Fandom

Scratchpad

Padre Brown Papa

216,223pages on
this wiki
Add New Page
Discuss this page0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Padre Brown Papa, un omaggio a Chesterton. Nel conclave del 2 marzo 1939, alla morte di Pio XI, al primo scrutinio viene eletto papa non Eugenio Pacelli, che in questa linea temporale è solo un umile parroco di campagna, bensì il cardinale inglese Joseph Brown, meglio noto come padre Brown, 71 anni, che ha avuto dei trascorsi come investigatore ed è molto amico di Hercule Flambeau, ex ladro di fama internazionale passato dalla parte della legge, ed ora capo dello spionaggio francese (e presto della Resistenza Francese antinazista). Egli prende il nome di Adriano VII (Adriano IV alias Nicholas Breakspeare, 1154-1159, era stato l'unico papa inglese prima di lui) e si trova a dover affrontare la minaccia rappresentata da Hitler e Mussolini. Lo aiuterà il giudice Basil Grant, presidente del Club dei Mestieri Stravaganti (altro capolavoro letterario dell'autore dei racconti di Padre Brown) e ministro della guerra nel gabinetto Churchill. Subito dopo la firma della resa francese (22 giugno 1940) seguita alla presa nazista di Parigi, Basil Grant e Charles de Gaulle lanciano da Londra un proclama dichiarando il rifiuto dei Francesi liberi ad abbandonare la lotta, come avrebbe voluto il collaborazionista maresciallo Petain (18 luglio 1940). Dal canto suo Adriano VII, eletto perchè inglese e quindi in funzione antinazista (più che antitedesca), prende immediato contatto con Flambeau per organizzare la resistenza per tramite del suo segretario personale, padre Massimiliano Kolbe, che è polacco e quindi lui pure antinazista. Kolbe è però arrestato dai nazisti mentre fa la spola fra Roma e Avignone, quartier generale di Flambeau, e finisce nel campo di sterminio di Autschwitz, dove muore 1l 14 agosto 1941 offrendosi al posto di un padre di famiglia.

