Fandom

Scratchpad

Elfi (Tolkien)

215,979pages on
this wiki
Add New Page
Discuss this page0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Gli Elfi sono una delle razze fantasy che appaiono nelle opere di John Ronald Reuel Tolkien. La loro complessa storia è descritta per intero solo ne Il Silmarillion ed è menzionata in parte anche ne Il Signore degli Anelli. Gli Elfi furono i primi abitanti della Terra di Mezzo in grado di parlare. A volte sono chiamati i Primogeniti o i Figli Maggiori (in contrasto con gli Uomini, il Secondo Popolo). Gli Elfi chiamano se stessi Quendi (cioè "coloro che parlano con voci"), in onore del fatto che, quando vennero creati erano gli unici in grado di parlare. Oromë fu il primo che li chiamò Eldar (ovvero "Popolo delle stelle") perché si risvegliarono sotto le stelle, ma il nome è generalmente considerato escludente gli Avari.

Generalità

Gli Elfi sono descritti come le più belle creature della Terra di Mezzo, amanti dell'arte (in particolare le canzoni, che amano cantare con le loro splendide voci). Molti sono più forti degli Uomini e possiedono sensi più acuti. Tra di essi soprattutto i Noldor possiedono abilità e conoscenze che agli Uomini della Terra di Mezzo appaiono magiche. Le loro memorie e i loro ricordi sono vividi come la loro vita.

Gli Elfi di Tolkien sono una rappresentazione di cosa gli umani sarebbero potuti diventare, se non avessero commesso il peccato originale. Anche se questo li rende molto morali e giusti (nessun Elfo ha mai servito i Nemici, Morgoth o Sauron) ciò non li rende immuni dall'essere ingannati (per esempio, Maeglin tradì Gondolin per avere salva la vita e per amore di su cugina Idril) e li rende anche meno capaci degli Uomini all'adattarsi ad un mondo decaduto e in continua mutazione.

Dal brano ambientato a Lórien nel Signore degli Anelli si ricava l'impressione che molti Elfi vivano sugli alberi e impugnino archi, mentre da altri racconti di Tolkien si apprende di Elfi che abitavano semplicemente in caverne (Nargothrond) o in fortezze rocciose (Gondolin) e che i Noldor erano più famosi per le loro terribili spade.

Ne Il Signore degli Anelli o ne Il Silmarillion non ci sono riferimenti espliciti alle "orecchie a punta". Solo in un brano dell'Etimologia Tolkien afferma che "le orecchie degli Elfi erano più allungate e a forma di foglia di quelle degli Uomini". Ad ogni modo, considerazioni pratiche, che includono molte occasioni dove gli Uomini sono confusi per Elfi, suggeriscono che la punta deve essere sottile, abbastanza differente dalle larghe orecchie di Elfquest e dalle lunghissime e strette orecchie degli elfi di alcuni anime.

I racconti della Prima Era sono legati principalmente agli Elfi, che abitano in vari regni sparsi per il Beleriand, e gli Uomini appaiono soltanto nelle storie più tarde. Gli Elfi sono qui nella loro gioventù, e sono abbastanza potenti da sfidare realmente Melkor. Dopo la fine della Prima Era, gli Elfi della Terra di Mezzo sono ancora abbastanza forti da tenere a bada Sauron, e creare gli Anelli di Potere che hanno il potere di rallentare il tempo. Comunque, durante Terza Era (il periodo de Il Signore degli Anelli), l'importanza degli Elfi negli affari del mondo sta diminuendo, e solo pochi di loro sono rimasti, nei rifugi di Gran Burrone, Lothlórien e Bosco Atro. Molti di loro potevano essere visti dirigersi all'Ovest, partendo dai Porti Grigi, per lasciare la Terra di Mezzo per sempre, e quelli che rimanevano sapevano che il loro destino era di "svanire e andare all'Ovest". Quindi pochi di loro rimasero nella Terra di Mezzo dopo la fine della Terza Era, e quelli che vi rimasero erando destinati a "scomparire".

Elfi degni di nota

Mezzielfi

Voci correlate

Also on Fandom

Random wikia