Fandom

Scratchpad

Proposta 2

216,082pages on
this wiki
Add New Page
Discuss this page0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

U Filippo V

Siamo nel 216 a.C., in Italia si svolge la seconda guerra punica; Annibale e suoi Cartaginesi hanno appena vinto l’esercito romano a Canne. La battaglia è un disastro per Roma, 50.000 tra Romani e alleati sono morti, (e tra i primi ci sono 80 senatori) e 20.000 sono stati fatti prigionieri. Roma si trova ormai senza difese, comincia ad essere abbandonata da alcuni dei suoi alleati italiani. Presi dal panico, i Romani urlano in preda alla disperazione: «Hannibal ad portas!». La potenza romana sembra destinata alla distruzione rapida.

In Oriente, il re di Macedonia, Filippo V vede l’occasione di estendersi in Illiria contro i Romani. Il re, insediato a Pella, pensa d'inviare un’ambasciata ad Annibale ed allearsi a Cartagine, raccogliendo le spoglie dei Romani. Però,a pensarci bene, la cosa non gli sembra così ovvia: Annibale ha lasciato perdere l’occasione di prendere Roma; la tattica del condottiero romano, Fabio Massimo, è ottima, ha ancora con lui uomini, mezzi ed alleati, in più Roma è decisa a vendicarsi. Inoltre la Macedonia deve preoccuparsi delle città greche, sempre in ribellione, e della minaccia di Antioco III in oriente, non è il momento di interessarsi ai barbari d’Occidente. Finalmente il re decide di non decidere, di aspettare e di vedere. Ordina solo ai suoi mercenari pirati in Adriatico di impadronirsi di qualche porto illirico sotto protezione romana.

La storia del mondo è cambiata.

211: come aveva brillantemente intuito Filippo V, Roma non è ancora a terra. In quest’anno il generale romano Marcello prende e saccheggia Siracusa, in più Annibale fallisce nella sua marcia su Roma e deve ritirarsi nella zona occupata del sud della penisola. Il Macedone seppellisce definitivamente il progetto di alleanza con Annibale.

207: battaglia del Metauro, Annibale e Asdrubale sono vinti, Cartagine perde tutte le speranze di vincere in Italia. Filippo V conclude: «Questo Annibale sa vincere le battaglie, ma non sa vincere una guerra.»

205: Roma approfitta della sua sicurezza ritrovata per riprendere il controllo dei porti dell'Illiria occupati da Filippo V (Apollonia è stata presa nel 216). Un’ambasciata romana arriva a Phoinicè dove tratta con il re. Quest’ultimo dimostra nei fatti la sua amicizia: non ha attaccato Roma allorché ne aveva la possibilità (avrebbe potuto essere uno nuovo Pirro per loro) ed è pronto a negoziare a proposito dell’Illiria. Roma ha ancora altre gatte da pelare, così accetta il trattato di Phoinicè: l’Illiria è divisa tra Roma e la Macedonia, Filippo V è riconosciuto amico ed alleato del popolo romano.

202: battaglia di Zama, Scipione sconfigge finalmente Annibale e le ultime forze puniche. L’anno successivo Cartagine chiede e ottiene la pace, perdendo quasi tutti i suoi territori africani e quelli iberici. Lo stesso anno, Roma e la Macedonia rinnovano la loro alleanza. Scipione riceve il titolo di "Africano". Quest’ultimo domina la vita politica romana, portando ad un rinnovo della pietà e delle tradizioni romane.

200: appena uscita della guerra, Roma vuole mostrare la sua forza in diverse operazioni belliche, permettendo di portare del bottino. Roma è sicura dal lato orientale e decide di proseguire la conquista della penisola iberica, ricca di miniere, e sottomette i diversi popoli.

199: Filippo V vuole estendersi verso il regno di Pergamo e Rodi, però la sua alleanza con Roma lo obbliga a rispettare Rodi che rimane fuori dal conflitto. Campagna degli Stretti. Presa di Bisanzio e sbarco in Asia.

198: il proconsole Flaminio prende il comando delle province iberiche con lo scopo di ampliare il potere di Roma e la sua gloria personale. Il proconsole inizia una politica di rapida integrazione delle città sottomesse, notevole la sua decisione di dichiarare la libertà di città iberiche come Sagunto, Cadice e anche Cartagena (benché città punica). Battaglia di Ilio, Filippo V annienta le truppe di Eumene II che fugge con i suoi ultimi partigiani alla corte di Antioco III. Questi, preoccupato dalle ambizioni macedoni, dichiara la guerra a Filippo V ed invia il suo esercito in Asia; in cambio, Eumene II si dichiara vassallo. Questa guerra covava da tanto tempo; è l’incontro delle due ambizioni del Antigonide e del Seleucide.

197: battaglia di Magnesia, Filippo V è severamente sconfitto in Asia dalle truppe seleucidi e pergamee con una notevole forza di elefanti da guerra. Il Macedone deve reimbarcarsi per l’Europa, e chiede l’aiuto di Rodi e di Roma. La prima decide di non intervenire e tratta con Antioco III, in cambio di un suo aiuto navale ottiene diversi territori in Caria. A Roma si svolge un grande dibattito nel Senato per sapere se si deve intervenire così lontano in Oriente, contro uno regno non nemico.Scipione l’Africano è favorevole alla guerra. Ma in questa occasione si assiste ad uno dei primi interventi di Catone che consiglia di non partecipare ad una guerra tra re greci, che secondo lui non valgono la morte di valorosi Romani. Catone convince la maggior parte del Senato; è la sua prima vittoria nella personale lotta alle influenze greche a Roma. Così, venendo meno ai trattati stipulati, Roma decide di lasciare Filippo V a se stesso. Lo stesso anno Roma sottomette il popolo insubro nella Gallia cisalpina; è la prima azione romana per riprendere il controllo di questa zona.

195: Antioco III e il suo esercito passano in Europa; seconda campagna degli Stretti. Il regno di Pergamo è integrato all’impero seleucide e Eumene II ne diventa satrapo. In Grecia tutti, eccezion fatta per gli Etoliani, rimangono fedeli al Macedone. Prusia I di Bitinia concede ad Antioco III un accordo di passaggio. Però Cotys II di Tracia rifiuta di lasciare passare Antioco III. La Tracia è invasa e vinta; sarà trasformata in satrapia di Tracia nel 194.

193: battaglia di Fillipopoli. Filippo V è di nuovo vinto da Antioco III e perde una buona parte della Macedonia e dei suoi alleati che passano al Seleucide. Però riesce a scappare verso le montagne del nord della Macedonia. Il re non ha perso la sua ambizione, giura di riconquistare il proprio trono e di vendicarsi di tutti, sopratutto di quei traditori di Romani. Lo stesso anno Roma invia un esercito in Gallia Cisalpina per vendicarsi delle tribù che si sono alleate ad Annibale durante la guerra. La Gallia cisalpina è occupata come il resto della Liguria e le forze romane penetrano per la prima volta in Gallia transalpina, con l'accordo della loro alleata Massalia. Luciò Cornelio Scipio, fratello dell’Africano guida la guerra fino al 190 e riceverà il titolo di "Ligure".

192: Antioco III entra trionfalmente in Atene, accolto come un liberatore, riceve la cittadinanza e una tribù è rinominata Antiochia in suo onore. La maggior parte delle città greche l’accolgono nel stesso modo. Ma non si fanno illusioni: Antioco è un liberatore come l’aquila è un pesce, e fa immediatamente rioccupare da suoi uomini le fortezze macedoni.

190: dopo due anni di resistenza Filippo V cade durante la battaglia delle Termopoli. Il regno macedone crolla e tutta la Grecia continentale cade nel potere seleucido. I figli di Filippo V, Demetrio e Perseo riescono a scappare e trovano rifugio a Roma, dove saranno accolti dalla famiglia di Scipio l’Africano, unica famiglia interessata alle vicende orientali. Demetrio prende formalmente il titolo di re come Demetrio III. Roma lo sostiene ufficialmente (anche se non è entrata in guerra non apprezza la nascita di una grande potenza imperiale alle sue porte) ma in verità sono gli Scipioni a motivare questa politica. Un’ambasciata seleucida arriva a Roma ma non ottiene la testa dei due principi. Le relazioni con Antioco III si raffreddano, ma non sono rotte. Lo stesso anno i popoli celtiberi, infuriati dalla brutalità e dall’orgoglio dei Romani presenti sulla costa, entrano in ribellione contro Roma.

189: Roma invia un esercito in Spagna contro i ribelli celtiberi e conquista una grande parte dell’interno della penisola, di notevole importanza l'occupazione della zona attorno a Cordoba, che diventa la provincia di Betica.

188: Antioco III organizza le sue conquiste, crea una satrapia di Macedonia. Organizza tutta le città greche in una nuova lega di Corinto con Antioco III come hegemôn, ad imitazione della lega creata da Filippo II. Ormai la maggior parte dell’Asia è unita sotto il Seleucide; rimangono indipendenti Rodi, la Bitinia, il Ponto, l’Armenia e l’Egitto. Antioco III diventa il più grande conquistatore dai tempi di Alessandro.

187: morte di Antioco III il grande al colmo della sua potenza; è riuscito quasi a riunire le conquiste di Alessandro eccezion fatta per l’Egitto. Seleuco IV Filopatore sale al trono.

186: scandalo dei baccanali. A Roma lo Stato, guidato da persone come Catone il Censore provocano una reazione contro le religioni e la cultura orientale ormai viste nemiche, come la cultura dell’impero greco. Le religioni orientali sono o vietate o strettamente controllate come il culto di Cibele. Il Senato prende misure contro l’identificazione degli dei latini con quelli greci. Viene ripristinato il culto per alcune divinità locali, come Flora, Fauna, Liber o Saturno, vedendo la cosa anche sotto l'aspetto patriottico. Ormai, a Roma solo la potente famiglia degli Scipioni può mostrarsi liberamente interessata alla cultura greca, e questa famiglia ha perso il suo peso politico. L’Africano stesso muore in esilio con delle parole amare.

184: Catone diventa censore e si oppone a Scipione l’Africano; prende delle misure contro tutti i tipi di influenza greca a Roma e contro il peso delle più grandi famiglie aristocratiche.

