Fandom

Scratchpad

Nouvelle France

215,877pages on
this wiki
Add New Page
Discuss this page1 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

tra parentesi quadre i fatti realmente avvenuti nella nostra linea temporale

GLI UGONOTTI

  • 1598: Enrico IV promulga l’editto di Nantes: libertà di religione, forte di La Rochelle
  • [1627: Richelieu decreta che nessun protestante deve stabilirsi nella Nuova Francia]
  • 1628: presa di La Rochelle (piani di Richelieu)
  • 1685: Luigi XIV revoca l’editto di Nantes; concede libertà di culto agli ugonotti nelle colonie della Nuova Francia e della Louisiana. Inizia il popolamento delle colonie francesi d’America
  • [1685: Luigi XIV revoca l’editto; emigrazione di 300.000 ugonotti]
  • 1731: La Louisiana è ufficialmente colonia francese
  • 1750: gli insediamenti inglesi e francesi contano un milione di coloni ciascuno [1 mln inglesi, 70.000 francesi]

LA GUERRA DEI SETTE ANNI

  • 1750-1752: Kaunitz a Parigi per convincere Luigi XV a rompere con Federico II di Prussia e allearsi con Caterina d’Austria, che vuole la riconquista della Slesia (prussiana dal 1739)
  • 1754: inizio guerra franco-indiana
  • 1755: Convenzione di S.Pietroburgo Gb-Russia x difesa dell’Hannover (inglese, terra di Giorgio II)

à minaccia di accerchiamento per Federico II: recuperare l’Inghilterra

  • 21.08.1755 Memoriale di Kaunitz:

- assenso francese alla riconquista austriaca della Slesia, senza intervento diretto - smembramento della Prussia con acquisizioni per la Francia

  • 16.01.1756: Convenzione di Westminster

- neutralità del territorio tedesco: rinuncia alle mire prussiane sull’Hannover - disimpegno prussiano da un ev. guerra Fr-Gb per la conquista francese dell’Hannover - Luigi XV riallaccia i contatti diplomatici con l’Austria x uscire dall’isolamento - Elisabetta di Russia vede vanificata la convenzione di San Pietroburgo e si riavvicina a Francia e Austria contro l’eventuale espansione prussiana ad est

  • 1°.05.1756: Trattato di Versailles in base al memoriale di Kaunitz

- neutralità francese rispetto agli assetti del territorio tedesco (Hannover, Slesia) e asburgico (Paesi Bassi)
- neutralità austriaca nella guerra franco-indiana in Nord America
- difesa reciproca in caso di attacco da parte di terzi

Luigi XV non vuole combattere immediatamente contro l’ex alleato, Federico II, che sa avere un esercito ben preparato

  • 29.08.1756: Federico II, che si sente assediato, invade la Boemia asburgica [la Sassonia, vassallo francese]

LA GUERRA FRANCO-INDIANA

  • 1756: guerra franco-indiana / guerra dei sette anni

La Francia combatte la Gran Bretagna, ma si mantiene neutrale rispetto agli assetti dell’Europa centrale, dove gli austro-russi sono sconfitti dagli anglo-prussiani [Francia alleata di Asburgo e Russia]; la Prussia acquisisce il controllo della Slesia e della Boemia [della sola Slesia]

