Fandom

Scratchpad

Proposta 1

215,674pages on
this wiki
Add New Page
Discuss this page0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

U impero seleucide

POD: Filippo V di Macedonia non si allea con Annibale contro Roma.

Alla fine della seconda guerra punica Roma non entra in guerra contro la Macedonia e non interviene in Oriente. Oriente e Occidente proseguono lungo due storie separate. In Oriente Filippo V finisce vinto da Antioco III, più tardi Antioco IV conquista l’Egitto e unifica l’Oriente in un grande impero greco simile a quello di Alessandro (la salma di Alessandro é trasferita ad Antiochia). Perseo va in esilio a Roma dove é accolto dalla famiglia degli Scipioni.

In Occidente Roma prosegue la sua evoluzione, Spagna e Africa sono conquistate e pacificate alla metà del II secolo a.C. La cultura romana é influenzata molto meno da quella greca, le religioni orientali sono vietate e le idee del vecchio Catone trionfano contro gli aristocratici ellenizzati. Senza le lunghe e lontane guerre d’Oriente, Roma non subisce la crisi agraria e la crisi della cittadinanza come nella nostra Timeline. Alla fine del II secolo le riforme di Caio Gracco sono meno importanti e non provocano una reazione aristocratica. Il modello classico della repubblica prosegue, Roma rimane una città di cittadini-soldati, niente conflitto tra populares ed optimates. Mediante riforme all’inizio del I secolo Roma organizza la gestione delle sue province in maniera razionale. Caio Mario conquista in anticipo le Gallie (ribellione di Celtill, padre di Vercingetorige) e rimane lontano dalle vicende interne di Roma: niente guerra civile. I generali romani non ottengono un grande potere sui loro soldati, e il modello repubblicano non é minacciato.

Alla metà del II secolo il Mediterraneo é diviso tra un Occidente romano e repubblicano e un Oriente greco e monarchico, che entrano presto in conflitto. Roma sostiene le resistenze orientali (la ribellione nel 147 a.C. dello stratega Polibio in Grecia, quella dei Maccabei in Giudea...), e i Seleucidi provano ad allearsi con Cartagine e poi con la Numidia prima della loro conquista romana. Nell'88 a.C. Mitridate VI entra in guerra contro il Grande Seleucide, ma presto é in difficoltà e chiede l’aiuto di Roma: inizia la guerra aperta tra le due superpotenze. La Grande Guerra prosegue per 40 anni, ma i Romani sono in vantaggio durante le battaglie.

Nell'85 il generale Silla conquista la Grecia, più tardi passa con suoi luogotenenti Pompeo e Lucullo in Asia, conquistando la zona dopo lunghe campagne. Roma decide di non integrare l’Oriente nel suo dominio considerando i Greci troppo diversi ed estranei alla cultura latina. Così decidono di creare dei regni vassalli in Oriente, la Lega di Acaia é ricreata ed integra tutta la Grecia. La Macedonia é ricreata come regno ma un Romano della famiglia degli Scipioni (scelta da Perseo, morto senza figli, come erede degli suoi diritti) è messo alla sua testa: sembra un’ottima idea per controllare popoli stranieri, conservare un’alleanza stretta e soddisfare il desiderio di libertà dei Greci, e poi Roma considera un’occupazione troppo costosa.

Su questo modello la conquista prosegue: nel 78 Silla é nominato re del Ponto riconquistato. Più tardi Pompeo diventa re di Asia (cui è annessa la Galazia) e Lucullo re dell’Armenia (alleata dei Seleucidi). Nel 49 la Siria cade sotto i colpi del generale Cesare che ne diventa re. Una Giudea indipendente é ricreata a vantaggio di Erode. Nel 44 il generale Marco Antonio annienta le ultime forze greche ad Alessandria, e come ricompensa é nominato faraone d’Egitto da parte di Roma. Accanto ai regni greci sotto la guida di re romani, la repubblica di Rodi, l’Epiro e Cipro rimangono Stati indipendenti ma vassalli. A Roma l’assenza di tutti questi generali carismatici, impegnati in Oriente, permette alla vita politica di proseguire in pace. Roma ottiene un immenso bottino, e conserva i regni orientali sotto il proprio controllo per mezzo delle monarchie grecoromane.