181: Paolo Emilio è proconsole ed è mandato in Spagna, provincia romana mai totalmente pacificata. Presto riesce a a sottomettere la Lusitania e una buona parte dell’interno del paese, fondando la città di Toledo. Al suo ritorno riceverà il trionfo e il cognomen di "Iberico".

180: Lex Villia Annalis, che limita il peso delle personalità carismatiche nella società; è vietata l’iterazione del consolato ed è instaurato un tempo minimo tra due magistrature.

179: Demetrio III muore misteriosamente avvelenato a Roma, si dice da parte di spie seleucide, ma altri accusano Perseo che pretende ormai al trono macedone e riceve lo stesso l’appoggio romano (però senza progetti ben definiti).

178: ambasciata di Antioco, fratello di Seleuco IV, a Roma per trattare della sorte di Perseo e di qualche accordo sulle frontiere. Antioco fallisce nell'ottenere Perseo, viene però firmato un trattato dove Roma afferma la sua alleanza con Rodi e ottiene un accordo navale, la flotta romana è ben più sviluppata di quella seleucida.

175: morte di Seleuco IV, assassinato da ministro Eliodoro per conto del fratello Antioco IV, che sale sul trono con l’ambizione di conquistare la stessa gloria del padre e si fa chiamare il Gran Seleucide.

171: Mitridate I, re dei Parti è sconfitto da Antioco IV, il tentativo di conquista della Persia fallisce: il seleucida mantiene il suo potere nelle satrapie dell’Est con una severa epurazione nelle elite persiane. Con questo spera di chiudere con le ambizioni di autonomia dei Persiani, ma sarà solo per un momento; infatti poco dopo la Persia inizia progressivamente a sfuggire al potere seleucide, mentre la Mesopotamia rimane fermamente seleucida. Babilonia diventa città regia ed è colonizzata da mercenari greci, formandosi un’organizzazione cittadina.

168: Perseo riunisce un esercito di mercenari e di Macedoni esiliati e con l’oro romano (fornito soprattutto dai Cornelii Scipioni) prova a sbarcare in Oriente. Ottiene l’alleanza degli Epiroti e di qualche città greca ma è presto vinto dalle forze del satrapo d’Europa alla battaglia di Pidna. Perseo riesce a scappare e torna in esilio a Roma, la Grecia conosce una grande epurazione nelle città che fa migliaia di morti. Roma ritira il proprio sostegno a Perseo per permettergli di riconquistare il suo trono ma non lo caccia per rispetto alla famiglia di Scipione; Antioco IV smette tronca le relazioni diplomatiche con Roma ma non dichiara la guerra, ha altre gatte da pelare con diverse ribellioni in Galatia e in Mesopotamia. L’Epiro, alleato di Perseo riesce però a mantenere la sua indipendenza come stato-cuscinetto tra Roma e l’impero. Lo stesso anno Antioco IV penetra in Egitto e annienta le forze del sovrano lagide. L’Egitto finanziava le diverse ribellioni contro il Seleucide e l’odio tra le due casate era tradizionale. Dopo poche settimane e senza grande resistenza da parte degli Egiziani, il Seleucide riesce a prendere Alessandria e giustizia l’ultimo sovrano d’Egitto, Tolomeo VI con l’intera famiglia. Alessandria stessa è saccheggiata: il Faro, luogo di un’ultima resistenza è danneggiato. L’ambasciatore romano in Egitto, Gaio Popilio Laena, protesta ma senza risultati. La salma di Alessandro è portata con gran cerimonia ad Antiochia accanto a quella di Antioco III. La satrapia di Egitto è instaurata, Antioco IV si da il titolo di Neos Alexandros (di fatto l’impero del Macedone è ricostituito eccezion fatta per la Battriana). Però, nel sud dell’Egitto una ribellione indigena fa nascere un nuovo regno egiziano attorno a Tebe; i Tebani fondano la XXXI dinastia, il tempio di Ammone è restaurato come numerosi altri templi. Antioco IV lascia fare, non ha nessun interresse in Alto Egitto e gli indigeni non hanno mezzi per riconquistare il Delta. Lo stesso anno Antioco IV lancia una vasta campagna di ellenizzazione forzata della Giudea, il tempio di Gerusalemme è saccheggiato è diventa un tempio a Zeus. La circoncisione ed altri riti ebrei sono vietati. Antioco IV vuole unificare forzatamente il suo impero con la cultura greca. Simile azioni hanno luogo in Persia, in Egitto e in Mesopotamia. Le misure, le unità di peso e di moneta vengono unificate.

167: Antioco IV da a Delo i diritti di porto franco; inizio della decadenza economica di Rodi, colpevole di preferire l’alleanza romana. Si dice che Antioco IV ha ambizioni per conquistare Cartagine, prima di volgersi contro Roma. Così fa costruire in Fenicia una potente flotta.

166: Ribellione ebrea in Giudea sotto la guida di Giuda Maccabeo. Lo stesso anno, Perseo, sfortunato pretendente al trono di Macedonia muore a Roma, lascia la sua eredità ad un figlio illegitimo, Andrisco, che riesce con difficoltà a farsi riconoscere dai Romani.

164: Giuda Maccabeo, dopo una guerriglia di due anni, riesce a riprendere Gerusalemme e a scacciare un esercito seleucido da quel territorio. Antioco IV decide di reagire e riunisce un esercito. La ribellione ebrea mette fine ai progetti seleucidi contro l’Occidente però la tensione rimane.

163: sul cammino della Giudea, Antioco IV, chiamato da se stesso Neos Alexandros, ma dagli altri Epimanè (il pazzo), muore improvvisamente. Suo figlio, il bambino Antioco V Epifane sale sul trono e diventa basileos e Gran Seleucide. La spedizione contro i Maccabei viene rinviata.

162: Demetrio, figlio di Seleuco IV, fa assassinare suo cugino e sale sul trono come basileos e Gran Seleucide, facendosi chiamare Demetrio I Sotere.

161-160: Demetrio I riprende la via della Giudea e riconquista il paese, uccidendo Giuda Maccabeo. La Giudea torna sotto la tirannia greca, però la guerriglia sopravvive nelle montagne sotto la guida del fratello di quest’ultimo, Gionata. Lo stesso anno muore a Roma il famoso generale Paolo Emilio Iberico. Dalle sue grande campagne iberiche Roma non ha più lanciato grandi spedizioni. Ogni anno, però, i proconsoli guidano loro eserciti in Hispania, in Gallia Cisalpina e in Illiria, per domare le tribù barbariche e raccogliere bottino. Però sono soprattutto delle operazioni di polizia e di allenamento per l’esercito cittadino. I cittadini ne sono consapevoli e vanno con il cuore leggero in queste vere guerre, tornando più tardi alle loro occupazioni civili.

158: la situazione non migliora in Giudea dove Gionata Maccabeo riesce a vincere un esercito seleucido e a riprendere il controllo del paese.

157: intervento del generale seleucide Bacchidès che riporta la maggior parte della Giudea a ubbidienza, però Gionata continua a guidare la guerriglia e mantiene un forte stato di insicurezza.

155: intervento di Demetrio I in Babilonia scossa dalla ribellione di Timarcho ed Eraclide; dopo la vittoria si dà il titolo di Sotere.

154: Inizio della ribellione in Spagna dei popoli celtiberi di Lusitania; presto un grande capo carismatico, Viriato, emerge e sfida Roma.

150: Demetrio I evita per poco un tentativo di colpo di Stato da parte dell’usurpatore Alessandro Balas, sostenuto dal satrapo di Egitto e segretamente da Roma. Dopo una breve guerra civile Demetrio I riprendere il controllo di tutto il potere. La satrapia d’Egitto è severamente punita e saccheggiata. Lo stesso anno, Massinissa, re di Numida inizia una guerra contro Cartagine, Roma teme di vedere la nascita di un grande regno africano. A Cartagine, un partito antiromano invia un’ambasciata a Demetrio I e propone di diventare sudditi del re greco. Demetrio I vede l’occasione di farla pagare ai Romani per l’affare di Alessandro Balas.

149: a Roma il Senato, vedendo che la ricca Africa rischia di essere sottomessa sia dalla Numidia, sia, ancora peggio, dai Greci, decide di annettere l’Africa e distruggere Cartagine che ha mostrato di essere ancora un rischio. Scipione Emiliano è mandato in Africa e sottopone Cartagine ad un orrendo assedio.

147: morte di Demetrio I; suo figlio Demetrio II sale sul trono. Alla notizia di questa morte le città greche della lega di Acaia si ribellano. La Lega si ribella perché il Gran Seleucide sosteneva la sua nemica, Sparta, che impediva un’egemonia della Lega nel Peloponneso. La Lega è guidata dallo stratega Polibio, ammiratore di Roma ed erede dalla politica di Arato e di Filippo. Lo stratega invia un’ambasciata a Roma, ospitata dagli Scipioni ma non riesce a convincere il Senato ad impegnarsi in suo favore. A Roma domina sempre un’opinione ostile alle vicende greche, ed isolazionista. Lo stesso anno Roma subisce una grave umiliazione in Spagna: le legioni di Quinto Fabio Massimo Serviliano sono intrappolate dalle forze del capo iberico Viriato. Quest’ultimo permette ai Romani di ritirarsi salvi ma umiliati. In conseguenza riceve per questa generosità il titolo di amico ed alleato del popolo romano. Però nei fatti la guerra continua, Viriato si è ritagliato un grande regno personale in Spagna e gli eserciti romani sono vinti uno dopo l’altro.

