operazione Leone Marino: intimidire la Gran Bretagna x attaccare l’Urss
- ottobre ’40: occupazione della Romania, [attacco italiano alla Grecia]
[febbraio ’41: operazione Marita: Jugoslavia e Grecia] - giugno ‘41: operazione Barbarossa per l’invasione dell’Urss
- settembre: conquistata Kiev; dicembre: Rommel entra trionfante a Mosca
- entrata in guerra del Giappone contro l’Urss: occupazione di Vladivostok, verso la Siberia ma il governo di Hiranuma (interni, pro-guerra) e Toyoda (esteri, neutralista) si rifiuta di penetrare in profondità in Siberia. Stalin deve trasferire il governo a Ekaterinburg, mentre Stalingrado resiste all’avanzata nazista fino al gennaio ’43. Poi l’Armata Rossa deve ritirarsi oltre gli Urali.

Durante la guerra l'Italia diviene rifugio per i molti ebrei che fuggono dalle persecuzioni naziste nei Balcani e nella Francia occupata.

[Manca la spiegazione della vittoria alleata della guerra]


Coi trattati di pace del dopoguerra vengono assegnate all'Italia la sovranità sulla Corsica (ancora, con la profonda avversione di De Gaulle per Mussolini e Churchill), e il mandato fiduciario sulla Tunisia, oltre che il mantenimento delle colonie: Dodecaneso, Libia, Etiopia, Eritrea e Somalia. Ne deriva la mortale avversione di De Gaulle contro Mussolini e Churchill. Mussolini deve comunque rinunciare ai propositi di acquisizione di Nizza.
Il regime fascista continua la sua vita ammorbidendo le sue posizioni più radicali e abbandonando le grandi adunate di popolo, dato che il consenso al regime si è comunque affievolito, nonostante l' adesione dell'Italia al Piano Marshall.
Il regime intende mantenere le colonie e questo provoca rivolte croniche in Etiopia, oltre che l’azione terrorista dei separatisti del Fnlc in Corsica. Si rinsalda tuttavia l'alleanza mediterranea con Franco, Salazar, e successivamente i colonnelli greci. Nel '52 (?) viene firmato il Patto Mediterraneo [1957 Trattato di Roma sulla Cee]
Gli anni '60 portano con sè la fine biologica di Mussolini ('61), cui succede Ciano, e la nuova coscienza della seconda generazione di fascisti.
Tra il '60 e il '65 il regime, non potendo sostenere la guerriglia indipendentista nelle colonie, concede loro l'indipendenza. Si forma un Consiglio Italico Intermarino, paragonabile al Commonwealth, per lo scambio economico privilegiato tra madrepatria ed ex-colonie.
Le rivolte libertarie del '68 in America e Francia si trasformano in Italia in un moto di popolo che spinge per libere elezioni e il ritorno ad un sistema multipartitico. Nel '73 Ciano indice libere elezioni. In parlamento il PNF mantiene la maggioranza, ma vi entrano anche popolari e socialisti. Secondo i risultati delle elezioni Galeazzo Ciano è eletto Primo Ministro di Sua Maestà Umberto II (Vittorio Emanuele III è morto nel '47), ma il suo governo comprende anche elementi liberali e popolari, mentre i socialisti organizzano l'opposizione. Il Pci, tuttavia, rimane fuorilegge anche per il deciso rifiuto degli USA, sostenitori esterni del regime e della transizione democratica. I comunisti si organizzano in gruppi paramilitari e bande armate che tentano di minare la transizione con metodi terroristici (Brigate Rosse, colonna Livorno '21); la repressione però è durissima: schieramento dell'esercito e pena di morte; il primo ad essere fucilato è Renato Curcio.
Nel '77 muore anche il 74enne Ciano, onorato con funerali di Stato e sepolto assieme a Mussolini all'Ara Pacis, già mausoleo di Augusto. L'anno dopo la prima alternanza conferma la riuscita della transizione democratica. Il Pnf di Almirante cede il posto di Primo Ministro a Saragat, del Partito Repubblicano, sostenuto da socialisti e popolari. Saragat spinge per una profonda revisione dell'ormai logoro Statuto Albertino, in senso liberale, regionalista, europeista e democratico, attraverso un'Assemblea Costituzionale. Viene adottata una legge elettorale proporzionale a collegi piccoli, con esiti maggioritari, sul modello spagnolo. Nell'83 la tornata elettorale conferma al governo i socialisti di Amato, mentre la morte di Umberto II porta al trono Vittorio Emanuele IV, il cui carisma sarà sempre in discussione, e mai come quello del padre, vero artefice del ritorno dell'Italia alla democrazia. Nell'86 l'Italia entra nella Cee (fondata nel '57 con i Patti di Parigi), assieme a Spagna e Grecia. Con la nuova Costituzione Regionale del 1988, tutti i partiti politici sono legittimati, e in Parlamento entra anche una piccola forza comunista, alleata al Psi, oltre ai nuovi movimenti dei Verdi; intanto la maggioranza politica cambia: al governo tornano i popolari di Fanfani, con una maggioranza di destra in cui il Pnf (18%) rimane subalterno al Ppi (35%). Nel '92 l'Italia è tra le nazioni fondatrici dell'Unione Europea. Nel ’93 alle elezioni l’alleanza Pnf-Ppi viene sconfitta e diventa capo del governo Achille Occhetto, socialista, con un’alleanza di sinistra che comprende verdi e comunisti. Al Nord si sviluppa il movimento indipendentista della Lega Nord Padania, che viene però rifiutato come alleato sia da Occhetto che da Fanfani, fino a sgonfiarsi tra il ’96 e il ’99. Nel '95, a Fiuggi, Gianfranco Fini, subentrato ad Almirante, trasforma il Pnf in Destra Nazionale, abbandonando almeno ufficialmente l'eredità fascista e portandosi in un'area di destra liberale europea. Nel ’98 Fini vince le elezioni, in alleanza con i popolari; Fini appoggia l’azione di Clinton in Kossovo e l’invasione dell’Afghanistan da parte di Bush. Nel 2003 le elezioni consegnano il governo di nuovo alle sinistre; premier è Massimo D’Alema (Psi), che ritira l’appoggio di Fini a Bush e rifiuta di inviare truppe italiane al seguito di quelle americane e inglesi in Iraq, allineandosi con Francia,Germania e Spagna.

Also on Fandom

Random wikia