Adriano VII risponde con la bolla "Qui se exaltat humiliabitur", con la quale scomunica i nazionalsocialisti (16 ottobre 1941). Hitler vorrebbe invadere il Vaticano ed arrestare l'odiato papa anglosassone ma Mussolini lo sconsiglia, visto l'alto numero di cattolici che combattono negli eserciti tedesco ed italiano, e potrebbero disertare. Hitler desiste solo per il momento e prepara un piano per deportare "Papa Brown" in Germania e sostituirlo con l'antipapa Karl I nell'estate 1942. Flambeau lo avverte della minaccia ma egli decide di non abbandonare Roma; anzi, dà disposizione all'arcivescovo di Lisbona che, in caso di sua morte violenta, si tenga immediatamente un nuovo Conclave in Portogallo (nella nostra storia questa fu una delle disposizioni segrete di Pacelli). Gli splendidi successi conseguiti nell'estate 1942 sul fronte russo e su quello africano fanno momentaneamente dimenticare ad Adolf Hitler la faccenda del Papa intrigante e così il progetto è rimandato di un anno. Quando il quartiere del Verano è bombardato, Adriano VII esce dal Vaticano e va a confortare la popolazione civile, il che fa crescere a dismisura la popolarità tra la gente, la quale lo acclama come l'unica autorità morale cui vale la pena obbedire. La cosa non piace né a Mussolini né ad Hitler, i quali decidono di accelerare i tempi per la sua destituzione. Ma si dà il caso che segretario di stato sia il cardinal Hugh O'Flaherty, il sacerdote irlandese rappresentante della Croce Rossa americana in Italia, reso famoso dal saggio " Scarlet Pimpernel of the Vatican " (La Primula rossa del Vaticano) pubblicato da J. P. Gallagher nel 1967, dalla quale nel 1983 fu tratta la fiction " Scarlatto e Nero "; in essa il manesco monsignore era interpretato da Gregory Peck, mentre il ruolo del capo delle SS Herbert Kappler era interpretato da Christopher Plummer e Papa Pio XII da sir John Gielgud. Hugh O'Flaherty è stato chiamato da Joseph Brown proprio allo scoppio della guerra, tanto da far parlare di « britannizzazione » del Vaticano. Ebbene, La porpora cardinalizia non ha evidentemente intaccato la sua tempra irlandese, perché egli veglia nell'ombra ed intercetta a suon di pugni un corriere nazista che annuncia l'intenzione di arrestare il pontefice il 26 luglio 1943, e così egli preleva il mite Adriano VII e lo porta quasi a forza nella residenza di Castelgandolfo, dove è più facile diventare uccel di bosco. Lì infatti Papa Brown contatta l'attore toscano Walter Ezza, altro noto personaggio chestertoniano; se non lo conoscete, vi dirò che è il protagonista della novella « The paradise of Thieves », che fa parte della raccolta « The Wisdom of Father Brown ». Ora Ezza è divenuto capo della resistenza comunista in Toscana e nel Lazio che come nome di battaglia ha scelto proprio Montano, che poi è quello del fuorilegge noto come « Re dei Ladri » della Toscana, da lui interpretato nella novella suddetta, allorché fu smascherato dall'allora padre Brown. Memore degli antichi trascorsi, Montano si offre di trarre in salvo il Santo Padre. Il 25 luglio 1943 però la riunione del Gran Consiglio del Fascismo mette in minoranza Mussolini e ne provoca la caduta: il cardinal O'Flaherty ha preso contatti con Dino Grandi e Galeazzo Ciano e ha fatto pervenire loro una lettera di Basil Grant in cui assicura che l'Italia non subirà perdite territoriali e si vedrà restituite le colonie occupate dagli inglesi, eccezion fatta per l'impero d'Etiopia e per l'Albania, se uscirà dal Patto Tripartito e si coalizzerà con gli Alleati e contro la Germania. L'unico mezzo per riuscirci è quello di scacciare Mussolini dal potere, e così Vittorio Emanuele III, d'accordo con Ciano, lo fa arrestare e conferisce proprio a Ciano il titolo di primo ministro. Questi annuncia che la guerra proseguirà accanto alla Germania, ma firma segretamente con gli alleati l'armistizio di Cassibile (8 settembre 1943) grazie alla mediazione di O'Flaherty. Subito gli angloamericani prendono possesso di tutti i porti italiani e si spingono nell'entroterra; Ciano dichiara guerra alla Germania (10 settembre 1943) e si ha di colpo un capovolgimento di fronte, con i tedeschi che devono affrontare gli italiani, improvvisamente diventati nemici da alleati che erano. Gruppi tedeschi sparsi compiono per vendetta atrocità di ogni genere prima di essere sgominati dall'alleanza tra italiani, inglesi ed americani; in particolare Herbert Kappler penetra in Roma, lasciata colpevolmente sguarnita da Ciano che non si aspetta quella mossa, compie una strage di Ebrei nel ghetto, cattura ed uccide Vittorio Emanuele III e sua moglie Elena del Montenegro, e poi punta su Castelgandolfo per eliminare il detestato Adriano VII, che sa responsabile di tutti quegli intrighi. Ma egli può solo dar fuoco alla residenza papale evacuata, perché il Papa si è rifugiato tra i monti sotto la protezione di Montano. Intanto la falsa notizia che Papa Adriano sia morto nell'incendio fa il giro del mondo e provoca una generale sollevazione di tutti i popoli contro i nazifascisti. Basil Grant, Franklin D. Roosevelt e Charles de Gaulle ordinano lo sbarco in Normandia per conquistare la fortezza Europa mentre Flambeau proclama l'insurrezione generale francese. Polacchi, Austriaci, Ungheresi e Croati si rivoltano contro gli occupanti attaccandoli a volte con vanghe e forconi, e le stragi che i nazisti compiono come rappresaglia non fanno altro che rinfocolare l'odio contro di loro.

