Fandom

Scratchpad

Sergio Romano

215,933pages on
this wiki
Add New Page
Discuss this page0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

La storia fatta con i se: perché è utile studiarla

Penso spesso alla «storia fatta con i se», soprattutto da quando il Corriere ha dedicato al tema una serie di articoli l’estate scorsa nelle pagine culturali. In questi giorni i soldati del nostro contingente hanno consegnata ai serbi la targa in memoria dello studente serbobosniaco Gavrilo Princip, che assassinò l'arciduca austriaco Francesco Ferdinando il 28 giugno 1914. Che cosa sarebbe accaduto se l’attentato non avesse avuto luogo o fosse fallito? Quell’avvenimento fu la scintilla della prima guerra mondiale, la quale fu a sua volta la principale causa della rivoluzione bolscevica. E’ lecito supporre che senza la prima guerra mondiale non ci sarebbe stata neanche la seconda e che senza l'avvento del comunismo non vi sarebbero state né la guerra di Corea né quella del Vietnam. Possiamo considerare Gavrilo Princip il colpevole delle tragedie del secolo scorso oppure gli eventi avrebbero avuto comunque lo stesso corso?

  • Pierangelo Bonazzoli, bonazzolipng @ yahoo.it


Caro Bonazzoli,
Benedetto Croce pensava che la storia ipotetica o virtuale fosse un esercizio ozioso, una inutile perdita di tempo. Questo non impedì a scrittori, storici e uomini politici di sbizzarrirsi su alcune ipotesi. Winston Churchill si chiese che cosa sarebbe accaduto se il generale Lee non avesse vinto la battaglia di Gettysburg durante la guerra civile americana. George M. Trevelyan provò a immaginare la storia d’Europa se Napoleone avesse vinto a Waterloo. Eun brillante storico inglese, A. J. P. Taylor lavorò con la fantasia proprio sull’attentato di Sarajevo a cui lei si riferisce nella sua lettera. L’arciduca Francesco Ferdinando, ricordò Taylor, aveva sposato una contessa boema che la corte di Vienna guardava dall’alto in basso; e amava le visite ufficiali proprio perché la moglie, al suo fianco, ricevesse tutti gli onori dovuti a una granduchessa. Se l’avesse amata un po’ meno, forse, quel giorno non sarebbe andato a Sarajevo. Questi capricci storiografici risalgono agli anni Trenta. Da qualche tempo tuttavia la «storia con i se» non è più un esercizio letterario. Ha cambiato nome( si chiama ora controfattuale) ed è diventata una branca della ricerca storica, molto rispettata soprattutto fra gli studiosi angloamericani.Ame piace perché serve a smantellare la convinzione di certi storici secondo cui ogni avvenimento sarebbe il risultato necessario e inevitabile di alcune condizioni politiche e sociali. E’ certamente vero che l’Austria, nel 1914, era dominata dalla inquietante prospettiva del proprio declino e ansiosa di ridare lustro, con un prova di forza, alla propria potenza imperiale. Mavi è sempre nelle vicende storiche una considerevole dose di impulsi personali e, soprattutto, di casualità.Unlettore di Firenze, Piero Widenfels, mi ha chiesto qualche giorno fa perché Hitler, nel giugno del 1941, abbia deciso di invadere l’Unione Sovietica e, contrariamente a una consolidata dottrina dello stato maggiore tedesco, di combattere su due fronti. Ebbene quell’evento, nonostante molte dotte e laboriose analisi, resta strettamente legato alla personalità del Führer, quindi difficilmente spiegabile con strumenti impeccabilmente logici. La storia controfattuale, quindi, è una buona terapia contro il determinismo storiografico. Vedo con piacere che se n’è servito recentemente anche Gian Enrico Rusconi, autore di un libro («L’azzardo del 1915») di cui ho scritto nel Corriere di qualche giorno fa. Nell’ultimo capitolo Rusconi pone tre domande: che cosa sarebbe accaduto se l’Italia fosse entrata in guerra nell’agosto 1914? Se il negoziato per la sua neutralità fosse stato gestito da un governo presieduto da Giolitti, vale a dire dall’uomo politico più contrario al conflitto? Se l’azione militare italiana fosse stata, in due particolari circostanze, più energica e decisa? Non le anticipo le risposte di Rusconi. Nella storia controfattuale, come nei romanzi polizieschi, ogni lettore deve arrivare da solo all’ultima pagina.

Fonti

Corriere della Sera, Venerdi' 22 Aprile 2005

Also on Fandom

Random wikia