146: Caduta di Cartagine: la città è interamente distrutta, il suo popolo ridotto in schiavitù, la sua terra sterilizzata con il sale e maledetta. L’Africa diventa una provincia romana. La Numidia è ormai considerata come nemica di Roma. La morte di Demetrio I ha impedito di prendere una decisione rapida e i Greci sono rimasti fuori le vicende africane malgrado le speranze di Cartagine, poche settimane prima della caduta, la città punica si era data ufficialmente al re seleucido, senza effetti. Lo stesso anno Demetrio II prende Corinto e la saccheggia, l’intera Grecia è occupata, eccezion fatta per Sparta alleata. Nascita della satrapia di Grecia. Tantissimi oligarchi greci prendono la via dell’esilio verso Roma o sono giustiziati. Lo stratega Polibio riesce ad arrivare salvo a Roma, da questo momento si lega con Scipione Emiliano, chiedendo durante il resto della sua vita a Roma di intervenire per la libertà dei Greci. Scrive molti discorsi ai Greci per spiegare quanto Roma può aiutarli, iniziando una vera propaganda filoromana e ostile alla tirannia seleucide che sarà ripresa durante i 50 anni seguenti. Lo stesso anno muore Andrisco, figlio di Perseo e pretendente al trono di Macedonia (non ha mai perso la speranza), muore senza figli e lascia l’insieme della sua eredità alla famiglia romana che ha accolto i suoi. Così, paradossalmente, Scipio Emiliano diventa il nuovo candidato al trono di Macedonia e il capo di una potente corrente di resistenza in Grecia e in Macedonia. Più a nord il proconsole Mummius crea le province di Gallia cisalpina e di Liguria, però si rende colpevole di numerosi massacri che fanno odiare Roma dai popoli locali.

145: Demetrio II annienta una nuova ribellione da parte di “Antioco VI“ Balas e del suo generale Trifone. Ma il Gran Seleucide riesce a mantenere la sua potenza su tutto l’impero. Fa occupare anche la Cirenaica fino al territorio di Leptis Magna, dove le sue frontiere toccano quelle della repubblica romana.

144: Ambasciata numida in Antiochia, Demetrio II negozia un’alleanza in funzione antiromana con re Micipsa di Numidia.

143: Demetrio II, sicuro del suo trono, lancia una nuova spedizione contro la Giudea tornata di fatto all’indipendenza con Gionata Maccabeo durante la ribellione greca. La Giudea è conquistata, Gerusalemme presa. La ribellione è severamente sconfitta. Gionata stesso è ucciso durante i combattimenti. La repressione è terribile e Demetrio II ordina di esiliare le principale elite ebree all’esilio in diverse satrapie dell’impero (il cosìdetto «secondo esilio in Babilonia»). Questa politica risponde al suo desiderio di mostrare la propria autorità, però è ben consapevole delle ragioni della ribellione ebrea, e in spirito di pacificazione rinuncia all’ellenizzazione del paese, autorizzando la purificazione del tempio. Però la ribellione non è totalmente spenta e il suo nuovo capo, Simone Maccabeo parte per Roma onde trovare sostegni finanziari e militari.

141: durante una spedizione conto i Parti, Demetrio II è fatto prigioniero; la sconfitta e l’umiliazione fanno tremare sulle sue basi l’impero greco. Il re è tenuto prigioniero, ma durante gli anni la forza dello Stato si mantiene in Antiochia, dove suo fratello regna in suo nome come Antioco VII. Il reggente riesce a mantenere l’autorità seleucide e a fare dimenticare il vinto.

140: il regno di Numidia dopo la morte di Massinissa è stato diviso tra i tre figli del re, Micipsa, Gulussa e Mastanabal. Presto lotte di potere avvengono e Mastanabal deve esiliarsi a Roma. Questa vede l’occasione di sottomettere la Numidia e sostiene Mastanabal con l’oro e le truppe. Il figlio di Mastanabal, Jugurtha è educato come un romano.

139: morte di Viriato, la sua ribellione si frammenta in diversi movimenti più deboli. Dopo l’umiliazione delle legioni romane Roma è riuscita a riprendere il controllo della situazione. Però per non prendere rischi decide di fare assassinare il carismatico capo iberico dai suoi. Così muore una delle più grande figure delle resistenze contro Roma.

137: Scipione Emiliano è mandato in appoggio di Mastanabal in Numidia. Sbarca in Africa approfittando della debolezza greca in Oriente. Battaglia di Tapso, Mastanabal diventa l’unico re dei Numidi e cliente fedele di Roma. Inizio della romanizzazione della Numidia. Il giovane Jugurtha, ormai erede di diritto si è messo in mostra durante la guerra. In ricompensa il Senato concede al giovane africano la cittadinanza romana, in onore del generale Scipione Emiliano prende il nome di Publio Cornelio Giugurta.

135: tentativo fallito di sbarco da parte di Simone Maccabeo in Giudea, finanziato dall’oro romano. Muore durante il tentativo; suo figlio Giovanni Ircano riprende la via di Roma e la testa della ribellione.

133: Scipione Emiliano prende Numanzia, sancendo la fine dell’ultima ribellione dei Celtiberi, la Spagna è pacificata; solo la parte nordovest della penisola sfugge ormai alla potenza romana. Durante l’assedio un giovane ufficiale, Caio Mario, si copre di gloria. Lo stesso anno Tiberio Gracco, tribuno della plebe fa passare la sua grande riforma agraria, sostenuto da Scipio Emiliano. Questa riforma consolida la classe media dei coltivatori romani, base dell’esercito civico. Per Gracco l’idea è di rinforzare le basi della potenza militare romana contro i tentativi degli aristocratici di creare grandi latifondi, però quest’ultimi mancano di schiavi e non possono fare sparire la piccola proprietà. (la riforma è un problema meno intenso in questa timeline, non ci sono le guerre orientali, lunghe e lontane, la società romana può dunque riformarsi con meno problemi). Questa riforma permette anche di consolidare la politica della repubblica, il tribuno della plebe prende maggior peso nelle decisioni politiche prese tra i Comizi e il Senato, nel senso sognato e teorizzato da Polibio dell’equilibrio tra i poteri romani.

132: assassino di Tiberio Gracco tornato semplice cittadino; è il risultato dell’opposizione di nobili e conservatori, ma la sua riforma è mantenuta dai suoi alleati. I Comizi votano la condanna dei patrizi colpevoli dell’assassinio. Gracco è seppellito con tutti gli onori, le sue riforme hanno dato più giustizia e un migliore esercito. Però la sua morte provoca disordini e inizia un periodo di vita politica piena di tensioni.

131: la città greca di Marsiglia, alleata di sempre di Roma chiama quest’ultima al soccorso davanti alla minaccia dei popoli Celti e Liguri di Provenza. Roma invia il proconsole Flacco che in poche battaglie conquista la zona. In pochi anni Roma conquista tutta la costa fino alla Spagna e crea la provincia di Narbonese centrata sulla città di Narbo Martius. Fondazione anche di Aquae Sextiae. Da questa base si diffonde la cultura romana nelle Gallie, che iniziano a romanizzarsi.

130: Antioco VII, dopo anni di silenzio e di ricostruzione dell’esercito, lancia una nuova spedizione in Mesopotamia e Persia contro i Parti di re Fraate II;, riesce a riconquistare la Mesopotamia ma ha difficoltà in Persia e inizia le trattative. (per di più Fraate II è in pericolo ad Est contro gli Yue-Tche che hanno invaso l’Asia centrale).

129: Per mettere suo nemico in difficoltà Fraate II libera Demetrio II ma allo stesso momento Antioco VII muore combattendo. Demetrio II risale sul trono e firma la pace, l’impero perde la Persia ma conserva la Mesopotamia. Lo stesso anno muore il grande generale Scipio Emiliano, la dinastia degli Scipioni prosegue, fanno sempre valere i loro diritti alla corona di Macedonia anche se rifiutano di farsi chiamare «re» in Roma stessa per rispetto per le istituzioni repubblicane.

125: Demetrio II muore assassinato dall’usurpatore Alessandro Zabinas però quest’ultimo non riesce ad imporsi e il potere torna alla dinastia seleucide con il giovane Gran Seleucida Seleuco V, sostenuto dalla moglie di Demetrio II, Cleopatra Tea. In Gallia il peso romano diventa più forte ogni anno di più. Le tribù stanziate vicino alla provincia romana diventano presto ostili. Quest’anno una coalizione tra Voconci, Allobrogi e Arverni diretta dal re degli Arverni Betultich invade i possessi romani. Il proconsole Fabio Massimo è inviato con delle truppe, respinge presto i Voconci oltre il Rodano, ma la guerra prosegue.

124: morte improvvisa di Seleuco V, si dice assassinato, ma senza certezza, da Cleopatra Tea, che dirige la vera politica imperiale e preferisce mettere sul trono il suo secondo figlio, Antioco VIII.

123: Caio Gracco si fa eleggere tribuno della plebe giocando sulla fama del defunto fratello, accusato di demagogia lancia una politica aggressiva contro il Senato. Vuole rompere l’equilibrio instaurato dal fratello per instaurare una vera democrazia.

122: Caio Gracco evolve verso delle rivendicazioni estremiste e rivoluzionarie che provocano disordini in Roma stessa. Vuole la ridistribuzione totale delle terre dell’agro pubblico e la fine dei privilegi dei patrizi.

121: Caio Gracco viene assassinato insieme ai suoi principali partigiani. Con lui si spegne buona parte dell’agitazione politica perché il problema sociale è stato quasi tutto sistemato dalle riforme. La maggioranza dei Romani ha una piccola terra di proprietà. Il Senato ne approfitta per ridimensionare il potere del tribunato (che era diventato da qualche anno la somma magistratura) e dei Comizi nel senso del sistema di controllo e bilanciamento come ideato da Polibio. In questa occasione si è visto anche il disprezzo dei Romani per la guerra civile: l’esercito si è accontentato di mantenere l’ordine e i disordini sono rimasti locali e limitati a gruppi di sostenitori politici. Nello stesso anno, Antioco VIII prende veramente il potere in Oriente assassinando sua madre. In Gallia il re degli Arverni Betultich è vinto dal proconsole Domizio Enobarbo preso Arausio. Le tribù libere galliche devono fare la pace con Roma. Ciò rimarca la fine dell’egemonia arverna in Gallia e l’inizio di quella romana con conseguente via libera ai mercanti romani e una romanizzazione crescente. La monarchia arverna è abolita, al suo posto i Romani fondano un’aristocrazia tribale diretta da unvergobret (capo militare). La provincia di Gallia transalpina si amplia verso l’interno del territorio.