- massacro delle truppe del gen. Braddock presso Fort Duquesne: i francesi del maresciallo Montcalm, alleati di tribù indiane, usano tattiche di guerriglia nei boschi
- in breve i francesi liberano completamente la regione dei Grandi Laghi dalla presenza britannica
-* 1757: William Pitt entra nel governo Newcastle: propone l’impegno britannico come potenza coloniale imperiale, contro la Francia;
- ma libera da impegni continentali, la Francia promuove una grande flotta per controllare le rotte trans-atlantiche. Il blocco britannico del 1758-’59 è rotto con la battaglia della Baia di Quiberon (1759) [gli inglesi approfittano dell’impegno francese sul continente e si assicurano il controllo delle linee di navigazione atlantiche, isolando i francesi della Louisiana dalla possibilità di ricevere rinforzi.]
- i francesi si accordano con gli indiani Delaware dell’Ohio e con gli Irochesi: riconoscimento della sovranità nativa su alcuni territori contro diritti di trasporto e aiuto in guerra [gli inglesi si accordano con Delaware e Irochesi, avendo la meglio]
Gli attacchi francesi si concentrano su due linee: da Fort Duquesne un’armata discende il Susquehanna fino a occupare Filadelfia; con l’appoggio della Confederazione Irochese l’armata di Montréal, conquistato Fort William Henry, si ricongiunge con l’armata del Lago Ontario, che ha preso Fort Oswego, nell’occupazione di Albany e nell’assedio di Fort Edward. Caduto Fort Edward, i francesi discendono il fiume Hudson fino a New York, presa nel 1761.
- gli inglesi occupano le città francesi sulle coste dell’India (Mahè, Karikal, Pondicherry, Yanaon, Chandernagore)

  • Il trattato di Parigi del 1763 segna:

- il riconoscimento francese della sovranità inglese sulle 13 colonie costiere, fino al fiume Savannah
- il riconoscimento inglese della sovranità francese sui territori oltre il displuvio dei monti Allegheny
- il passaggio alla Francia dei territori di Nova Scotia (Acadia, già francese 1604-1713), Terranova (già francese fino al 1713), Baia d’Hudson
- il riconoscimento franco-inglese della sovranità della Confederazione Irochese sui territori montuosi degli Appalachi settentrionali, come stato-cuscinetto neutrale
- il passaggio delle basi commerciali francesi in India all’impero britannico
- la Francia mantiene le isole caraibiche (Martinica, Guadalupa) e vi aggiunge Domenica, St. Kitts & Nevis e Isole Vergini (Iles Vierges)

IL GOVERNO INGLESE DELLE COLONIE ATLANTICHE 1763-90

Il governo inglese dovette spendere parecchio per garantire la sicurezza delle colonie atlantiche da nuove incursioni francesi, costruendo una serie di forti militari sui monti Allegheny. Per mantenere in pareggio i bilanci, i governi impongono tasse e dazi ai coloni (StampAct, Sugar Act). Crea molti scontenti soprattutto il Townshend Act, con cui il governo previde l’acquartieramento delle truppe inglesi nelle città, a spese delle popolazioni. Nello stesso tempo però, molti coloni “lealisti” approvano le nuove politiche, per timore di una nuova invasione francese. Le tasse provocano però anche numerose rivolte: la rivolta di Shays (1786-87, Massachusetts), viene repressa dall’esercito inglese guidato da George Washington, mentre la milizia coloniale rifiuta in diverse occasioni di combattere altri coloni.


LA WHISKEY REBELLION

Nel 1791, con lo Spirit Act, Londra impone una tassa sulla distillazione e sulle bevande alcoliche. Il provvedimento colpisce soprattutto i coltivatori di grano delle regioni occidentali: la mancanza di moneta li spingeva al baratto, e la distanza dai mercati li incentivava a trasformare il grano in prodotti alcolici, più pratici da trasportare e di maggior valore. Nelle regioni rurali gli esattori vengono boicottati, e quando nel 1794 il governo inglese decide di far rispettare i provvedimenti, a partire dalla Pennsylvania, migliaia di contadini armati si radunano presso Harrisburgh, capitale della colonia [Pittsburgh]: ma la Whiskey Rebellion viene repressa di nuovo dalle truppe e dalla milizia, sempre agli ordini di George Washington, Alexander Hamilton e “Lighthorse Harry” Lee. I leader della rivolta, tra cui Albert Gallatin, raggiungono nelle prigioni Shays e i suoi “regulators”. [1794: la Whiskey Rebellion (14.000 persone, tra cui il futuro ministro del Tesoro Albert Gallatin) è repressa nel sangue dai 15.000 miliziani guidati da Washington ]

LA REPUBBLICA ATLANTICA

  • 1789: Rivoluzione francese
  • 1792 E' proclamata la Repubblica.
  • 1791: rivolta nera ad Haiti: Toussaint L’Ouverture caccia i francesi e instaura la prima repubblica nera
  • 1792: il governo inglese decide di approfittare del momento di difficoltà della Francia rivoluzionaria e di invadere il Canada. Le truppe di George Washington ottengono parecchi successi e riescono ad occupare la valle del San Lorenzo.