Intanto Umberto II cinge la corona regale, prende il comando delle truppe e attacca Kappler, uccidendolo in battaglia; con questo atto di coraggio egli salva la monarchia italiana. Ciano va a sua volta nel Nord a combattere, dove i tedeschi hanno occupato la Lombardia e il Triveneto, ma è catturato e fucilato a Verona dopo un processo farsa. Allora Umberto II incarica Ferruccio Parri ed i partiti antifascisti di formare un nuovo governo, il cui ministro della cultura è il poeta toscano Alfonso Muscari (altro personaggio di "The Paradise of Thieves"): de Gasperi va agli esteri e Togliatti all'interno. Appena la situazione in Italia torna tranquilla, il 1 novembre 1943 Adriano VII riappare in pubblico dalla loggia centrale di San Pietro nella solennità di Tutti i Santi per dimostrare che non è morto, e tutto il mondo è in festa. Intanto Flambeau libera la Francia dai nazisti e dai collaborazionisti, cattura Petain e si appresta ad attaccare il territorio tedesco. La sollevazione dell'Europa Orientale mentre Stalin è impegnato ancora a liberare il suo territorio nazionale impedisce ai russi di avanzare pretese su mezza Europa. Il 25 aprile 1944 la riconquista dell'Italia del Nord è ultimata e Mussolini che, liberato dai nazisti, era andato a dirigere le operazioni belliche in quella regione, è catturato e fucilato. La Germania nazista intende resistere ad oltranza, ma Adriano VII invia una lettera al colonnello Claus Schenk von Stauffenberg, cattolico e profondamente ostile ad Hitler, che decide di compiere un attentato ai danni dell'autocrate; a differenza di quanto è avvenuto dalle nostre parti questo riesce, ed il tiranno dei tiranni salta per aria su di una valigia-bomba durante la riunione nella Wolfsschanze o « Tana del lupo », il suo quartier generale a Rastenburg, in una foresta della Prussia Orientale. È il 20 luglio 1944. La guerra in Europa è finita e continua solo sul fronte del Pacifico, dove si concluderà un anno dopo con lo sgancio delle bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki.

Risultato del conflitto: la Germania perde Slesia e Pomerania a vantaggio della Polonia e conserva solo una parte della Prussia orientale attorno a Königsberg, ma la sua integrità territoriale è salva e non subisce occupazione straniera; nuovo cancelliere è il cattolico Konrad Adenauer mentre Von Stauffenberg è il nuovo capo di stato maggiore dell'esercito. L'Italia resta una monarchia costituzionale e perde Albania, Dodecaneso, l'impero d'Etiopia e la città di Fiume, ma conserva il resto del territorio nazionale e le altre colonie; nuovo capo del governo è Alcide de Gasperi. Walter Ezza diventa vicesegretario del PCI e braccio destro di Togliatti, mentre Flambeau diventa ministro dell'interno nella Quarta Repubblica Francese. I confini tornano quelli antecedenti alla Prima Guerra Mondiale e l'URSS può spostare i confini ad occidente di meno di un centinaio di chilometri; Polonia, Lituania, Lettonia ed Estonia conservano la loro indipendenza, e solo la Jugoslavia di Tito diventa una dittatura comunista. Anzi, Basil Grant e Franklin Delano Roosevelt vorrebbero tentare un "attacco preventivo" all'URSS per abbattervi il comunismo ma Papa Joseph Brown, che ha appena ricevuto il Premio Nobel per la Pace, intervenuto al congresso di pace a Parigi, li sconsiglia e li convince che l'Europa ha già conosciuto troppa guerra e troppe distruzioni. Infatti nel 1954, alla morte di Stalin, Kruscev ne denuncerà i crimini e guiderà l'URSS nella transizione verso la democrazia, dopo aver incontrato a Roma Adriano VII. Questi prepara l'indizione di un Concilio per rinnovare la Chiesa, ma non farà in tempo a condurlo in porto. Muore infatti a 90 anni il 9 ottobre 1958, dopo 19 anni di pontificato ed in odore di santità: le voci popolari dicono che gli sia ripetutamente apparso Cristo in persona. Per questo Giovanni Paolo II lo canonizzerà durante l'Anno Santo del 2000. Dopo di lui lo Spirito Santo chiamerà un Papa contadino che metterà in atto il Concilio da lui sognato; ma questa è un'altra storia. O meglio, un'altra fantastoria...

Also on Fandom

Random wikia