120: Mitridate VI Eupatore diventa re del Ponto. Inizia una politica espansionistica e imperialista. Si da l’immagine di un’eroe greco, un liberatore contro la tirannia seleucide e sviluppa un forte partito politico nelle satrapie di Asia e di Acaia.

118: Morte di re Mastanabal di Numidia, Roma, favorisce la salita al trono del suo candidato, Giugurta, giovane e forte, che è anche cittadino romano e un alleato fedele. Con l’appoggio di Roma riesce a riunire tutta la Numidia nelle sue mani.

108: Giovanni Ircano organizza una nuova ribellione in Giudea contro l’occupante greco, saranno i vespri di Samaria dove i Greci saranno massacrati.

107: in Gallia il console Longino è massacrato dagli Elveti, Tolosa si ribelle, l’esercito è rimandato a riportare l’ordine. Le guerre galliche sono l’occasione per Roma di mantenere sempre in piedi un esercito capace occupato a fare delle guerre non troppo lontane e non troppo lunghe.

106: Caio Mario è eletto console, è uno dei rari homo novi della repubblica. Alla fine del suo consolato è spedito in Africa dove diventa l’amico del re Giugurta. Nel stesso tempo prende sotto sua protezione il proprio luogotenente Luciò Cornelio Silla. Nel 105 il popolo vuole rieleggerlo contro tutte le tradizioni e il proconsole rifiuta e rispetta la legge. Durante il suo consolato ne approfitta per lanciare la sua famosa riforma militare, l’esercito diventa più efficace ma anche più fedele al suo capo.

105: Mario è proconsole in Gallia, deve respingere l’invasione dei popoli germanici, perciò ottiene uno comando eccezionale per 10 anni. Questa guerra si divide in diverse piccole ribellioni galliche, le tribù vedono l’occasione di riprendere la loro autonomia. I vergobret degli Arverni e degli Eduani sono particolarmente ostili.

104: Giovanni Ircano, capo del popolo ebreo in esilio, è assassinato a Roma stessa da uomini pagati dal Seleucide. Ciò provoca un grande scandalo nel Senato che chiede scuse senza ricerverle. La tensione internazionale tra le due potenze egemoniche cresce di nuovo dopo anni dove i disordini interni avevano permesso un riscaldamento delle relazioni.

102: Mario vince i popoli germanici in due battaglie allorché le truppe barbariche stavano per passare in Italia. Ma la lotta non è spenta ci sono sempre gruppi ostili che girano e le tribù celtiche iniziano a muoversi. A Gergovia, capitale degli Arverni il vergobret Celtill inizia la sua carriera politica.

98: Celtill prende il potere a Gergovia e sconfigge l’aristocrazia filoromana. Si fa eleggere re degli Arverni e dichiara la guerra a Roma. La sua azione provoca la ribellione generalizzata delle tribù galliche contro il potere del proconsole Mario. Gli Arverni si alleano con i potenti Eduani di re Dumnorix. I Romani sono costretti a ritirarsi nella loro provincia.

97: Celtill riunisce le tribù galliche e si fa eleggere re dei Galli a Bibracte, la ribellione è ormai generalizzata. 96: morte di Antioco VIII, suo figlio Seleuco VI diventa basileos e Gran Seleucide dopo avere fatto assassinare il suo rivale Antioco IX.

95: Mario prende e brucia la città di Avaricum, la più ricca delle città delle Gallie, così provoca l’odio della maggior parte dei Galli. Roma è costretta a inviare numerose truppe per una guerra lunga e difficile. Al Senato e nei Comizi, molti chiedono di finirn con questa guerra e fare la pace.

93: Mario è sconfitto davanti a Gergovia dalle truppe di Celtill. Però quest’ultimo non sa approfittarne e poco dopo deve ritirarsi, iniziando una politica di terra bruciata per affamare l’invasore.

92: Mario riesce a intrappolare Celtill ad Alesia, Dopo un difficile assedio il re degli Galli si arrende con tutti i capi ribelli. è la fine della Gallia indipendente. Mario riceve mandato di organizzare le nuove province. La seconda guerra gallica ha provocato almeno un millione di morti in Gallia. Però il figlio del vinto, il giovanissimo Vercingetorige scappa da Alesia si ritira con degli alleati in Britannia.

91: La proposta del tribuno Livio Druso di dare la cittadinanza a tutti gli alleati italiana è respinta dal Senato, ciò provoca una ribellione generalizzata dell’Italia contro Roma. Inizio della guerra sociale. Mario è richiamato in Italia. Seleuco VI dà il suo appoggio finanziario ai popoli italiani ribelli.

90: il Senato pronuncia l’espulsione di tutti i Seleucidi presenti a Roma, colpevoli di essere collaboratori dei ribelli.

89: lex Plautia Papiria, Roma concede la cittadinanza agli Italiani sperando pacificare la penisola, però la guerra continua.

88: Morte di Seleuco VI, suo fratello Demetrio III prende il potere, allorché sta per partire in guerra contro i Parti, Mitridato del Ponto invade la satrapia seleucide di Asia, accolto come liberatore. In poche settimane conquista la provincia quasi senza combattere. I servitori del re seleucida sono massacrati, in Europa le città greche si ribellano e Atene si da al re del Ponto. La guarnigione seleucide di Delo è massacrata. A Roma il partito filogreco festeggia la cosa, gli Achei in esilio tornano in Grecia e organizzano una nuova lega. Roma riconosce subito l’azione del re del Ponto e da il proprio appoggio alla nuova lega d’Acaia.

87: Demetrio III inizia la riconquista delle satrapie occidentali, la sua flotta penetra nell’Egeo, assedia Atene e penetra in Asia, Mitridato VI deve ritirarsi nelle sue terre; nelle città rioccupate la repressione è feroce e la popolazione viene massacrata. Demetrio III invia sulle coste italiane ancora in ribellione una flotta di aiuto, dando mezzi e denaro ai nemici di Roma. In Africa paga delle tribù libiche per attacare la provincia romana di Africa.

86: presa di Atene, la città è selvaggiamente saccheggiata e in gran parte spopolata. La distruzione di Atene provoca un grande scandalo a Roma dove il popolo chiama sempre più alla guerra. Davanti alla reazione seleucida le truppe della neonata lega greca crollano; Corinto è rioccupata, nel Peloponneso Sparta, sempre indipendente e filoseleucida attacca dal sud. Mitridato VI e lo stratego della lega chiamano Roma al soccorso. Il famoso Mario muore nel suo letto a Roma, vecchio e malato, non ha potuto neanche celebrare il suo trionfo contro i Galli (Celtill sarà discretamente strangolato in prigione).

85: il Senato di Roma con accordo dei Comizi dichiara la guerra al basileos seleucide e promette il suo aiuto ai popoli in lotta per la loro libertà. In conseguenza la flotta seleucida nel mare Jonio sbarca truppe comandate dal generale Archelao per allearsi con le ultime forze italiane ribelli. Però questa azione provoca l’unione sacra contro il vile orientale, i Sanniti fanno presto la pace con i Romani e alla fine dell’anno le truppe seleucide devono reimbarcarsi senza gloria e senza avere sostenuto combattimenti. Questi eventi evidenziano la fine della guerra sociale che si spegneva progressivamente dall’anno 89. Il Senato incarica Luciò Cornelio Silla della missione di cacciare Archelao dalla penisola e della futura spedizione in Oriente. In Asia Mitridato VI deve imbarcare verso la Chersonese, cacciato dall truppe seleucide, ma rifiuta di fare la pace, aspettando l’intervento romano. Nelle Gallie Cinna riprende la direzione di queste province per lottare contro le ultime tribù indipendenti. Il popolo veneto è vinto e Cinna guida la prima spedizione in Bretagna, però senza conseguenze.

84: le truppe romane di Silla sbarcano in Etolia, sono ben accolte da questo paese che firma un trattato d’amicizia. Silla porta con sè il capo della famiglia degli Scipioni che rivendica ufficialmente per se stesso l’eredità degli Antigonidi, porta anche un forte reparto di Macedoni e di Greci delle comunità in esilio. A Pella la ribellione scoppia contro il satrapo locale. I Romani avanzano rapidamente verso la Grecia per aiutare gli Achei; sconfiggono Sparta alla battaglia di Sellasia e Atene è di nuovo assediata.

83: Battaglia di Cinocefale, le coorte romane annientano le falangi seleucide dell’esercito di Archelao arrivato in Europa. Silla ottiene uno comando eccezionale per la guerra.

82: Battaglia di Pidna, le truppe ellenistiche di Europa sono definitivamente sconfitte, Archelao stesso è ucciso. La Macedonia è liberata e accoglie bene i Romani. Immediatamente in conseguenza il regno di Tracia si allea ai Romani e delle trattative sono aperte con la Bitinia (missione diplomatica del giovane Cesare). Le truppe seleucide evacuano Atene reimbarcandosi al Pireo. Qualche settimane dopo Silla proclama a Corinto la libertà dei Greci che si organizzano nella Seconda Lega di Corinto, uno Stato federale dalle istituzioni ispirate da Roma. Nel stesso anno la flotta romana penetra in Egeo e caccia progressivamente le guarnigioni di Demetrio III dalle isole; però resistono ancora nel Dodecaneso. Creta si organizza in Lega indipendente e filoromana. Nel Ponto Mitridate VI è vinto a Sinope e ucciso nel suo tentativo di riconquistare il suo regno; non lascia eredi. Il re pontico diventa subito un grande eroe della guerra, una figura di resistenza eroica nel stile degli antichi Greci. La sua statua dorata è elevata davanti al tempio di Giove a Roma. A Roma, la previsione di una guerra lunga e difficile fa temere al Senato dei problemi sociale con il popolo costretto a andare lottare in Oriente e il ricordo dei disordini sociali è ancora vivo. Dunque il Senato organizza in accordo con i Comizi un triumvirato speciale composto da un console costretto a rimanere nella città (l’altro comanda l’esercito), dal princeps del Senato e dal primo tribuno, carica onorifica creata apposta per rappresentare tutto il collegio dei tribuni. Il triumvirato, da organo non ufficiale diventa presto il vero governo esecutivo della repubblica.