Si sommano diversi fattori:
- l’acquartieramento di numerose truppe nelle città atlantiche
- la pesantezza dell’imposizione fiscale dovuta alla guerra
- i decenni di oppressione coloniale e monarchica
- la dura repressione della Whiskey Rebellion (1794) Cresce il malcontento tra i coloni.

  • 1794: Nelle colonie americane si scontrano l’Ordine dei Cincinnati (conservatori, aristocratici, monarchici, filo-inglesi) e le Società Democratico-Repubblicane (progressisti, borghesi, repubblicani, filo-francesi). In un’opinione pubblica in cui è ancora caldo il ricordo delle repressioni inglesi delle rivolte di Shays, del whisky e di Fries, e grazie a consistenti aiuti francesi, le Società si propagano fino a favorire l’insurrezione. Washington, impegnato nell’assedio di Montreal, deve tornare nel New England e abbandonare il campo ai francesi.

Nel frattempo nuove truppe francesi, inviate per volontà di Napoleone, discendono da Oswego e da Duquesne occupando i territori atlantici. La Lega Shawnee di Tecumseh partecipa all’occupazione delle colonie inglesi, in cambio del riconoscimento francese della sua sovranità territoriale. Il generale George Washington è definitivamente sconfitto nella battaglia di Lowell (MA), fuori Boston. Il governo di Sua Maestà è costretto a riconoscere la Repubblica Atlantica Americana, satellite della Francia: l’Assemblea Continentale, presieduta da Albert Gallatin, si riunisce a Philadelphia. Gallatin, liberato di prigione, è eletto Console Generale. L’Assemblea progetta una nuova Costituzione (1796). Nel frattempo l’esercito francese garantisce la sicurezza, in cambio di tributi. L’interno Nordamerica temperato è nell’orbita francese: l’Inghilterra mantiene il controllo solo sui territori della Compagnia della Baia di Hudson.

  • 1796: Ben presto i francesi si mostrano agli americani come oppressori: in molte contee i cittadini rifiutano di pagare tasse considerate troppo elevate, e nelle città c’è malcontento per la presenza ingombrante dei reggimenti rivoluzionari. A Charleston, South Carolina, l’intera città proclama l’insurrezione contro i francesi; la milizia, organizzata da Andrew Jackson, già deputato all’Assemblea, resiste ai francesi per due anni. Nel 1798 in Pennsylvania, la rivolta organizzata d John Fries si estende in numerose contee, che non riconoscono l’autorità degli esattori delle tasse.
  • 1798 un accordo garantisce il ritiro dei soldati francesi dai territori atlantici, la fine dei tributi di occupazione e l’autogoverno in indipendenza, nella cornice dell’alleanza con la Francia Napoleonica.

[1798-1800: Ribellione di John Fries, Pennsylvania (Hot Water War) contro la House Tax, basata su numero e grandezza delle finestre.]