Cicerone, Catone e Bruto dominano la vita politica romana, Bruto spinge il dominio diretto romano sul Reno e sbarca per la prima volta in Britannia. In Oriente i discendenti di Silla conquistano le rive del mar Nero, che diventa un lago grecoromano. Marco Antonio conquista l’Arabia e la Nubia. Cesare stesso conquista la Mesopotamia e buona parte della Partia; il suo erede Ottaviano prosegue la sua opera. Questa Pax Romana diversa prosegue durante tutto il I secolo dopo Cristo.

In Oriente la dinastia giulio-claudia non si interrompe, e Nerone diventa un grande re ellenistico. La cultura romana influenza la cultura greca dando vita al periodo romanistico, dove l’arte, le istituzioni delle città e la monarchia sono copiate dalle forme romane. A Roma nello stesso momento il console Vespasiano domina la vita politica conquistando una buona parte della Germania, già sottomessa in parte dal console Agricola. L’Armenia della dinastia Luculliana spinge le sue forze nel Caucaso.

Durante il II secolo Roma conquista la Dacia, che diventa un regno vassallo sotto la guida della dinastia del generale Traiano. Ma Roma inizia a perdere il controllo dei regni grecoromani quando la Siria cesariana entra in guerra contro l’Asia pompeiana. Roma deve occuparsi delle nuove incursioni barbariche a Nord, e non si occupa più dell’Oriente che conosce un nuovo periodo di concentrazione.

Le nuove guerre orientali del III secolo finiscono quando l’imperatore Costantino unifica tutto l’Oriente in un nuovo grande impero greco orientale, detto impero bizantino. Inizia una nuova guerra fredda con la repubblica romana, aggravata da una guerra religiosa tra un Oriente cristianizzato e un Occidente rimasto in gran parte pagano, perché la repubblica ha vietato le religioni orientali. La repubblica intanto é invasa dai barbari e si ritira progressivamente della Germania e della Britannia.

Durante il IV secolo d.C. la repubblica romana indebolita diventa vassalla dell’impero orientale, perde la maggior parte delle sue province che diventano regni barbari, repubbliche indipendenti, o repubbliche barbariche, iniziando il Medioevo. Però la repubblica romana sopravvive benché ristretta nel VI secolo all’Italia, e torna ad essere una repubblica cittadina, protetta da grandi basilei greci come Giustiniano. A partire da questo periodo la storia torna alla nostra Timeline, eccezion fatta per una cosa: il concetto della repubblica rimane vivo in un Occidente cristianizzato più tardi.

I Barbari integrano presto le istituzioni romane per controllare loro regni, e la forma di vita in città sopravvive, le città sono lasciate autonome dai re romanizzati. I regni barbari prendono presto un’importante forma istituzionale come mostra il parlamento del regno di Essex o la costituzione del regno franco sotto Dagoberto. Accanto ad essi esistono repubbliche libere come Venezia, Marsiglia, Barcellona o Nantes.

Nell'800 Carlomagno unifica l’Occidente (eccezion fatta per la repubblica romana in Italia) in un grande impero costituzionale occidentale. Il parlamento franco forma una monarchia parlamentare durante il IX secolo, l’Habeas Corpus é adottato durante il XI secolo e la democrazia rinasce durante il XIII secolo sotto il regno dell’imperatore San Luigi IX. Con la decadenza dell’impero orientale, la repubblica romana si allea con l’Occidente sotto il consolato di Francesco d’Assisi (la storia militare, scientifica e religiosa prosegue come nella nostra Timeline).

Le crociate non avvengono, ma una solida alleanza é firmata tra l’impero e il sultanato contro i Mongoli, la Terra Santa é gestita in comune. L’Europa inizia il periodo delle scoperte sotto un regime democratico e l’America sarà colonizzata pacificamente durante il XVI secolo. Non avverrà la colonizzazione, e l’industrializzazione nasce come nella nostra Timeline.

Also on Fandom

Random wikia