81: riunione di Pella, la nobiltà macedone con i rappresentanti delle città dell’antico regno si riuniscono per decidere del futuro del paese. Sono ostili a un governo diretto dai Romani; questi hanno il vero potere però sono in piena guerra e non hanno ne i mezzi ne la volontà (un buon Romano diffida dal governare un paese di Greci) per controllare questo vasto paese. Finalmente la soluzione ideale è trovata. Cornelio Scipio è riconosciuto re di Macedonia e erede di Filippo V. questa soluzione è il compromesso tra il potere romano, il desiderio d’indipendenza della Macedonia e la situazione pratica. Questo espediente improvvisato servirà di esempio più tardi. Il regno di Macedonia come la Lega di Corinto sono soci di Roma, pagano tributo, forniscono ausiliari ma conservano le loro legge e un governo proprio.

80: La Bitinia si allea a Roma, ciò permette a Silla di sbarcare in sicurezza in Asia minore. Lì, divide le sue truppe tra un esercito destinato a invadere la satrapia di Asia, comandato dal giovane luogotenente Gnaeo Pompeo, e un secondo esercito comandato da Silla stesso per riconquistare il Ponto occupato dai Seleucidi. Silla raggruppa le ultime forze pontiche allo sbando allorché Pompeo avanza verso sud, dove l’aspettano le truppe di Demetrio III.

79: Pompeo è bloccato in Asia dai Seleucidi, le città greche rifiutano di entrare nella guerra per paura della repressione com’è avvenuto dieci anni prima.

78: Silla entra come liberatore a Sinope, la capitale pontica, le truppe nemiche si sono ritirate. La dinastia regia è spenta e Silla deve assumere il potere con accordo del Senato. È bloccato per lungo tempo nel Ponto, onde riportare l’ordine nel paese.

77: un congresso della nobiltà e delle città pontiche offre la corona a Silla. A Roma Comizi e Senato discutono di questa possibilità. Il Senato vede di buon occhio tutti questi generali ambiziosi allontanarsi dall’urbs e nei Comizi il popolo è contento che Silla, conosciuto come una persona energica e conservatrice, stia lontana dal potere a Roma. Di più questa sovranità di un cittadino romano fa entrare il Ponto in un vassallaggio che costa poco e può fare guadagnare tanto. Silla accetta la corona e il Senato incarica Lepido di proseguire la guerra. Però allo stesso momento in Spagna la ribellione scoppia diretta da un’ufficiale di Mario deluso nelle sue ambizioni, Sertorio. Pagato dal Gran Seleucide provoca una vera secessione delle città iberiche. Ciò permette a Demetrio III di negoziare una pace di compromesso. Riconosce l’indipendenza della Lega Achea, e della Macedonia, fa la pace con il Ponto ma i Romani devono evacuare l’Asia e le isole egee. Roma, occupata alle sue spalle accetta ma le cenere sono ancora calde e a Roma il popolo è ancora favorevole alla guerra (che ha arricchito parecchio il cittadino medio, se non l’ha ucciso).

76: ad Antiochia Demetrio III è rovesciato dai suoi fratelli, i due gemelli Antioco XI e Filippo I che si dividono il trono. Si presentano come due nuovi Dioscuri e preparano una nuova guerra per riconquistare la Grecia. Nei mesi seguenti sconfiggono l’usurpatore Antioco X in Commagene. Ambedue i re, Scipione di Macedonia e Silla del Ponto firmano, dei trattati economici con Roma. I Romani e gli Italiani hanno il diritto di insediarsi liberamente nel loro regno, ricevono i diritti d’isopolitia e d’epigamia. Per di più i due sovrani accolgono molti avventurieri romani nei loro eserciti per addestrare e comandare le truppe o per riscuotere le tasse.

75: Morte di Silla, suo figlio Fausto Silla è riconosciuto come re del Ponto dagli abitanti e da Roma. In pochi anni l’energico generale era riuscito a diventare un sovrano popolare, educato nella cultura greca si era ellenizzato perfettamente. Il nuovo re è una figura nuova e destinata a fiorire del duro e prammatico re romano di cultura greca. Introduzione dei culti di Giove, Minerva e Marte in Oriente, identificati a degli dei greci. In Ispania la pace permette di occuparsi sul serio della ribellione di Sertorio. Il ribelle è vinto e il suo esercito annientato. Però Roma deve concedere a numerose città tra le più romanizzate la cittadinanza romana come avvenuto nella guerra sociale venti anni prima.

74: Antioco XI e Filippo I dichiarano improvvisamente la guerra ai Romani e ai suoi vassalli, subito un esercito invade la Bitinia dove il re Nicodemo III è appena morto. Vogliono occupare un paese nemico che può servire di base ai Romani; il Ponto è di nuovo isolato. Nel sud ,delle tribù libiche pagate dai gemelli attacano la provincia di Africa e avanzano fino ad Adrumento.

73: mentre l’esercito romano è mandato in Oriente, in Italia scoppia la grande ribellione di schiavi di Spartaco. L’assenza della maggior parte dell’esercito permette a Spartaco e ai suoi di metter la penisola a ferro e fuoco; due legioni sono massacrate dai ribelli. In Oriente il re di Tracia tradisce e permette alle truppe di Antioco XI di passare in Europa dove affrontano il nuovo esercito romano-macedone del re Scipione, senza grandi risultati. Nel Ponto, Fausto Silla resiste all’invasione di Filippo I. Sulle coste del Peloponneso la Lega achea vede la flotta seleucida fare razzie sulle città; Argo è distrutta. In Africa il vecchissimo re Giugurta entra in guerra per aiutare Roma a respingere il nemico dalla provincia di Africa.

72: Spartaco, ritiratosi nel sud dell’Italia, chiama in suo soccorso l’impero seleucide e gli promette il dominio dell’Italia. Però i due gemelli sovrani non hanno la flotta sufficiente per approfittarne e per di più non si fidano dello schiavo. Così lasciano passare l’occasione di portare la guerra in Occidente. In Africa le truppe romane e numide di re Giugurta annientano le tribù libiche alla battaglia di Tapso, mettendo al sicuro la provincia di Africa. Roma e il suo alleato decidono di marciare sulla Cirenaica seleucide. Filippo I abbandona il fronte pontico al suo alleato il re di Armenia e prepara una spedizione contro i Parti che tornano ad essere pericolosi.

71: in Italia il ricchissimo Crasso annienta la ribellione degli schiavi e ordina una repressione durissima, mettendo sulla croce tutti i colpevoli di ribellione. L’ordine è riportato in Italia. Lo stesso anno Pompeo annienta la flotta seleucida preso Faselide; controlla ormai il mare Egeo e fa occupare le isole che entrano a fare parte della Lega di Corinto. Antioco XI, rimasto bloccato in Tracia è costretto a ordinare la ritirata in Asia per non essere intrappolato in Europa.

70: consolato di Pompeo e Crasso. Sarà Crasso a governare a Roma nel triumvirato repubblicano allorché Pompeo guida gli affari della guerra. Il generale Lucullo è spedito in Oriente dove con l’aiuto di ausiliari romano-pontici invade il regno di Armenia, alleato dei Seleucidi. In Persia il basileos Filippo I è ucciso dai Parti, questi ultimi iniziano a penetrare in Mesopotamia. Antioco XI si ritrova solo e troppo occupato a respingere i Romani.

69: Alla fine del suo consolato Pompeo riceve il comando dell’esercito in Oriente e sbarca in Asia.

68: con la battaglia del Meandro Pompeo, sconfigge Antioco XI stesso che deve ritirarsi oltre il Tauro, la satrapia di Asia è abbandonata dai Seleucidi, le sue città si proclamano libere.

67: il generale Lucullo prende Tigranocerta, la capitale dell’Armenia e spedisce le sue richezze a Roma, si dice che così ha pagato il Senato per farsi dare la corona dell’Armenia, ma possiede già il paese con le sue truppe insediate in colonie militari. Lo stesso anno il Senato decide anche di dare la corona del regno di Asia a Gneo Pompeo come ricompensa della sua vittoria ma le città greche rifiutano di riconoscerlo e si ribellano contro l’occupante. Ciò mette fine ai progetti di Pompeo di invadere direttamente la Siria.

66: in Siria il basileos è assassinato da una giunta di generali che portano al potere l’ultimo dei figli di Antioco VIII, Antioco XII. L’esercito prende il potere e organizza con efficacia la difesa dell’impero contro la futura invasione romana. Viene finanziata la ribellione dell’Asia e riportato l’ordine in Mesopotamia.

65: In Giudea i Romani appoggiano e finanziano una nuova ribellione ebrea. Gerusalemme si rende indipendente sotto la guida degli fratelli Ircano II e Aristobulo II, discendenti dei Maccabei.

64: Pompeo riprende il controllo della maggior parte dell’Asia con la presa di Efesa e di Pergamo, le due principali città ribelli. Però la guerra non è finita; Pompeo deve adesso difendersi contro i Galati chiamati dai Greci.

63: battaglia di Ancira. Pompeo sconfigge l’alleanza tra Greci ribelli e Galati, questi ultimi devono riconoscersi sudditi del re romano. Avendo pacificato il suo regno può organizzarlo e impone una durissima amministrazione composta da pubblicani romani. Però il potere romano in questo regno è impopolare. I Romani devono aspettare prima di farne una base per attaccare la Siria.

62: a Roma il demagogico Sergio Catilina diventa console, sconfiggendo Cicerone, quest’ultimo si ritira della vita politica. Catilina ha le mani libere per lanciare una politica di riforme istituzionali. Il triumvirato non ufficiale degli anni precedenti è ufficializzato, composto dal primo tribuno, dal princeps del Senato (rieletto ogni anno) e da uno dei due consoli. Diventa la somma magistratura della repubblica che protegge l’equilibrio dei poteri. Prende anche delle misure popolari come la distribuzione di terre ai veterani rovinati, così fonda una colonia a Cartagine (Colonia Sergia Carthago) e a Bibracte. Crea delle nuove tribù per i nuovi cittadini d’Italia e di Spagna ecc. Lui e il suo alleato Cesare controllano per buona parte la politica interna della repubblica contro il partito conservatore senatoriale di Crasso.

