Fandom

Scratchpad

Ent

216,082pages on
this wiki
Add New Page
Discuss this page0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Gli Ent sono personaggi immaginari che vivono nell'universo fantasy ideato da J. R. R. Tolkien. Essi sono creature a metà strada tra alberi e uomini, con una natura vegetale ma comunque in grado di pensare, muoversi e parlare.

Etimologia

La parola "Ent" deriva dall'anglossassone (oppure dalla parola in antico norreno Jötunn), e significa "gigante". Tolkien ha estratto la parola da frammenti di poesia, dove descriveva qualsiasi creatura grande e vagamente umanoide come giganti, Troll e orchi, così come Grendel dal poema epico Beowulf. In inglese moderno questa accezione del termine si è persa, e la parola viene quasi sempre usata in riferimento alle creature descritte da Tolkien.

La loro origine

Template:Trama Gli Ent fanno parte di una razza antichissima che apparve sulla Terra di Mezzo insieme agli Elfi, quindi molto prima degli uomini. Probabilmente sono stati creati da Ilúvatar su richiesta di Yavanna dopo aver appreso che Aulë aveva dato vita ai Nani, sapendo che sarebbero stati poco rispettosi nei riguardi degli alberi dato il loro bisogno di legna. Gli Ent ebbero quindi il ruolo di Pastori degli Alberi, con il compito di proteggerli da Orchi, Nani e altri pericoli. Sebbene gli Ent fossero esseri senzienti già al tempo del loro risveglio, non sapevano come comunicare fino a quando gli Elfi non glielo insegnarono. Barbalbero racconta di come gli Elfi "curarono gli Ent dalla loro stupidità" e di come questo fosse un grande dono da non dimenticare mai. Gli Ent hanno forma d'albero, ma sono molto diversi gli uni dagli altri. Di solito un Ent assomiglia molto al tipo di albero che accudisce. Nella Terza Era della Terra di Mezzo, la Foresta di Fangorn sembra essere l'ultimo luogo ancora abitato dagli Ent.

Barlbalbero racconta a Merry e Pipino della grande forza degli Ent. Sembra che Morgoth avesse creato i Troll cercando di imitare gli Ent, ma queste creature, anche se temibili, non arrivavano neanche vicino alla potenza dei pastori degli alberi. Gli Elfi chiamavano gli Ent Onodrim (il singolare è Onod).

Storia

Quasi nulla è noto riguardo alla storia antica degli Ent. Sembra che semplicemente vivessero nelle grandi foreste della Terra di Mezzo, proteggendole dai pericoli, ma è nota una loro apparizione, verso la fine della Prima Era, in cui attaccano una banda di Nani. Barbalbero racconta di un tempo in cui tutto l'Eriador era un'unica immensa foresta e parte del suo dominio, ma grandi regioni furono disboscate dai Númenóreani durante la Seconda Era, e una parte della foresta venne distrutta durante la guerra tra Sauron e gli Elfi intorno all'anno 1600 della Seconda Era.

Una volta esistevano le Entwives (comunemente tradotte Entesse), ma si allontanarono gradualmente dai compagni, andando a vivere in una regione poi distrutta da Sauron. La sorte delle Entesse non è nota, ma ne Il Signore degli Anelli (che costituisce la parte della storia del mondo di Tolkien più "moderna") si pensa che siano scomparse da tempo, nonostante le ricerche da parte degli Ent.

La Marcia degli Ent

Template:Trama Ne Le due Torri, il secondo volume de Il Signore degli Anelli, gli Ent abbandonano temporaneamente il loro stile di vita pacato e paziente e si infuriano con Saruman, le cui armate stanno abbattendo grandi quantità di alberi. Inizia quindi la marcia degli Ent verso la fortezza di Isengard, distruggendola completamente e intrappolando Saruman dentro la torre di Orthanc.

Alla fine de Il Signore degli Anelli, dopo la sua incoronazione, Aragorn promette a Barbalbero di lasciare crescere le foreste, ma Barbalbero prevede che, anche se le foreste si spanderanno, gli Ent continueranno a vivere solo nella Foresta di Fangorn, dove si spegneranno gradualmente.

Lingua

Gli Ent, essendo delle creature che vivono per decine di migliaia di anni, non sono frettolosi, e la loro lingua non è da meno. In effetti sembra essere basata su una forma arcaica di Eldarin, la lingua degli Elfi, mescolata con Quenya e Sindarin, ma con il passare delle Ere si è arricchita con parole introdotte dagli Ent stessi. Le lingue sono in effetti due:

  • Vecchio Entese. In origine, gli Ent avevano una lingua propria, descritta come lunga e sonora; era una lingua tonale, come può essere il Cinese. Non è noto se una creatura qualsiasi fosse in grado di procunciare il Vecchio Entese correttamente: era piena di sfumature vocaliche, ad ogni modo era parlata solo dagli Ent. Non che tenessero la loro lingua segreta, come facevano i Nani, ma semplicemente era molto difficile da parlare, oltre che incredibilmente lunga.

Un esempio è a-lalla-lalla-rumba-kamanda-lindor-burúme, che significa collina.

  • Nuovo Entese (mai effettivamente chiamato così nel testo). Fin dai primi contatti con gli Elfi gli Ent impararono molto. Trovavano la lingua degli Elfi molto bella, e la adattarono alle loro esigenze. In ogni caso adattarono solo le parole Elfiche, mantenendo però la struttura grammaticale del Vecchio Entese. Le parole erano quindi facilmente traducibili, ma restavano invischiate in frasi invariabilmente lunghe e complicate.

Also on Fandom

Random wikia