Fandom

Scratchpad

Impero Germanico-Greco

216,261pages on
this wiki
Add New Page
Discuss this page0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Mentre Roma portava a termine una serie di importanti conquiste, nel bacino del Mediterraneo, nell'Europa centro settentrionale si sviluppava un fenomeno storico di grande importanza: la formazione e lo sviluppo della stirpe germanica, nonché il suo progressivo prevalere sulle tribù celtiche a nord delle Alpi. I Romani conoscevano molto bene il popolo dei Galli con il quale si erano scontrati più volte, ma conoscevano molto meno i Germani. Con il progressivo assoggettamento di alcune importanti popolazioni celtiche, anche oltre le Alpi, i Romani si erano creati nel nord un confine abbastanza tranquillo. Avevano respinto numerosi tentativi di Celti dell'Europa settentrionale di penetrare in Provenza e di immischiarsi nelle questioni dell'Italia, ed infine avevano assoggettato molte tribù della stessa stirpe fra le Alpi ed il Danubio. Da queste zone erano però pervenute a Roma informazioni di vasti movimenti di popolazioni che non parlavano la stessa lingua dei Galli, anche se avevano caratteristiche psico-fisiche simili: i Germani. Dopo aver lasciato le sedi della Scandinavia meridionale, dell'Elba e dell'Holstein, iniziarono una lunga discesa, attraverso le valli dell'Oder e della Vistola. In questa grande migrazione i Germani si spostavano con mogli, carriaggi e mandrie, ma non lasciavano dietro di loro il vuoto, bensì una serie di insediamenti, di alleanze e di popolazioni amiche che fanno assomigliare questa avanzata quasi ad un grande progetto di conquista e colonizzazione assieme. Correva l'anno 113 avanti Cristo, e per la prima volta, Romani e Germani si trovarono faccia a faccia. I Germani chiedevano di poter proseguire lungo la valle del Danubio, con il probabile proposito di ripercorrere la via d'invasione dei Celti, che un secolo prima avevano messo a sacco i Balcani e la stessa Grecia, riportando un immenso bottino. I Romani si resero conto di aver a che fare con barbari anche più determinati e aggressivi dei Celti; perciò il console Papirio Carbone, che comandava le legioni romane in quella parte d'Europa, ingiunse ai Cimbri, in maniera perentoria, di ripassare il Danubio e di tornare da dove erano venuti. Nel frattempo i Romani avevano radunato in gran fretta tutte le truppe disponibili in quel settore d'Europa, ed il loro esercito ammontava probabilmente a circa 30.000 uomini. Era cioè numericamente molto meno della metà dell'esercito che i Cimbri ed i loro alleati, tra i quali c'erano sia altri Germani, che Sarmati, Finni Balto-slavi e Celti, potevano mettere in campo, ma i Romani erano abituati ad affrontare i barbari in queste condizioni e scesero in campo sicuri della vittoria. Lo scontro avvenne non lontano dal fiume Danubio, presso la città di Noria. Durò l'intera giornata ed alla fine sul campo giacevano decine di migliaia di morti. Circa metà dell'esercito romano andò distrutta, ma anche i Germani ebbero dal canto loro un numero di perdite elevatissimo, specie a causa della cavalleria romana che si dimostrò assai superiore a quella germanica. Così il console Carbone, nonostante il grave rischio corso e le perdite subite, aveva ottenuto alla fine un importante punto a suo favore. I Cimbri, infatti, invece di proseguire la loro marcia verso mezzogiorno, duramente provati da questa stessa battaglia e non equipaggiati per porre assedi a città e fortezze, rinunciarono per il momento ai rischi di un'altra guerra contro i Romani e, ripassato il Danubio, si addentrarono nella Germania meridionale da dove passarono in Gallia. E se il console Papirio Carbone, li avesse lasciati passare? Si sarebbero diretti in Grecia. A questo punto si danno due possibilità. Prima: seguono né più, né meno, non solo la strada percorsa dai Celti un secolo prima, ma anche il loro esempio. Ovvero, in terra ellenica si limitano a qualche scorreria e poi il grosso torna indietro, carico di bottino, mentre un gruppo dei guerrieri più giovani passa in Asia Minore, dove si impadronisce del potere proprio nel regno celtico di Galizia. Seconda: è sorprendente, ma sembra che questo popolo abbia potuto concepire già in quest'epoca una strategia volta a creare un vero impero. Mentre Roma è occupata sul mare, loro consolidano le conquiste ellenico-balcaniche . Dal Mare del Nord all'Egeo nasce una "Ecumene" germano-ellenica. Con i Romani si tratta per dividersi le sfere d'influenza, del tipo: a voi Italia, Asia Minore e zone costiere di Gallia e Spagna; a noi l'interno, l'area balcanica, Grecia inclusa, ed una sorta di stati-cuscinetto, nell'interno di Gallia e Spagna. Le guerre civili a Roma non avvengono, essendo state una conseguenza dello scontro con i Cimbri

Also on Fandom

Random wikia