61: presa di Gerusalemme, l’esercito seleucide in piena ricostruzione e ancora in pace al nord si lancia in una durissima repressione contro gli Ebrei per mostrare la loro capacità a fare ancora rispettare l’ordine. Antioco XII fa bruciare il Tempio. Ircano II e Aristobulo II riescono a fuggire e la ribellione prosegue nel resto del paese. La comunità ebrea di Roma, diventata importante dal II secolo invia mezzi e uomini pagati per aiutare alla causa, Crasso stesso contribuisce e fa dichiarare il popolo ebreo amico e alleato di Roma.

59: consolato di Cesare, prosegue le riforme popolari di Catilina ma lo tradisce presto negoziando con Crasso e altri per ottenere il comando dell’esercito in Oriente. Catilina perde ogni peso nel Senato ma conserva una certa influenza nei Comizi.

58: Cesare prende il comando delle legioni d'Oriente stanziate nel regno di Pompeo in Asia, al contrario degli altri capi degli ultimi anni prepara immediatamente un’offensiva di grande stile e prende contatti con i Parti ad Est.

57: Cesare alla testa di una flotta fa occupare l’isola di Cipro, dove fonda un grande tempio a Venere, secondo lui sua antenata. L’isola diventa la base per attacchi sulle coste seleucide e per rifornire gli Ebrei al sud.

56: Cesare attacca Tarso e oltrepassa il Tauro, alleato dalle truppe asiatiche e armeniane avanza verso Antiochia stessa, però le difese seleucide lo rallentano. Ad est, secondo suoi piani, i Parti attaccano sotto la direzione del generale Surena. Presto diventa ovvio che il generale Parto lavora per il conto dei suoi, non invia aiuto a Cesare e occupa più territorio possibile in Mesopotamia, conquistando senza difficoltà Babilonia.

55: assedio di Antiochia. Cesare circonda la capitale nemica dove si è rinchiuso Antioco XII e il suo principale generale Aiace. Il generale romano costruisce vaste difese e strutture d’assedio che ne faranno l’assedio tipo dell’arte militare romana. I Seleucidi inviano in soccorso ad Antioco un esercito costituito dalle truppe stanziate in Giudea, ma sono respinti e Cesare rimane vincitore. Dopo avere espulso donne e bambini della città il basileos nemico deve prendere la decisione di arrendersi e si reca al campo di Cesare per umiliarsi allorché il generale Aiace si suicida. La vittoria del Romano è completa. Ad est i Parti avanzano con rapidità sulle terre abbandonate dai Seleucidi; presso Ninive Surena sconfigge e uccide Filippo II, generale autoproclamatosi basileos dopo la presa di Antiochia. Cesare deve sbrigare i suoi progetti per non farsi prendere la Siria dai Parti. Più a sud il giovane Antioco XIII, figlio del basileos prigioniero, fugge verso l’Egitto e raggruppa le truppe seleucide. A Roma Crasso viene eletto console. Si evidenzia la ripresa del potere dei conservatori. Davanti al Senato e i Comizi spiega il pericolo rappresentato dai Parti e la brutta situazione creata da Cesare.

54: alla fine del suo consolato Crasso si fa dare il comando dell’esercito di Siria e ordina a Cesare di secondarlo. I Seleucidi non rappresentano un pericolo immediato e Crasso vuole respingere i Parti. Così dichiara la guerra a re Orodes II.

53: Crasso attacca i Parti in Mesopotamia con l’esercito d'Oriente, ma è sconfitto severamente a Carre. La sconfitta diventa presto un disastro e Crasso stesso perde la vita miseramente. Cesare, rimasto indietro, riprende allora il comando delle truppe. Raggruppa le coorti superstiti con l’aiuto di Cassio Longino (con cui nasce una grande amicizia) e ordina la ritirata seguito da vicino dalla cavalleria del generale Surena. Finalmente Cesare si rinchiude in Aleppo dove sostiene l’assedio con due legioni.

52: I luogotenenti di Cesare, Labieno e Marco Antonio, arrivano presso Aleppo per aiutare i superstiti di Carrae che resistono da ormai due mesi all’assedio. I Parti sono meno efficaci in assedi che in assalti di cavaleria e questa situazione non gli piace; la resistenza romana in Siria è ancora troppo forte. Si ritirano in Mesopotamia e iniziano le trattative di pace. Finalmente Cesare incontra Surena nell’oasi di Palmira e firma la pace. La Siria ai Romani, la Mesopotamia ai Parti, la testa di Crasso sarà restituita ma le insegne prese nella battaglia rimarono trofei umilianti nelle mani di re Orode. In Gallia Roma deve vincere l’ultima ribellione gallica guidata da Vercingetorige, figlio di re Celtill. Dopo essere stato vinto, le Gallie non saranno più teatro di violenze. La cultura romana si è diffusa rapidamente ed entro qualche anno si potrà parlare di una vera civiltà gallo-romana.

51: Roma conferma le condizioni della pace con i Parti; Catilina entra nel triumvirato, stavolta in qualità di tribuno della plebe, dove affronta Catone, capo dell’ala conservatrice del Senato, e fa la pace con Cesare. La guerra partica è stato uno spreco inutile, i Romani non hanno guadagnato niente. Antioco XIII è riuscito a ritirarsi in Egitto dove ha raccolto denaro e truppe sufficienti per una difesa efficace e blocca il commercio del grano egiziano. Ha stabilito la sua capitale ad Alessandria dove ha sposato la propria sorella Berenice VI secondo la tradizione faraonica. I Seleucidi sono ancora presenti in Giudea dove lottano ancora contro gli Ebrei, ma anche in Nabatea. E dopo la sconfitta di Carre Cesare non ha più le truppe sufficienti per attaccare; deve riorganizzare la Siria e il suo esercito.

50: Cesare invia alcuni uomini in Giudea a sostenere la ribellione ebrea, prendendo contatto con l’uomo forte della ribellione Antipater, il cui potere è nato dopo la morte di Aristobulo II ed è il nemico di Ircano II. Il figlio di Antipater, Erodo, è inviato in qualità di ambasciatore ad Antiochia. L’invio di truppe romane e di volontari delle comunità ebree d’Italia permette ai ribelli di ampliare la loro azione.

48: Gneo Pompeo Megalos, re di Asia, è assassinato da un greco vittima della sua politica mentre visita la città di Efeso. La cosa provoca la ribellione delle città greche ma anche una guerra tra gli eredi del ex-generale romano.

47: Cesare e il suo esercito invadono la Giudea dove entrano in contatto con i capi ebrei. Dopo durissimi combattimenti Gerusalemme è ripresa e i Seleucidi si ritirano su Gaza, ultima piazzaforte prima dell’Egitto. Però la situazione locale tra le diverse fazioni religiose e politiche è esplosiva. Ircano II è nominato grande prete, Erodo è nominato stratego di Galilea, iniziando la sua lunga carriera.

46: il Senato di Roma offre la corona di Siria a Giulio Cesare. È il risultato di trattative del generale con i politici di Roma; Cesare si offre di riprendere la guerra contro i Parti (ma secondo una leggenda solo un re potrà sconfiggerli) a suo favore giocano la rete clientelare e il peso di Catilina, ben lieto di non vedere più tornare Cesare in Italia. Così nasce il regno cesariano di Siria. Antiochia è ribatezzata Caesarea come altre città. Cesare si prepara alla guerra contro i Parti. Cesare consiglia al Senato di dare la missione di conquistare l’Egitto seleucido al suo molto capace luogotenente Marco Antonio; così sarà fatto. Marco Antonio è immediatamente inviato per sorvegliare la situazione in Giudea e preparare la guerra.

45: Sesto Pompeo, figlio del re di Asia prende il potere a Pergamo, riuscendo a sconfiggere tutti i nemici possibili. Viene riconosciuto re dal Senato. Sotto il suo regno l’Asia sviluppa una forte flotta di guerra che lui consente di utilizzare come polizia del mare in Mediterraneo orientale per conto di Roma. Intermezzo

Stamattina Caio Giulio Cesare si è svegliato pieno di inquietudine. Il suo sogno è stato veramente realistico e preoccupante. Tranquillizzato dalla dolce mattina di Antiochia (o piuttosto Caesarea come l’aveva ribattezzata con poco umiltà) si lasciava vestire da una corrazza dorata e ripensava a questo sogno. Era tornato a Roma, accolto da tutti i senatori riuniti. Però tutti lo guardavano con ansia o addirittura con paura. Anche dopo le sue vittorie in Siria e neanche dopo avere ricevuto la corona di Antiochia con il permesso del Senato, i suoi colleghi avevano mai dimostrato così reverenza nei suoi confronti. Per loro era rimasto un Romano, un cittadino uguale a loro, il fatto che era ormai re in un paese straniero non cambiava niente; tutti i Quirites erano naturalmente dei re. Allora perché stavolta tutti questi segni di un potere assoluto e duro, perché lui stesso considerava tutto ciò come normale? Diverse persone chiedevano un appoggio o qualsiasi cosa, ma ad un certo punto il senatore Metello, che conosce e stima, fa un gesto strano e subito il sogno cade nell’orrore: tutte le persone che vede l’attacano con coltelli. Tutti questi degni senatori che lui conosce così bene lo colpisono ancora e ancora, c’é Cassio Longino, c’é Metello … e c’é anche Bruto! Bruto ! Il console in carica! Un uomo che considera come un figlio! Cosa significa tutto questo? Finisce il suo sogno a terra, ai piedi della statua di Pompeo (cosa fa una statua di Pompeo qui?), è stanco, non sopporta più il dolore, si sente venir meno e si copre la faccia della toga. … E a questo punto si sveglia, sudato tra le sue regie lenzuole. _ « Basileos? » _ « Cosa? » _ « Vi aspettano tutti, l’esercito è pronto a partire. » _ « Di cosa parli? » Lo schiavo lancia uno sguardo preoccupato all’ufficiale davanti alla porta, che aspetta con diverse altre persone, c’è un rumore stupito. _ « È oggi, o basileos » La guerra! Come aveva potuto dimenticarla! Ci sono migliaie di soldati siriani e greci con qualche reparto di Romani volontari che l’aspettano per la sua grande spedizione contro i Parti! E lui rimane lì. come se non c’è nient’altro da fare! Lancia uno sguardo imbarazzato a suoi uomini: _ Ehm, mi sto addormentando in questa città, questa piccola guerra non ci farà del male! Gli ufficiali ridevano ancora a questa povera scusa allorquando Cesare usciva dal palazzo per issarsi sul suo cavallo. Non dovrei lasciarmi preoccupare da un semplice sogno, soprattutto allorché questa « piccola guerra » non sarà facile, disse fra sè, prendendo la testa delle truppe. Però era davvero strano quanto questa mattina delle idi di marzo; a lui sembrava bella, era come se stesse annegando e avesse ritrovato l’aria, tutto sembrava nuovo e meraviglioso, la città, gli elmi dell’esercito in marcia luccicando al sole, la freschezza dell’aria, anche gli alberi ! Proprio come se fosse rinato. « Ma basta con questi pensieri oziosi. Devo rimanere sveglio. Oggi, ancora una volta, prendo un cammino che non ho mai percorso. »

.

