Fandom

Scratchpad

1991 Thomas, 2000 Al Gore

216,259pages on
this wiki
Add New Page
Discuss this page0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

tra parentesi quadre gli eventi effettivamente avvenuti nella nostra linea temporale

15 ottobre 1991: Il Senato americano rifiuta [conferma 52-48] di convalidare la candidatura di Clarence Thomas a Giudice della Corte Suprema. Thomas, che avrebbe dovuto sostituire il primo afro-americano alla corte suprema, Thurgood Marshall, era stato accusato dalla sua collega Anita Hill di molestie sessuali avvenute nel 1981-82, quando quest’ultima era sua assistente al Department of Education. George H. Bush deve dunque nominare un altro giudice (nero) alla Corte Suprema, che tuttavia muore tra il 1996 e il 2000. Bill Clinton ne nomina il successore, nero e liberal.

12 dicembre 2000: Nel caso Bush v. Gore, dopo l’incerta elezione del 7 novembre, la Corte Suprema decide 5 a 4 di permettere allo Stato della Florida di continuare con i riconteggi fino alla riunione del Collegio Elettorale il 18 dicembre. Al Gore è nominato Presidente dopo il riconteggio, e prende ufficio il 20 gennaio 2001.

10 luglio 2001: Il direttore della CIA, George Tenet, incontra il Segretario di Stato per avvertire la Casa Bianca che “al Qaedia progetta di attaccare interessi americani, probabilmente all’interno degli Stati Uniti stessi.” ( State of Denial, Bob Woodward, Chapter 6, page 51.)
6 agosto 2001: il presidente Gore è informato nel Daily Brief che Osama bin Laden è determinato a colpire obiettivi interni agli Stati Uniti and che l’FBI crede che siano in corso attività miranti a preparare il dirottamento di aeroplani statunitensi. 18 agosto 2001: l’FBI riporta che, se rilasciato, il sospetto Zacarias Moussaoui “potrebbe prendere controllo di un aeroplano e farlo schiantare sul World Trade Center”

Durante l’estate 2001, I governi di almeno 4 paesi – Germania, Egitto, Russia e Israele – danno specifica “urgente” allerta agli Stati Uniti riguardo ad un attacco terroristico incombente, indicando che aerei civili dirottati potrebbero essere usati per attaccare bersagli all’interno degli USA.

L’11 settembre 2001 l’America subisce gli attacchi terroristici di New York da parte di sedicenti membri dell’organizzazione Al Qaeda

Gore chiede indagini sulle responsabilità degli attentati e riconosce il ruolo dell’Arabia Saudita (da cui provenivano 16 dei 19 attentatori) e dell’Afghanistan nel nascondere bin Laden.

Il 20 settembre Gore pone un ultimatum ai talebani:

  • deliver Al-Qaeda leaders located in Afghanistan to the United States
  • release all imprisoned foreign nationals, including American citizens[2]
  • protect foreign journalists, diplomats, and aid workers in Afghanistan
  • close terrorist training camps in Afghanistan and "hand over every terrorist and every person and their support structure to appropriate authorities"
  • give the United States full access to terrorist training camps to verify their closure

Il 14 ottobre i Talebani offrono di consegnare bin Laden ad un paese terzo sotto garanzia di processo, in caso fosse loro provato che egli fosse implicato negli attacchi dell’11 settembre.

In una seduta straordinaria del Consiglio di Sicurezza ONU del 30 ottobre 2001, Al Gore presenta le prove che secondo l’amministrazione americana indicano bin Laden come uno dei responsabili degli attacchi. Il governo talebano, per quanto scettico, sotto la minaccia di bombardamenti accetta di consegnare bin Laden al governo del Belgio perché venga processato secondo i principi della giurisdizione universale. Il processo a bin Laden ebbe inizio il 1° maggio 2002 e prese in considerazione il bombardamento del Gold Mihor Hotel ad Aden nel 1992, l’autobomba di Riyhad il 13 novembre 1995 che uccise cinque americani e due indiani, le autobomba alle ambasciate americane in Kenia e Tanzania nel 1998 , l’attacco alla USS Cole nello stretto di Aden nel 2000 e gli attacchi dell’11 settembre 2001. Al termine del processo, bin Laden viene riconosciuto parzialmente responsabile per i fatti del ’92 e colpevole per i fatti del ‘95 e del ’98, ma assolto per insufficienza di prove per quanto riguarda gli attacchi del 2001. La condanna definitiva è all’ergastolo. Bin Laden muore in carcere per necrosi renale nel 2005

Also on Fandom

Random wikia