Fandom

Scratchpad

Olsolla

215,994pages on
this wiki
Add New Page
Discuss this page0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Welcome to the Olsolla mini wiki at Scratchpad!

You can use the box below to create new pages for this mini-wiki. Make sure you type [[Category:Olsolla]] on the page before you save it to make it part of the Olsolla wiki (preload can be enabled to automate this task, by clicking this link and saving that page. Afterwards, you may need to purge this page, if you still see this message).


Notiziario "La Scossa"

A che punto siamo? Ci servono 6 articoli brevi per comporre il nostro notiziario. Per ora: - Precarizzazione nei rapporti di lavoro - La Giunta del mattone

Media:GIUSEPPE MAZZOLENI: PRECARIZZAZIONE NEI RAPPORTI DI LAVORO

Nel secolo passato molti lavoratori soffrivano per la massificazione dei compiti ed il basso livello economico. Oggi soffrono in quanto i compiti lavorativi evolvono rapidamente, per la variabilità dei ruoli e l’incertezza del posto di lavoro. Quest’ultimo è forse il più grave in quanto coloro che hanno meno di 40 anni soffrono per la precarizzazione del lavoro, mentre coloro che hanno più di 40 anni soffrono l’ansia di perdere il posto a tempo determinato. Si aggiunga che questa categoria è oltremodo sottopressione per il fatto che è troppo giovane per andare in pensione, mentre è troppo vecchia per le aziende. Le ultime rilevazioni fatte sul mondo del lavoro rilevano che nell’ultimo triennio l’occupazione è cresciuta del 4,6%, ma quella precaria è aumentata del 28%. Tutti i rapporti di lavoro sono all’insegna della precarietà e della provvisorietà. Si valorizza costantemente il ruolo del contratto individuale depotenziando contemporaneamente la contrattazione collettiva. L’incidenza del lavoro precario sul totale dei nuovi posti di lavoro creati è del 30%. Oltre la metà dei lavoratori parasubordinati (precari) hanno tra i 30 e i 39 anni. Il 25% dei lavoratori atipici hanno contratti di lavoro dalla durata inferiore ad un anno, gli interinali nel 2003 erano il 111% in più rispetto a tre anni prima. La situazione descritta si è solo aggravata, ma era già largamente presente in precedenza, con l’entrata in vigore della legge 30/2003 (cosiddetta legge Biagi) e del successivo D. Lgs. n. 276/2003 di attuazione della menzionata legge. Il persistere del trend di svecchiamento del personale, intrapreso dalle aziende negli ultimi anni, crea un altro problema. Che succederà se nei prossimi anni verrà a mancare l’ombrello protettivo dello stato sociale, mentre sarà allungato il requisito minimo per andare in pensione? Che reazioni a catena si scateneranno. A tutte questo si è aggiunta la nascita di una nuova categoria di dirigenti/finanzieri, che predicano “il fondamento della disuguaglianza” , predicano il verbo della competizione mondiale e dell’assoluta necessità del raggiungimento dell’equilibrio economico, meglio ancora, cercare esasperatamente il raggiungimento dei massimi profitti possibili. Questi scaricano i sacrifici su tutte le altre categorie sociali. Ridimensionano lo stato sociale, i salari e stipendi, minacciano continuamente la delocalizzazione (spostamento repentino degli impianti produttivi in altre aree o nazioni). Tuttavia sono molto attenti ai remunerarsi con compensi altissimi e si tutelano con ancor più faraoniche indennità di licenziamento. Insomma hanno la visione “americana” della gestione delle aziende. Vale a dire ottenere lauti profitti e plusvalenze nel breve periodo, non rischiando capitali propri. Per quanto tempo i lavoratori e lo stato potrà sopportare questo modello importato e che non fa certo parte della nostra cultura e modo di lavorare?

Media:SCACCABAROZZI: LA GIUNTA DEL MATTONE

Non passa giorno che non se ne parli: la Giunta sta cementificando Bellano.Ormai si sono superati i limiti e si è andati oltre quello che può essere considerato un giusto e corretto sviluppo edilizio.Come nuovo movimento della sinistra, più attenta ai servizi che ai business del cemento, intendiamo prendere le distanze da questa situazione.Non vogliamo certo bloccare le costruzioni o le ristrutturazioni. Vogliamo solo uno sviluppo residenziale ordinato e coerente con l’ambiente, che migliori la struttura urbanistica esistente e recuperi la continuità storica del paese, ormai alterata dalle lottizzazioni disordinate nelle frazioni e dalla corsa affannosa alle seconde case.Vogliamo evitare di stravolgere la tradizione locale di Bellano, paese che sta perdendo la propria identità, sempre più invaso dalle seconde case e avviato a diventare un dormitorio.Gli esempi non mancano di certo: Calchera, Bonzeno, Biosio, Oro e prossimamente Circolo Lavoratori e Piazza S. Marta per citare solo i principali. Senza dimenticare gli effetti indotti che procurerà il porto turistico, con i previsti parcheggi e i nuovi investimenti al lido che porteranno ancora seconde case, prezzi più alti e zero benefici alla comunità locale. Per questo è intollerabile che la “Giunta del mattone” consumi inutilmente altro territorio o dia il via a ristrutturazioni sempre più invasive.Chi amministra Bellano deve pensare non solo ai discutibili vantaggi d’oggi, ma alle conseguenze di domani. Chi, tra le nuove generazioni, sceglierebbe più volumetria per sacrificare la vivibilità del proprio paese?Ricordiamo che col cemento si fa sempre a tempo a crescere, ma poi è impossibile tornare indietro.E’ ora che la “Giunta del mattone” dica basta e la smetta di snaturare Bellano!Con meno mattoni e con più servizi, crediamo che tutti i cittadini avrebbero maggiori e duraturi vantaggi. Ma forse qualcosa sta cominciando a cambiare, non certo da parte della “ Giunta del mattone”, ma dei cittadini.Alcuni hanno recentemente espresso forti preoccupazioni per questo andazzo che sta deturpando l’ambiente e rappresenta una sfida alla natura. Si sentono, tra la gente, lamentele e scontentezza, e si percepisce una generale insoddisfazione verso questo modo di gestire il territorio.La presenza stessa a Bellano dell’Associazione “ Lega Ambiente”, sta contribuendo a diffondere una nuova cultura del rispetto delle nostre risorse territoriali e ambientali, specie nelle frazioni.Sono segnali molto importanti perché dimostrano che il problema non è sentito solo dai rappresentanti delle forze politiche, ma ormai è diffuso e condiviso dalla gente, che comincia giustamente a preoccuparsi. C’è da sperare che, finalmente, queste preoccupazioni, vengano una volta tanto tenute in considerazione e non sacrificate alla solita logica del costruire sempre, comunque e ovunque, che premia i pochi interessati a danno dei tanti cittadini.

Also on Fandom

Random wikia