44: Cesare dichiara guerra ai Parti insieme a Roma. Invade subito la Mesopotamia. Ai suoi fianchi il giovane Ottaviano sperimenta la guerra per la prima volta. In Giudea, Antipatro è assassinato da nemici politici e i disordini militari si sviluppano senza che Marco Antonio riesca a controllarli. A Roma, consolato di Bruto e Cassio Longino, lo stesso anno muore Catilina.

43: Cesare avanza con prudenza nelle terre dei Parti al contrario di Crasso ma ciò permette alla cavalleria partica di mobilitarsi, ma senza più Surena a guidarla (è stato assassinato da re Orodes). Le truppe romane e partiche muovono durante tutto l’anno attraverso la Mesopotamia senza affrontarsi direttamente. Cesare chiede a Marco Antonio di lasciare la Giudea per rinforzarlo; cosa che il suo ex-luogotenente fa senza discutere.

42: seconda battaglia di Gaugamela. Le truppe greco-siriane di Cesare e le legioni romane di Marco Antonio riescono a sconfiggere per la prima volta i Parti. Quest’ultimi hanno perso tanti uomini e devono ritirarsi in basi più sicure in Persia. Per Cesare è la vendetta tanto desiderata per l’umiliazione di Carrae e per di più questa vittoria a Gaugamela fa di lui uno nuovo Alessandro, cosa sognata dai tempi della sua gioventù. La Mesopotamia cade nelle mani nel regno cesariano. Cesare entra da trionfatore in Babilonia e come Alessandro ordina subito di farla restaurare e farne la seconda città del suo regno. Durante la battaglia Ottaviano per poco ha rischiato di morire; è stato salvato per un pelo da Marco Antonio stesso, e ciò farà dei due grandi amici. In Giudea, Antigono, figlio di Aristobulo II prova a prendere il potere e inizia la guerra civile contro i fedeli ai Romani guidati da Erodo. Antigono si allea ai Parti.

41: Cesare è costretto a rimanere in Mesopotamia per organizzare la provincia, le sue difese e il suo esercito in previsione della lunga campagna in Persia. In Giudea la ribellione, sostenuta in segreto da Antioco XIII si propaga; Erodo deve fuggire.

40: ad Alessandria Antioco XIII è avvelenato dalla sua sorella-sposa Berenice VI che si proclama regina d’Egitto. Iniziano trattative con Marco Antonio e quest’ultimo non è ostile all’idea, ma Roma gli ordina di rompere le relazioni di conquistare l’Egitto. Lo stesso anno Roma dà ufficialmente il suo appoggio a Erode e lo riconosce come re degli Ebrei ma quest’ultimo deve totalmente riconquistare il suo regno. Le truppe di Cesare penetrano in Persia, respingono un attacco partico preso Susa e continuano ad avanzare.

39: battaglia navale di Pelusio, la flotta di Marco Antonio annienta l’ultima flotta seleucide e sbarca in Egitto. Le truppe nemiche sono scarse e mal pagate, i Romani non hanno difficoltà a puntare direttamente su Alessandria. Berenice, consapevole della sua debolezza si arrende e prova a sedurre il generale romano. La regina gli promette l’Egitto se le lascia salva la vita, e i privilegi del suo rango; Marco Antonio accetta anche se il Senato gli aveva chiesto di spedire l’ultima dei seleucidi a Roma per suo trionfo.

38: morte di Cesare, il sovrano siriano-romano era già vecchio e soffriva sempre più della sua malattia; si spegne in pace nel suo letto a Susa. L’esercito siriano si trova in questo momento in pericolo ma Cesare aveva già nominato Ottaviano come erede. Quest’ultimo diventa re di Siria ed aiutato dal suo amico Vipsanio Agrippa riesce a riprendere le redini dell’esercito. Consapevole della sua debolezza e delle distruzioni inflitte ai Parti negozia la pace. Recupera tutta la Mesopotamia, lascia la Persia ai Parti, ottiene anche la restituzione delle insegne romane prese a Carrae e le spedisce a Roma. Una volta tornato a Cesarea il giovane Ottaviano Cesare riorganizza la pace per il suo nuovo regno e lo pacifica. Fa dichiarare Cesare dio e gli fa costruire uno grande tempio, il Kaisarion. Il giovane re stesso si fa attribuire gli onori divini e prende il titolo di Sebastos.

37: dopo un’orrenda guerra di tre anni, fatta di tradimenti, massacri, imboscate e battaglie Erodo prende Gerusalemme e fa giustiziare Antigono e il grande prete Ircano II. Erodo diventa così l’unico re degli Ebrei. In Egitto Marco Antonio, come concesso del Senato si fa incoronare re d’Egitto e subito sposa Berenice VI legittimando il suo potere. Roma avrebbe preferito creare una provincia in Egitto per rifornirsi del suo grano, cosa che chiedeva Catone. Però Marco Antonio ha ancora un suo esercito e non è disposto a lasciare la preda (inoltre si fa consigliare da Berenice). Il Senato deve finalmente accettare uno nuovo regno romanistico (come si chiamano questi regni dei Romani nei paesi ellenizzati). Marco Antonio firma un trattato con il quale, come tutti gli altri re, diventa vassallo e alleato di Roma, promettendo di fornire gratuitamente una parte del grano egiziano alla madrepatria.

31: in quest’anno, i triumviri, con gran cerimonia, chiudono le porte del tempo di Giano. La grande guerra orientale è ormai finita e Roma non combatte in nessun conflitto dopo anni di pacificazione. La repubblica stessa sembra forte e immortale. La guerra ha portato un bottino immenso all’Urbs, Roma è lo stato il più ricco al mondo, e di questa ricchezza approfittano tutti i cittadini. Le perdite della guerra sono state meno importanti del previsto. Sono anni che i Romani non rappresentano più la maggiore parte dell’esercito con tutti gli ausiliari greci, macedoni, pontici, asiatici, siriani ecc. Senza parlare della massa di nuovi cittadini creati in Italia e in Ispania. Politicamente il regime triumvirale ha portato la stabilità. E qualche anno prima è avvenuta la grande riforma del governo delle provincie. Sono ormai governate da prefetti romani eletti ogni anno e non più da proconsoli e la loro amministrazione è stata riorganizzata per dare rappresentanza ai provinciali. All’estero i Parti sono stati sconfitti e non sono le tribù germaniche a rappresentare un pericolo. La rete di regni satelliti greco-romani forma una riserva in denaro e uomini enorme e anche una muraglia contro tutte le minacce. Su proposta di Ottaviano Sebastos di Siria, Roma e i regni si sono riuniti a Delfi dove hanno definito le condizioni di associazione tra Roma e loro. I regni sono vassalli, soci. I Romani possono insediarsi liberamente in Oriente e viceversa. La cittadinanza latina e romana potrà essere concessa agli Orientali. Guarnigioni romane sono stanziate nei regni che pagano tributo ma questi sono indipendenti, hanno le loro dinastie reali, i loro eserciti e il loro governo, ma in materia di politica estera devono chiedere il parere di Roma. La repubblica romana prende così l’egemonia dell’ecumene greco composto dalla Lega di Corinto, dall’Epiro, dalla repubblica di Rodi, dal regno di Macedonia (dinastia romana degli Scipioni), dalla Tracia, dalla Bitinia, dal Ponto (dinastia romana dei Silla), dall’Armenia (dinastia romana dei Luculli), dalla Siria (dinastia romana dei Cesari), dalla Giudea e dall’Egitto (dinastia seleuco-romana degli Antoni). Il periodo di quest’ordine mondiale sarà chiamato periodo romanistico, vedendo nascere una sorta di cultura greco-romana in un ambiente di pace e di prosperità (nella nostra TL è la cultura imperiale).

25: spedizione di Ottaviano Sebastos in Arabia; la zona entra nella sfera politica del regno cesariano di Siria. Ottaviano riceve lo stesso anno la prima ambasciata indiana mai arrivata in Occidente a Caesarea. Prevede di sviluppare i porti del golfo persico per iniziare un continuo commercio.

24: morte di Marco Antonio, suo figlio Alessandro Elio diventa il secondo re della dinastia antoniana (XXXII dinastia). Prosegue la guerra meridionale iniziata da suo padre per conquistare il regno faraonico dei re di Tebe. Riuscirà a unificare l’Egitto in due anni, con la presa di Tebe e più tardi con l’occupazione della prima cataratta.

20: spedizione del re Mitridate Silla del Ponto in Chersoneso per conquistare le vaste pianure di Scizia, fonda numerosi porti sulle coste del mar Nero mentre più ad Est l’Armenia conquista la Colchide e avanza verso Est. Fondazione di Scitopoli (Kiev).

15: il console Bruto guida un esercito nel nord della repubblica e giunge il fiume Danubio, sottomette le tribù locali. Questa spedizione è stata preparata in coordinazione con il re Filippo I Scipione di Macedonia che porta la propria frontiera fino al Danubio e conquista la Mesia. Il Senato prevede di conquistare la Germania per la sicurezza dell’Italia e delle Gallie.

12-8: serie di guerre da parte della repubblica per conquistare la Germania.

