Fandom

Scratchpad

Non rompete i Peoni

216,051pages on
this wiki
Add New Page
Discuss this page0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Peonia.jpg

POD: I Peoni erano una popolazione indoeuropea stanziata nella zona dell’attuale fiume Vardar, in Macedonia. Nel 239 a.C.: il loro regno venne annesso alla Macedonia da Antigono II. Ma se i Peoni riescono a mantenere la loro indipendenza, come cambia la storia?

.

239 a.C.: Antigono II viene sconfitto e ucciso dai Peoni presso Scuti.

235 a.C.: Il successore di Antigono, Demetrio II, attacca la città peonia di Bylazora, mettendola sotto assedio.

228 a.C.: Bylazora riesce a liberarsi dall’assedio e gli eserciti macedone e peone combattono fuori le mura, nella battaglia, vinta dai secondi, Demetrio II muore.

221 a.C.: Quando sale al potere il giovane Filippo V, appena diciassettenne la macedonia riprova a sottomettere i Peoni, che però resistono e prendono in ostaggio Filippo V.

218 a.C.: Filippo V prigioniero in Peonia prende in sposa la figlia del re, dal quale avrà un figlio: Dropione II, con il quale avrà inizio la dinastia filippica.

II secolo a.C.: Secolo caratterizzato dalla stabilità politica e dai buoni rapporti con i Macedoni, con i quali viene stretta un alleanza. Meno fortunata è la situazione con i Traci, che compiono scorrerie e razzie dentro i confini orientali del regno. Il regno conosce anche un periodo di prosperità economica grazie al commercio con Sarmati e Sciti attraverso il Mar Nero, dove i peoni fondano molte colonie, famose per l’esportazione di vite e ferro.

168 a.C.: Nella battaglia di Pidna i Peoni guidati dal re Aterio si schierano a fianco dei Macedoni, ma vengono comunque sconfitti dai romani. Macedonia e Peonia vengono ridotte a provincie romane.

I secolo a.C.: La Peonia, ormai inglobata a Roma, viene governata da un funzionario romano, che mantiene comunque buoni rapporti con la dinastia reale. La provincia conosce anche un periodo di prosperità economica grazie al commercio con Sarmati e Sciti attraverso il Mar Nero, dove i vengono fondate molte colonie, famose per l’esportazione di vite e ferro.

82 a.C.: Alla fine della guerra civile, che aveva visto la vittoria di Silla, la Peonia vede cominciare un periodo di recessione e povertà poiché essa capeggiava per Mario ed era stata attaccata da Mitridate.

42 a.C.: Nella battaglia di Filippi, i peoni danno aiuto allo schieramento di Ottaviano e Antonio, che, alla vittoria, li premiano con la concessione della cittadinanza romana.

31 a.C.: Quando Ottaviano vince ad Azio, la Peonia, che aveva capeggiato per lui, entra in un nuovo periodo di prosperità, tantochè a Bylazora viene costruito un grande palazzo, sede dell’imperatore nei Balcani.

I secolo d.C.: La Peonia comincia ad essere attaccata dalle popolazioni che varcano il confine danubiano, come Daci e Goti.

101 d.C.: Quando Traiano comincia la sua campagna in Dacia la Peonia diventa la sua retroguardia, in essa stanzia addirittura 4 legioni.

104 d.C.: Decebalo, re dei Daci, è sconfitto da Traiano e la Dacia diventa una provincia romana (2 anni prima che nella nostra Timeline).

II secolo d.C.: Nel II secolo comincia un periodo di crisi per l’impero, ma prospero per la Peonia, arricchita dalla campagna militare della Dacia e dai favoritismi degli imperatori. Adriano costruisce il suo vallo in Britannia, gli succede Antonino Pio, che ne costruisce un altro poco più a nord, ad Antonino Pio succede Marco Aurelio, in un periodo di crisi che vede le provincie orientali attaccate dai barbari, dopo il distacco della Dacia, sono la Mesia e la Peonia ad essere attaccate, tantochè viene costruito il Vallo di Marco(Aurelio), sul confine danubiano per difenderle.

III secolo d.C.: Con i Severi e l’anarchia militare la Peonia sottolinea la sua autonomia da Roma, pur rimanendo sotto il suo dominio. Sotto Diocleziano essa diventa la capitale dei suoi possedimenti.

IV-V secolo d.C.: Con le invasioni barbariche la Peonia viene colpita da numerosi attacchi; nel 458, dopo la Battaglia di Adrianopoli, la Peonia si dichiara indipendente dall’Impero d’oriente e nasce uno stato romano-barbarico di stirpe peone-gota.

VI secolo d.C.: Il cinquecento vede impegnata la Peonia, governata dalla dinastia gotica, nel difendere i propri confini poiché risente della pressione di Slavi e Bulgari, che premono sul Danubio, attratti dalle ricchezze dello stato. Dopo alcune guerre con l’Impero Bizantino la Peonia, sconfitta duramente presso Doberos, viene inglobata in quest’ultimo mantenendo comunque un grande prestigio e l’indipendenza (dal punto di vista etnico).

La Peonia diverrà parte integrante dell’Impero Bizantino e ne seguirà la sorte; nel 1453, alla caduta di Costantinopoli riacquisirà l’indipendenza, ma solo per pochi anni, poiché nel 1456 sarà inglobata nell’Impero Ottomano con il nome di Vilayet di Peonia.

Dopo il dominio Ottomano diverrà una parte della Jugoslavia, nella Seconda Guerra Mondiale coprirà un importante ruolo strategico per l’avanzata russa.

Allo scioglimento della Jugoslavia diverrà parte della Macedonia.

17 Febbraio 2008: Il Kosovo dichiara l’indipendenza dalla Serbia.

24 Febbraio 2008: La Peonia dichiara l’indipendenza dalla Macedonia e finisce, come il Kosovo, sotto protettorato dell’UE; è riconosciuta solo da alcuni stati, ma non dall’ONU.

7 Settembre 2008: La Peonia è ufficialmente riconosciuta dalla Macedonia e dall’ONU, viene proclamata la Repubblica di Peonia.

Also on Fandom

Random wikia