NAPOLEONE

  • 1802: Napoleone console “a vita”
  • 1803: 10.000 uomini radunati dai territori francesi nordamericani sono inviati, al comando del generale Leclerc, a reprimere la rivolta nera ad Haiti. Sbarcati sull’isola, vengono decimati dalla febbre gialla. Napoleone decide di rinunciare ad Hispaniola.
  • [1803: Napoleone manda 30.000 uomini, al comando del generale Leclerc, a combattere Toussaint L’Ouverture ad Haiti. L’esercito viene decimato dalla febbre gialla e non riesce a domare la fiera ribellione nera. Napoleone, con le forze del’Ovest inabilitate, capisce di non poter difendere la Louisiana e decide di venderla a Jefferson.]
  • 1804: Napoleone incoronato imperatore
  • 1810: Nel nuovo emisfero boreale napoleonico, anche il NordAmerica è diviso in “regni” formalmente governati dai parenti dell’Imperatore: nascono gli effimeri regni di Louisiana, Canada, Acadia, Terranova, il Regno Atlantico e il Regno del Messico, ben presto scosso dalla rivoluzione indipendentista del 1818-21
  • 1812: una spedizione esplorativa di Jean d’Arriage risale il fiume Missouri fino a giungere ai territori della Columbia. La Francia reclama sovranità anche sui territori delle Montagne rocciose, fino alla Costa del Pacifico e alla baia di Victoire. Il territorio è battezzato Napoleonie.
  • 1812-15: Napoleonie
  • 1815-48: Borbonie (Luigi XVIII, Carlo X, Luigi Filippo d’Orléans)
  • dal 1848: Napoleonie (Napoleone III, 3° repubblica)
  • [1803: Lewis & Clarke; 1810: John Jacob Astor, Oregon Trail]
  • 1811-28: rivoluzioni e indipendenza delle colonie spagnole del Sudamerica. Il movimento indipendentista è guidato da Simon Bolivar. I nuovi sistemi politici si strutturano sul modello assembleare francese [sul modello presidenziale americano]

[1801-05, 1815: Barbary Wars contro i pirati berberi di Tripoli e Algeri] [1812: guerra tra Usa e Canada britannico; pace e sopravvivenza Canada]

LA RESTAURAZIONE

Nouvelle France1

Il Nordamerica al tempo della Restaurazione

Con la Restaurazione e il Congresso di Vienna, anche il NordAmerica viene ridisegnato. La Repubblica Atlantica torna sotto influenza inglese, mentre i regni francofoni vengono assegnati a rami cadetti dei Borbone di Francia

  • Regno di Francia:
1815-24 Luigi XVIII
1824-30 Carlo X, fratello di Luigi XVI e Luigi XVIII (-->riv. di luglio)
1830-48 Luigi Filippo d’Orléans (1773-1850)
  • Regno di Louisiana: casa d’Orléans
1815-30 Luigi Filippo d’Orléans (1773-1850)
1830- Duchi di Orléans, Conti di Parigi
1869-1926: Luigi Filippo Roberto, ultimo della casata
  • Regno d’Acadia:
1815-55 Carlo V d’Angiò (don Carlos), pretendente al trono di Spagna
  • Regno del Canada:
1815-1820 Carlo Ferdinando di Berry, figlio Carlo X [duchi Parma]
1820-1883 Enrico duca di Bordeaux, conte di Chambord

casa d’Anjou, cadetti dei borboni di Spagna

  • Regno di Terranova: borboni di Napoli
Ferdinando, figlio di Ferdinando I delle Due Sicilie [Ferdinando I senza eredi]

Sistemi politici assembleari vengono stabiliti nelle capitali: il controllo del processo politico sarà più nelle mani dei parlamenti che non dei sovrani, che preferiscono trascorrere il loro tempo nelle corti europee.

  • 1815: truppe inglesi sbarcano nel New England per riportare le colonie sotto la sovranità regia. Scatta l’insurrezione: è la guerra d’indipendenza americana.
Usa-alt

"Jack and Stripes", la bandiera della Federazione Americana

  • 1818: Costituzione della Federazione Americana (Trattato di Canterbury):

- i territori delle colonie atlantiche tornano nell’orbita britannica come Dominions federati
- lo Stato è federale: il governo centrale di Philadelphia è competente su una serie di materie, mentre tutto il resto è delegato agli Stati. La centralizzazione napoleonica viene attenuata.
- Capo dello Stato è il Re d’Inghilterra, mentre la bandiera è la “Jack & Stripes”, formata dalla Union Jack nel quarto superiore sinistro e da tredici bande bianche e rosse che rappresentano le colonie originarie
- il potere legislativo è prerogativa del Congresso, formato da una Camera eletta ogni 5 anni a suffragio universale e da un Senato di rappresentanti degli Stati, nominati dai governatori (di nomina regia o proprietari). La Camera nomina un Console Generale, capo dell’esecutivo.
- Difesa e politica estera restano prerogative della Corona.
- sparisce la Civil Law napoleonica e si torna ai principi della Common Law, anche se l’esperienza napoleonica non resta senza conseguenze.