6: in Giudea il regno tirannico di re Archelao provoca l’intervento su richiesta del Senato di Ottaviano e Alessandro Elio. La Giudea diventa un regno fantoccio sotto lo scettro di Erode II Antipa.

9: il console Varo muore combattendo nella battaglia di Teutoburgo. La battaglia è più un massacro dove tre legioni spariscono totalmente. La conquista della Germania viene abbandonata e la repubblica decide di non oltrepassare i confini del Reno e del Danubio.

14: Morte di Ottaviano Cesare Sebastos; a lui succede il figlio di sua moglie Livia, il giovane Tiberios Kaisar.

17: il console Seiano guida una nuova spedizione in Germania ma Roma non può più imporsi nella zona. In Oriente il basileos Tiberios riprende la guerra contro i Parti, l’esercito conquista una grande parte della Persia sotto direzione di Germanikos (chiamato così per il suo addestramento militare nell’esercito della repubblica anni prima in Germania). I Parti sono respinti nelle Alte Satrapie.

30: nel regno di Giudea un rabbi di nome Gesù, originario di Nazareth, viene crocifisso (uso imitato dai Romani) su ordine di re Erode II Antipa.

31: il triumviro ed ex-console Seiano è arrestato e giustiziato per avere preparato un colpo di Stato per farsi incoronare re di Roma.

32: l’ultimo re di Numidia e Mauretania, discendente di Giugurta, lascia in eredità il suo regno a Roma che lo trasforma in provincia. Cartagine riceve la cittadinanza romana con altre città africane.

37: morte del basileos Tiberios. Inizio del regno di Kaios Kaisar, ma suo regno tirannico e paranoico convince Roma a intervenire nel 41. Con l’aiuto dei re di Asia e d’Egitto il tiranno viene deposto e giustiziato dalle legioni. Al suo posto I triumviri scelgono suo zio Klaudios.

43: la repubblica si lancia nella conquista delle isole britanniche; nella stessa epoca numerose città e popoli gallici ricevono la cittadinanza romana e si vedono dei capi galli entrare al Senato.

47: inizio della predicazione cristiana di San Paolo.

51: il re Markos II Dionisios d’Egitto lancia la sua prima guerra per conquistare il regno nilotico di Meroe e avanzare in Egitto nell’obiettivo di entrare in contatto con l’Etiopia.

54: il basileos siriano Klaudios è avvelenato dalla sua moglie Agrippina per portare al trono suo figlio, il giovane Nero Apollo Kaisar. Il secondo figlio del basileos, Britannikos (chiamato così in onore della conquista romana delle isole britanniche) fugge a Roma per paura di essere ucciso.

63: nuova pace tra la Siria e i Parti. La forza dei Parti e la debolezza del basileos Nero Apollo permette ai Parti di vincere la guerra. Un regno fantoccio di Persia è creato per servire da stato cuscinetto.

64: grande Incendio di Roma; prime persecuzioni contro i cristiani ordinate dal triumviro Corbulone. Il cristianesimo è dichiarato religione proibita a Roma. Medesime persecuzioni saranno bandite nei regni romanistici di Oriente. A Caesarea la corte di Nero Apollo cade in una sorta di decadenza e di anarchia descritta dallo scrittore romano Petronio. Nel regno siro-romano la tirannia del basileos si appesantisce anche sui cittadini romani provocando delle tensioni con Roma.

66: ribellione degli Ebrei contro re Erode Agrippa II, intervento delle legioni romane ma la critica situazione in Siria impedisce agli alleati siriani e egiziani di intervenire.

67: spedizione sul Nilo del re d’Egitto Alessandro II Antonio, che sconfigge definitivamente il regno di Meroe e incontra il re di Etiopia col quale stringe un’alleanza.

68: dopo anni di attività politica preso il Senato il principe Britannikos riesce a convincere i senatori del pericolo rappresentato da Nero Apollo, accusato di tirannia e di incapacità. Davanti alla situazione dei cittadini romani del regno e del pericolo rappresentato dalla ribellione ebrea il triumvirato decide l’invio delle legioni aiutate dalle truppe del regno di Asia e d’Egitto comandate dal console Galba per deporre il buffone siriano. Quest’ultimo preferisce fuggire e darsi la morte preso Neropoli (Aleppo). Galba è insediato come reggente di Siria.

69: il console Galba è assassinato dal generale siro-romano Ottone, capo della guardia reale. Quest’ultimo si proclama basileos. Ma è presto rovesciato dal governatore di Babilonia Vitellio. Roma non può sopportare questa situazione e ordina al generale Vespasiano, capo dell’esercito di Giudea di riportare la Siria nell’ordine romano. Nello stesso momento Britannikos con truppe romane occupa Cipro. Vespasiano vince e uccide Vitellio e prende possesso di Caesearea dove accoglie Britannikos Kaisar, ultimo superstite dalla dinastia cesariana, riconosciuto re di Siria dal Senato.

70: Vespasiano e suo figlio Tito prendono Gerusalemme e mettono fine alla ribellione ebrea. Quest’ultima vittoria finisce di trasformare il generale Vespasiano in eroe della repubblica. Al suo ritorno a Roma sarà eletto console e triumviro, diventando il vero capo della repubblica nei dieci anni seguenti e il più grande romano del I secolo. Su decisione di Roma la Giudea è divisa tra il regno di Siria e il regno d’Egitto del re Alessandro II Antonio.

79: morte di Vespasiano, però la sua popolarità permette a suo figlio Tito di farsi eleggere triumviro. Lo stesso anno Pompei è distrutta dal Vesuvio.

81: consolato di Domiziano, il secondo figlio del triumviro Vespasiano si dimostra ben più ambizioso del fratello. In Brittania il console Agricola completa la conquista delle isole britanniche in Caledonia.

82: spedizione militare del re romano del Ponto in Scitia, che risale il fiume fino al mar Baltico. Nascita della via commerciale degli Sciti, che collega il mondo romano e il mondo baltico, sviluppo del commercio dell’ambra. Però questa zona non è conquistata e rimane terra di nessuno.

86: guerra contro i Daci, il regno di Macedonia deve pagare tributo ai Daci e si ritrova in pericolo, perciò chiede l’aiuto di Roma. Secondo consolato illegale di Domiziano, quest’ultimo sviluppa uno potere quasi-monarchico e si fa riconoscere princeps del Senato a vita.

96: congiura contro Domiziano accusato di essere diventato tiranno di Roma. Viene assassinato da un gruppo di lealisti repubblicani. Cocceio Nerva diventa triumviro e restaura il potere repubblicano.

98: consolato e triumvirato di Traiano. Questo generale risponde alle richieste macedoniche di re Perseo II Scipione e prepara una futura guerra contro i Daci.

99: seconda ambasciata indiana nel regno di Siria, il re Tiberios II Kaisar restaura il commercio marittimo con l’India. L’esercito prende il controllo delle coste del golfo persico e fonda il porto di Basileia (Bassorah). Primi contatti con la Cina.

101-106: guerre daciche di Ulpio Traiano. Le truppe della Roma repubblicana e gli ausiliari romano-macedoni sconfiggono i barbari d’oltredanubio. Il bottino è immenso e permette di restaurare le finanze della repubblica. L’ambizioso Traiano si fa concedere dal Senato la corona della Dacia e crea un potente regno romano-barbarico sulle rive del Danubio.

106: il regno cesariano di Siria annette l’Arabia nabatena.

108: grande spedizione romano-egiziana sul Nilo per scoprire le sorgenti del Nilo, la spedizione giunge fino ai grandi laghi del centro dell’Africa e prende contatto con questi popoli. Fondano alcuni fondachi e sviluppano un grande commercio dell’avorio, degli schiavi e dei diamanti il lungo del Nilo.

112: grande Costituzione, il Senato e i Comizi di Roma accordano la cittadinanza romana a tutti gli abitanti maschi e liberi della repubblica.

114-117: nuova guerra romano-partica, Roma e la Siria riprendono il controllo del regno fantoccio di Persia ma una ribellione ebrea impedisce di penetrare in Partia stessa.

117: alla morte del basileos Kaios II Persikos di Siria l’avventuriero romano Aelio Adriano riesce a farsi riconoscere dalla nobiltà locale e dal Senato re di Siria. Inizio della dinastia antoniana. 120: Prima spedizione romano-egiziana nel bacino del Congo.

121-125: primo viaggio ufficiale del basileos Aelios Adrianos Kaisar sul mare verso l’India dove firma patti di amicizia con i regni locali. Offre anche la sua protezione agli ultimi regni greco-battriani greci della zona ma senza effetti.

128-134: seconda spedizione marittima di Adrianos Kaisar, stavolta prende contatti con le coste africane, incontro con i re di Saba e poi di Etiopia con i quali sono stabiliti rapporti commerciali.

132-135: Adrianos reprime un’ennesima ribellione ebrea. Gerusalemme è ripresa e la sua popolazione ebrea espulsa in tutto l’Oriente. Però la repubblica rifiuta di accogliere nel suo territorio gli ebrei espulsi.

138: morte di Adrianos Kaisar, gli succede Antonino Kaisar.

155: il basileos siriano invia un’ambasciata nella lontanissima Serica (Cina) però senza grandi risultati.

161: morte di Antonino, Markos Aurelios Kaisar diventa basileos, ripresa della guerra contro i Parti, durante questo periodo la Mesopotamia è persa.

166: prima invasione germanica in Occidente, la citta di Aquileia è assediata. Roma conduce nuove campagne militari in Germania.

180: morte di Markos Aurelios, Kommodos diventa basileos in Siria.

192: Kommodos è assassinato, guerra civile in Siria. La repubblica e il regno ulpiano di Dacia sommettono vasti territori sul Danubio e in Germania.

193: Roma invia in Siria il console Pescennio Nigro a riportare il regno alla pace. Ma presso Emesa il generale romano-siriano Settimio Severo si proclama re e sconfigge le truppe della repubblica nel 194. Sconfigge anche le truppe mandate successivamente mandate dal secondo console Clodio Albino nel 197. Roma deve finalmente riconoscere Settimio Severo re di Siria. Viaggio di Severo a Roma per firmare la pace, inizio della dinastia severa.

197-202: Settimios Severos riprende il controllo della Persia.

Also on Fandom

Random wikia