Fandom

Scratchpad

Terra Italia

215,866pages on
this wiki
Add New Page
Discuss this page0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Solo due volte, nella storia della Repubblica romana, il Senato ed i Comizi esitarono prima di scegliere la guerra: nel 264 e nel 202 a.C., rispettivamente prima di iniziare il confronto con Cartagine e la Macedonia. Nel 264 il Senato rifiutò di accogliere la richiesta di aiuto dei Mamertini contro Cartagine, rinviando la questione a comizi, che votarono la guerra. Ma se invece... evidentemente il Senato nutriva perplessità sulla possibilità della Repubblica di vincere Cartagine, o di proseguire l'espansione fuori d'Italia. Dunque, nel 264 la richiesta d'aiuto dei mamertini viene respinta, ed approvato invece l'invio di due armate consolari contro gli Apuani e i Friniati, in vista di una guerra risolutiva contro gli antichi nemici, i galli Boi ed Insubri. Gli Apuani appongono strenua resistenza, ma alla fine vengono annientati e deportati in Lucania ed Irpinia.

L'assegnazione di terre ai Liguri provoca una vasta rivolta che coinvolge Messapi, Picenti, Vestini, Marsi, Peligni, Caudini, Irpini, Dauni, Lucani, Bruzii, Falisci e Iapigi; nel 263, 262, 261, Roma impegna le sue forze nel distruggere le ultime resistenze del Sud; vaste aree agricole sono convertite alla colonizzazione viritana, aggiungendo 20.000 kmq all'Ager Romanus; interi popoli, come i Caudini i Falisci ed i Vestini, sono cancellati dalla faccia della Terra. Nel frattempo, un'armata proconsolare dal territorio Apuano attacca i Liguri Eleiati e Statellati, il cui paese è annesso e aperto alla colonizzazione romana nel 260. Nello stesso anno è il turno degli Ingauni, mentre le due armate consolari attaccano rispettivamente i Galli Boi e Taurini, nel tentativo di schiacciare a tenaglia gli Insubri. Scoppia dunque la terza guerra gallica, nel corso della quale gli Insubri ricevono l'aiuto dei Gaesati trasalpini.

La sconfitta di Taurini e Salassi ad opera del proconsole Attilio regolo, nel 259, taglia la Cisalpina dal resto del mondo gallico. Nel 258 gli insubri, attaccati da Romani, Veneti e Cenomani, si arrendono, Veneti e Cenomani ricevono la status di Latini e sul loro territorio vengono dedotte le colonie romane di Aquileia, Cremona e Brixia. Nel 256, i Boii, ridotti allo stremo, privati di quasi tutta la loro terra, con la maggior parte dei maschi adulti massacrata dalle legioni (tra cui i loro ex alleati Insubri), migrano in Pannonia, lasciando l'intera Emilia all'Ager Romanus. Seguono tre campagne (contro Cenomani ribelli, Gaesati e Tridentini, nel 255, Leponzii, Salassi, Poenini ed Orobii, nel 254, Carni, Euganei, Camuni, Pusterii e Venosti nel 253) per consolidare il possesso della pianura padana e della valli, dove gli alleati trovano nuova terra da colonizzare. Il processo si conclude nel 252, quando due armate consolari sono inviate rispettivamente contro la città greca di Nikeia, ridotta a municipium, e gli Histri, il cui paese è unito all'Ager di Aquileia.

Il 251 vede due campagne consolari, non però di conquista, ma di bottino. Vittime ne saranno i Raeti al di là delle Alpi ed i Giapidi del Quarnaro (in effetti, le isole di Veglia, Cherso, Lussino, Lissa e Lagosa passano a Roma). Viene stabilito dunque il confine della Terra Italia. Nel 250 viene consacrato il nuovo Pomerium, segnato dal Quarnaro, dal Carso, dalle Alpi e dal Var. Nello stesso anno due legioni saccheggiano il territorio dei Salluvii, Galli che minacciavano l'alleata di Roma, Marsiglia, ma non vi compiono conquiste.

Nel frattempo, Cartagine si trova coinvolta in una guerra contro Siracusa, e malgrado l'aiuto prestato a Gerone dalla lega Achea, nel 249 tutta la Sicilia passa sotto controllo cartaginese, grazie soprattutto all'abilità del generale Amilcare Barca, che in seguito deventa governatore della Sardegnae della Corsica, conquistandosi buoni rapporti con le popolazioni locali. Marsiglia resta l'ultima città greca indipendente nel mediterraneo occidentale.

Also on Fandom

Random wikia