  • 1819: trattato dei Pirenei tra i borbone di Spagna e i borbone di Francia: definizione della linea di confine tra California e Napoleonia (linea del 42° parallelo).
  • 1825: la Russia rinuncia alle rivendicazioni sui territori di Borbonia (già Napoleonia)
  • 1820: prime elezioni legislative; console Albert Gallatin (pe)
  • 1825: console John C. Calhoun (sc), schiavista [JQ Adams/Jackson ?]
  • 1830: console Andrew Jackson (sc), democratico e antischiavista

Inizia un processo di graduale emancipazione dei neri dalle piantagioni del Sud. I neri liberati sono spinti ad emigrare ad Haiti o in Africa (Liberia)

  • 1830-48: la rivoluzione di luglio detronizza Carlo X Borbone e porta al trono Luigi Filippo d’Orléans, già re di Louisiana. Luigi Filippo è poi detronizzato dai moti del ’48. A Nuovelle Orléans regna il figlio

In Louisiana, l’applicazione del battello a vapore di Fulton (1807) permette di velocizzare i trasporti e far risalire alle merci il Mississippi. Nel frattempo negli anni 1820 la città di Duquesne vede un forte sviluppo dell’industria del ferro e dell’estrazione del carbone. Lo stesso succede ad Alabamaville [Montgomery], Alabama. A Duquesne si concentra l’immigrazione di origine tedesca: i nuovi arrivati sono impiegati come operai nelle acciaierie. Ben presto vengono fondati primi sindacati e arrivano le prime idee socialiste. Nel 1845 l’epidemia della pionostra provoca una crisi alimentare in Irlanda: una grande flusso di irlandesi si riversa sul Canada e sulle colonie atlantiche. Gli irlandesi si aggiungono ai tedeschi nella piana di Duquesne, dove si sviluppano fiorenti industrie

Grazie all’acciaio di Duquesne e Alabamaville si sviluppano anche le ferrovie: la direttrice principale è la Chicago - Montréal; da Chicago un ramo si snoda verso Saint Louis, da cui via battello si raggiunge Nouvelle Orléans. Il ramo più lungo invece è quello verso la Napoleonia e la sua capitale Ajaccio [Seattle], che attraversa le Montagne Rocciose (Monts Pierreux)

Negli anni 1850 in Napoleonia si scatena la corsa all’oro: cercatori da tutta la Louisiana e dall’Europa si riversano in Napoleonia. Alcuni trovano l’oro, altri restano nella miseria. Il popolamento della Napoleonia però fa un rapido balzo in avanti

- acquisto francese della Florida dalla Spagna (1760???)
- costruzione di strade e canali à asse Nouvelle Orleans / Mississippi / Grandi Laghi
canale Erie-Ohio: possibilità di navigazione da Montréal a Nouvelle Orleans
- 1825: la Russia rinuncia alla rivendicazione sui territori dell’Oregon e della Columbia, a favore della Francia. La Louisiana acquista uno sbocco sul Pacifico, separando Spagna e Russia.
- 1898: niente guerra ispano-americana: resta la sovranità spagnola su Cuba, Hawaii, Filippine


caso b) Vittoria di Napoleone
Grazie ai rifornimenti americani e al blocco atlantico, Napoleone riesce a bloccare i movimenti di merci inglesi e a fiaccare la resistenza dell’isola.
- in Inghilterra si forma una repubblica. Viene emanata una Costituzione, sulla base del Bill of Rights.
- Canada, Louisiana, Unione Americana diventano repubbliche. Lo stesso per le colonie già spagnole del Sudamerica, che tra il 1811 e 1828 acquistano l’indipendenza.

Also on Fandom

Random wikia